Filanda de Boron: i vini che non conoscono la chimica

In Trentino, ai piedi del ghiacciaio dell’Adamello-Brenta, l’Azienda vinicola Filanda de Boron, produce vini che, dal contesto naturale, assumono profumi e caratteri unici.

Brenta. Parco Adamello. Se si chiudono gli occhi vengono in mente il bestiame che vaga libero, sentieri innevati ed il freddo pungente del Trentino. Ma grazie alla lungimiranza di Nicola Del Monte nell’azienda Agricola Filanda de Boron, dal 2008, ciò che era inimmaginabile è diventato realtà, una realtà che si chiama vigna e che fa rima con viticoltura eroica e resistente. L’azienda è della famiglia Boron dai primi del ‘900, ma si è dovuti arrivare alla quinta generazione perché un’idea tanto folle e impensabile potesse prendere forma.

«Ero affascinato dai vitigni resistenti capaci di affrontare i nostri duri inverni e soprattutto di combattere naturalmente le malattie che affliggono la vite. Sono passati otto anni e fortunatamente i miei grappoli di vitigno Solaris non hanno mai conosciuto la chimica» spiega con orgoglio Nicola Del Monte.

Azienda-vinicola-Filanda-de-Boron

Il produttore Nicola Del Monte (Foto © Alice Lombardi).

Ed ecco che ogni anno, sotto gli occhi di nonno Gianni, classe 1919, i Boron fanno tesoro di tutto il sole che sfugge alla severa imponenza dell’Adamello per produrre dalle 5 alle 6mila bottiglie di un nettare resistente ed orgoglioso, dai profumi unici. Due sono i prodotti che scendono a valle: uno spumante millesimato ed un bianco dalla forte complessità.

Le bollicine sono di “Lauro”, un originale millesimato di Solaris in purezza, con fermentazione effettuata grazie a lieviti selezionati e presa di spuma in autoclave per trenta giorni. Si tratta di un extra dry dai profumi montani, dove la spiccata acidità fa da contraltare ad altrettanta morbidezza.

Filanda-de-Boron-Dedit

Dedit è un vino privo di trattamenti filtrazioni.

E poi arriva “Dedit”, quel vino che Del Monte vanta di aver fatto assaggiare a chef stellati capaci di abbinamenti saggi e bizzarri allo stesso tempo. Si tratta di un prodotto complesso, dalla spiccata persistenza in un tripudio di frutti gialli maturi con un finale di frutta secca. 14 gradi di titolo alcolometrico ben celati in un vino che non ha mai conosciuto trattamenti né filtrazioni. Di certo un altro eccellente modo di far esprimere il vitigno solaris.


AZIENDA AGRICOLA FILANDA DE BORON
Sede: Tione di Trento (TN), via Pozedine, 5
Sito web: filandadeboron.it


Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Alice Lombardi

La psicogiornalista enologica - Giornalista, psicologa e sommelier AIS. Strana combinazione? Forse, o forse no perchè Alice la trasforma in un valore aggiunto,  intervistando le persone con l'empatia della psicoterapeuta e trattando la persona con la curiositas della giornalista.

© Riproduzione vietata
Scritto il: mercoledì, 27 aprile 2016

Ti potrebbero interessare:

10 vini emiliano-romagnoli da bere nelle vacanze in Riviera Adriatica
Filari di Storia: le cantine dell’Ager Falernus si aprono ai visitatori
Al Concorso Pane “Premio Roma” 2016, anche i biscotti artigianali di Stefano Campoli
Ilaria e Serena Ferrucci: due donne al comando dell'azienda vinicola romagnola
“Alba di Maggio” per celebrare l’Albana, regina di Romagna