Ad Imperia il caffè è tutto un altro Pianeta

Stile e rigore sono le parole d’ordine di un caffè-bistrot situato ad Imperia Oneglia, suggestiva città della Riviera del Ponente ligure.

Pianeta Caffè La Brasiliana - Imperia Oneglia

Il titolare Roberto Giuliani nel Pianeta Caffè La Brasiliana.

La luminosa ed assolata Piazza San Giovanni a Imperia Oneglia, ospita il “Pianeta Caffè La Brasiliana”, un autorevole punto di riferimento per quanti amano assaporare un caffè o un cappuccino dalla qualità e dal gusto eccellenti. Situata a un passo dal mare, questa caffetteria con annessa torrefazione (e viceversa) è anche un bistrot fuori dagli schemi, a partire dai proprietari, i coniugi Roberto Giuliani e Federica Lunghi con il figlio Mattia, molto preparati e intraprendenti, e ai simpaticissimi collaboratori, sempre attenti alle esigenze del cliente.

Due graziosi dehors vi attendono in ogni momento della giornata per gustare al meglio un “caffè gourmet” accompagnato da specialità dolci o salate, sfiziosi aperitivi, thè di altissima qualità e, a pranzo, invitanti piatti tipici della tradizione ligure.

All’ingresso del locale una tostatrice in bella vista, fa vivere al cliente un percorso sensoriale – visivo ed olfattivo – davvero notevole. Roberto è a disposizione di chiunque desideri acquistare del caffè tostato al momento, aggiungendo le sue preziose note verbali. Per gli avventori più esigenti, c’è anche il macinino “on demand” il quale consente di godere della fragranza e dell’aroma dei caffè in degustazione, in tutta la loro pienezza e freschezza. Roberto e Federica assicurano che un barman non può improvvisarsi: per avere un caffè dal gusto pulito in tazza e scongiurare sentori sgradevoli occorrono preparazione, conoscenza e solerzia nel dovere.

Pianeta Caffè La Brasiliana – Imperia Oneglia

Pianeta Caffè La Brasiliana - Imperia Oneglia

Federica Lunghi e Mattia Giuliani.

Pianeta Caffè” non è una semplice caffetteria ma molto di più. È un progetto di vita realizzato grazie a tantissimo impegno, preparazione, studio e dedizione. Roberto Giuliani, da sempre, prova una passione speciale per il buon caffè, vera arte italiana riconosciuta in tutto il mondo e, proprio per questo, nel 1981 inizia ad occuparsi della vendita di caffè di marchi noti.

Nel 1996, rileva la Torrefazione “La Brasiliana”, già esistente in Imperia fin dal 1962, ma non si sente ancora completamente appagato dalla sua nuova professione di torrefattore. È fermamente intenzionato ad andare oltre, a seguire quasi per intero la filiera del caffè e ricercare la perfezione nella tazzina. Tutto deve avvenire con la massima scrupolosità, dalla scelta della materia prima – necessariamente eccellente – alla più opportuna modalità di tostatura ed estrazione del caffè stesso, condotta secondo regole ben precise.

Nel 2006 il cerchio si chiude. Insieme a Federica ed al figlio Mattia, Giuliani inaugura “Pianeta Caffè”, un locale con un compito ben specifico: divulgare il caffè di qualità, grazie al non plus ultra della produzione mondiale di caffè monorigine e alle esclusive miscele, trattate ed ottenute nella Torrefazione La Brasiliana.

Come avviene la tostatura

Presso la “Torrefazione La Brasiliana” i caffè vengono tostati esclusivamente con metodo tradizionale, in forno a legna d’ulivo a cottura lenta, garanzia di fragranza e genuinità, una tostatura da veri maestri. I chicchi risultano così cotti uniformemente fino ad assumere una colorazione definita, in gergo, “a tonaca di frate”, sinonimo di giusto equilibrio. Il caffè in tazzina risulterà gustosamente morbido, pieno e rotondo, con un accenno impercettibile di amarezza.Pianeta Caffè La Brasiliana - Imperia Oneglia

I caffè trattati provengono dal Centro America, Africa, India, Indonesia e sono monorigine, cioè possiedono connotazioni esclusive legate alla specie di provenienza, al luogo di produzione e alle modalità di lavorazione. Le miscele, sono il risultato dell’unione di chicchi di caffè di origine diversa per garantire qualità e gusto equilibrato, dove dolcezza, acidità e aroma si incontrano come in una sinfonia. Ognuna delle miscele è, inoltre, composta da percentuali di caffè Arabica e Robusta. I caffè Arabica sono molto profumati, dolci, con una nota di cioccolato; i caffè Robusta risultano al palato spigolosi, astringenti, poco profumati e più amari. Insomma, ce n’è per tutti i gusti.

Per anni il claim di una nota pubblicità ha accompagnato tanti momenti della nostra giornata: «il caffè è un piacere, se non è buono che piacere è!». Parole sante, aggiungerei. Eppure non siamo in tanti a ricercare la purezza in una tazzina di caffè, il tran tran della vita quotidiana ci spinge sovente a mandar giù di tutto, senza prestare attenzione alla qualità. Meditate gente, meditate.

Pianeta Caffè
Piazza San Giovanni 3 – Imperia Oneglia
Aperto dal lunedì al sabato dalle 7.15 alle 20.00 – Chiuso la domenica
www.pianetacaffe.com

Print Friendly, PDF & Email
TAG:     , ,

Autore /


Anna Beccaccini

Pasarla Bien - Giornalista nata nel Salento, dopo la maturità, mi sono trasferita al nord alla ricerca di esperienze che stimolassero la mia crescita intellettuale. Ho vissuto a Milano, Bologna e Torino dove mi sono stabilita per 30 anni. Ho studiato Economia aziendale, approfondito lo studio della lingua francese, una delle mie grandi passioni. Complice il grande amore per i vini di qualità, scrivo di cultura enogastronomica, di libri e cinema per varie riviste specializzate. Ho praticato danza afro per 15 anni, poi tango argentino, e da due anni, lo yoga che mi ha svelato nuovi orizzonti fino a convincermi a mollare tutto per trasferirmi ad Imperia dove posso godere della vista e dell'ascolto del mare, direttamente dalla finestra del mio studio.

© Riproduzione vietata
Scritto il: mercoledì, 14 giugno 2017

Ti potrebbero interessare:

Sagra dei Battolli, a Uscio (GE) una festa tra degustazioni e solidarietà
Olio di canapa nella cioccolata spalmabile "CanaCiok": la Gelateria Perlecò elimina l'olio...
Papeete Beach di Imperia, un angolo di gusto tra mare e cielo
Lasagne Portofino con pesto alla genovese
Vino e caffè, analogie nella degustazione di due mondi affini