Intervista a Federica Prugnoli della Tenuta Villa Trentola di Bertinoro

Vinitaly 2016: intervista a Federica Prugnoli, titolare della Tenuta Villa Trentola di Bertinoro i cui vini non hanno perso il contatto con la migliore tradizione.

Tenuta-Villa-TrentolaSiamo al secondo giorno del Vinitaly, dopo l’incoraggiante inaugurazione di domenica quando la Fiera di Verona è stata visitata da migliaia di persone provenienti da tutto il mondo, nonostante la politica di aumento dei prezzi assunta per attirare un pubblico più selezionato e realmente interessato al settore e non solo per bere.

Uno dei padiglioni che attirano di più, anche perchè è collocato immediatamente all’ingresso, è quello dell’Emilia Romagna (Padiglione 1) che fin dalle prime ore del mattino di ieri è affollato. Tutti i produttori sono ai posti di combattimento, il cristallo dei bicchieri brilla e riflette le luci e i visitatori si guardano intorno per capire da quale cantina iniziare per le proprie degustazioni.

Nello stand del Consorzio Vini di Romagna, abbiamo intercettato Federica Prugnoli, titolare dell’azienda vinicola Tenuta Villa Trentola che ha sede sulle colline di Bertinoro (FC), i cui vini sono un connubio felice tra tradizione e innovazione soprattutto dal punto di vista della comunicazione.

L’azienda vanta una solida tradizione che risale al 1890 quando il nonno Enrico rilevò la tenuta dai Conti Gaddi e trasformò quella splendida distesa di campi coltivati, dolci colline, oliveti e vigneti in un’impresa che si è tramandata da generazione in generazione. Nonostante il trascorrere del tempo, i vini prodotti da Tenuta Villa Trentola rimangono legati alle antiche tradizioni e il risultato è costituito da nettari dalla raffinata eleganza, i cui profumi e sapori riconducono ad una terra vocata alla produzione vinicola. Le varietà prodotte sono Romagna Sangiovese Superiore D.O.C. – Riserva, Merlot, Romagna Sangiovese D.O.C. Superiore, Sangiovese Forlì IGP.

 

Ciao Federica, come è andata la prima giornata del Vinitaly.
Sta arrivando molta gente e ai cancelli ci sono file sia ieri che oggi. Speriamo che non siano solo persone curiose ma che anche interessati e che l’evento sia anche un modo per fare buoni affari.

Com’è l’afflusso di stranieri finora?
Per ora, è passato il nostro cliente canadese ma siamo solo all’inizio.

Quali sono le aspettative quest’anno?
Ci siamo preparati molto a questa edizione, molto più degli altri anni. Siamo fiduciosi che il nostro impegno sarà ripagato.

Per il futuro cosa avete progettato nella promozione internazionale?
Proseguiremo tutte le iniziative degli scorsi anni ma abbiamo in programma diverse iniziative interessanti.

Tenuta Villa Trentola – Bertinoro (FC)
www.villatrentola.it

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Originario della Campania, vivo a Bologna dal 1999. Con "La Grassa" non è stato amore a prima vista. Abbiamo iniziato come amici e, lentamente, mi sono innamorato della sua cucina, dei prodotti tipici che propone, della sua creatività mista ad anticonformismo. Ho una laurea in Economia aziendale, mi piace leggere e scoprire storie, mondi e persone anche molto diverse da me. Coltivo la passione per il web writing, il web marketing e la comunicazione in generale che mi ha portato a scrivere di teatro, spettacolo, musica e tv. Attualmente mi dedico all'enogastronomia e frequento il terzo livello del Corso per aspiranti sommelier, presso l’AIS di Bologna (Associazione Italiana Sommelier).

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 11 aprile 2016

Ti potrebbero interessare:

GasBo - Gruppo di Acquisto Solidale di Bologna
Lune Buone: a Bologna è arrivato l'orto bio 2.0
Le 4 serate dei "Quaderni del Loggione" presso Villa Benni di Bologna
Simone Rugiati conquista Bologna con il suo show cooking
Un viaggio nella cultura del vino a Palombara Sabina: torna "Il Giorno di Bacco"