I ragazzi dell’Artusi di Riolo Terme cucinano contro il terremoto

Un’amatriciana solidale anche a Riolo Terme, in provincia di Ravenna, dove domenica 9 ottobre gli studenti dell’Alberghiero Pellegrino Artusi cucineranno per il pubblico.

L'amatriciana solidale dell'Albergiero Pellegrino Artusi di Riolo TermeAnche i ragazzi dell’Istituto professionale alberghiero “Pellegrino Artusi” di Riolo Terme, in provincia di Ravenna, appena iniziato l’anno scolastico, hanno deciso di rimboccare le loro casacche per dare un contributo a favore delle popolazioni colpite dal terremoto.

Domenica 9 ottobre, dalle ore 11 alle 14 infatti, nel paese collinare alle porte di Faenza lungo la centrale via Mazzini, saranno disposte delle tavole dove, chi vorrà, potrà sedersi, acquistare il pacchetto costituito da un piatto di amatriciana, un bicchiere di vino e una bottiglietta d’acqua da mezzo litro, al modico costo di 10 euro, e devolvere l’intero ricavato alle popolazioni colpite dal sisma.

L’iniziativa, svolta in collaborazione col Comune di Riolo Terme e la Pro Loco, vede il coinvolgimento anche di un altro istituto scolastico (il professionale “Persolino-Strocchi” di Faenza) e di numerosi sponsor che hanno reso possibile l’iniziativa fornendo le materie prime.

In caso di maltempo, l’evento si svolgerà all’interno dell’Istituto Alberghiero, in via Oberdan.


AMATRICIANA SOLIDALE
Dove: Riolo Terme (RA), via Mazzini
Quando: Domenica 9 ottobre
Orario: dalle ore 11 alle 14
Costo: 10,00 €
Sito web: www.alberghieroriolo.gov.it


Print Friendly, PDF & Email
TAG:     ,

Autore /


Alice Lombardi

La psicogiornalista enologica - Giornalista, psicologa e sommelier AIS. Strana combinazione? Forse, o forse no perchè Alice la trasforma in un valore aggiunto,  intervistando le persone con l'empatia della psicoterapeuta e trattando la persona con la curiositas della giornalista.

© Riproduzione vietata
Scritto il: mercoledì, 5 ottobre 2016

Ti potrebbero interessare:

Istituto Superiore "G. Magnaghi" - Salsomaggiore (PR)
Un corso sul Pesce? A Bologna in 3 ore ci svelano tanti segreti!
A Bologna l'aperitivo si chiama "Aperilibro"
L’erba del vicino è sempre più verde: cronaca di una serata bolognese
Firenze Taste tour: 5 prodotti che non dimenticheremo