Torte straordinarie con gli stampi Zila Cake Mould

Gli stampi per torte in silicone della Zila Cake Mould sono uno strumento professionale per creare torte, semifreddi, antipasti salati e appetizer. Consentono di ottenere porzioni perfette da farcire con creme e salse liquide.

Zila-stampi-per-torte-in-siliconeChi coltiva la passione per la pasticceria e per la cucina in generale, oggi può trovare in commercio tanti strumenti che non hanno nulla da invidiare a quelli dei professionisti: robot da cucina, utensili e accessori rendono il nostro lavoro più rapido, meno faticoso e più preciso perché anche la presentazione ha la sua importanza. Si dice, infatti, che ogni piatto si “mangia” prima con gli occhi e quindi deve essere appetibile e accattivante.

All’ultimo Sigep di Rimini, in quell’ambiente che per un’appassionata di pasticceria e cake design come me è il paese dei balocchi, ho scoperto degli stampi in silicone innovativi che hanno subito attirato la mia attenzione perchè diversi da quelli usati comunemente e che si trovano in circolazione. Sto prlando degli stampi per torte Zila, brevettati e prodotti dalla Zila Cake Mould, un’azienda di Budapest che li commercializza anche nel resto del mondo tramite la vendita on line.

Gli stampi in silicone Zila sono stati progettati per ottenere torte dolci e salate, nonché semifreddi, dessert e ogni tipo di lievitato; la forma di ogni stampo presenta già il segno delle fette in modo da ricavarne porzioni precise che sono anche vuote al centro e che, quindi, si possono farcire a nostro piacimento.

Il materiale di fabbricazione è ottenuto da una speciale combinazione di silici che lo rendono resistente alle alte temperature (fino a + 260°) e a quelle basse (fino a -50°). Intorno allo stampo è posizionato un anello di acciaio inossidabile che serve per torte e semifreddi di forma perfetta. Ovviamente tutti i componenti possono essere lavati in lavastoviglie.

Gli utilizzi degli stampi per torte Zila

Pensiamo ad un buffet in cui desideriamo ottenere torte variopinte in cui ogni fetta è farcita di una crema diversa, bon bon e semifreddi, cubetti dolci o salati, triangoli farciti, appetizer, contorni e lievitati. Una volta che togliamo la torta dal forno, basta effettuare la separazione a caldo delle fette, dei cubetti o dei triangoli e si procede a farcirli e a decorarli. Le farciture possono essere infinite: creme liquide, mousse, confetture, frutta fresca, creme di formaggi, verdure o con qualsiasi altro ingrediente che ci suggerisce la nostra fantasia.

Misure degli stampi

Stampi-silicone-Zila-Cake-MouldPer le torte sono disponibili stampi per 8, 12 e 16 fette, tutte uguali e tutte con la parte vuota da riempire con creme e salse liquide. Per mignon farciti come quelli dei grandi maestri pasticceri sono disponibili stampi per ottenere 40 triangoli oppure per 25 quadratini. Si possono adoperare anche per lievitati dolci e salati: baguette, muffin, ciambelloni.

Storia degli stampi Zila

L’inventore di questi accessori è László Zila, un maestro pasticcere con 25 anni di esperienza che era alla ricerca di un modo per creare un dolce con una salsa liquida simile ad un bon-bon e a un dessert al piatto. Inoltre voleva creare degli accessori che potessero velocizzare il lavoro di pasticcerie, ristoranti e società di catering ma che, nello stesso tempo, diventassero accessibili anche per un uso casalingo. La sperimentazione è durata due anni, si è avvalsa del finanziamento dell’Unione Europea e il cofinanziamento del Fondo per lo sviluppo regionale europeo.

Dove acquistare?

Per avere informazioni o per acquistare gli stampi è possibile collegarsi al sito web www.zilacakemould.com oppure inviare un’e-mail info@zilacakemould.com.

Di seguito un video che illustra come si utilizzano gli stampi.

Zila Cake Mould
www.zilacakemould.com

Print Friendly, PDF & Email
TAG:    

Autore /


Daniela Minnella

Nata e cresciuta a Siderno, dopo la maturità, Daniela si stabilisce a Bologna. Allegra, estroversa e generosa ha, da sempre, la passione per la cucina e per la pasticceria, con cui delizia il palato della sua famiglia e di tanti amici. Da qualche anno, ha deciso di farne un lavoro ed è diventata una personal chef di successo. Per La Gazzetta del Gusto è "La Spacciatrice di sapori" e racconterà di ricette ed eventi enogastronomici.

© Riproduzione vietata
Scritto il: venerdì, 5 febbraio 2016

Ti potrebbero interessare:

Apicoltura Monte Bibele, il miele biologico a Bologna
Frutta da viaggio, gli snack gustosi e naturali al 100%
Azienda Agricola Fontanacota, a Imperia un piccolo gioiello moderno
Erica Liverani contro Lorenzo de Guio. Ecco chi ha vinto la sfida Master CLAI
Ad Imperia il caffè è tutto un altro Pianeta