Una terrazza sull’infinito: sul City Red Bus Bologna tra arte, natura e gastronomia

Cosa si prova a raggiungere i colli bolognesi ed ammirare una incantevole vista della città, visitare una spendida dimora storica, degustando un ottimo olio extravergine biologico? Tutte queste esperienze si possono vivere grazie al tour su un trenino rosso. Noi ci siamo stati.

City Red Bus Bologna: Una terrazza sull’infinito

City Red Bus Bologna: Una terrazza sull’infinito. Una foto di Villa Scarani.

City Red Bus è un servizio che offre l’opportunità di scoprire Bologna e i suoi dintorni a bordo di un colorato trenino turistico. Una delle ultime iniziative proposte è “Una terrazza sull’infinito”, un piacevole percorso che si è svolto martedì 25 luglio, fino a raggiungere i colli bolognesi per una degustazione di olio. Nell’attesa del prossimo appuntamento del 29 agosto 2017 vi raccontiamo questa esperienza.

Una terrazza sull’infinito con il City Red Bus Bologna

Il trenino è partito da Piazza Maggiore alle 18.45 con circa 60 persone a bordo, tra turisti e curiosi, alla scoperta della bellissima Villa Scarani dove era stata predisposta una degustazione guidata di olio biologico dell’Azienda Agricola Ca Scarani. Il tour, di circa due ore, ha ripercorso alcuni degli scorci più caratteristici di Bologna: dalla piazza principale, si è arrivati in piazza Galvani e, passando per via Farini, i viaggiatori hanno ammirato la chiesa di San Paolo Maggiore. Tra lo scatto di una foto e l’altro, si è giunti in porta San Mamolo da cui è iniziata la salita, immersa nel verde delle colline bolognesi, per arrivare nella maestosa dimora di via dell’Osservanza 41.

City Red Bus Bologna: Una terrazza sull’infinito

Il City Red Bus con cui viene effettuato il tour (Foto © CityRedBus).

Villa Scarani: Bologna sotto i piedi

Ad accogliere i turisti c’erano gli attuali padroni di casa, il Marchese Ranuzzi e il figlio Michelangelo che hanno guidato la visita della villa, posizionata a 250 metri sul livello del mare e quindi ventilata e fresca. Costruita nel 1780 dal Marchese Nicolò Scarani, che l’adibì a dimora estiva per scampare alla calura bolognese, la storica residenza è ricca di fascino e bellezze artistiche.

Al suo interno, si possono ammirare affreschi della scuola del Basoli e quadri, come quello della Natività, della scuola dei Carracci. Attraversando la porta finestra di una di una delle sale, si arriva ad un gaudente giardino, che regala una vista senza paragoni; volgendo lo sguardo all’orizzonte l’effetto è di avere Bologna sotto i piedi mentre, in lontananza, si scorgono le due torri, la Cattedrale di San Pietro, la Basilica di San Petronio e altre costruzioni architettoniche del centro storico.

City Red Bus Bologna: Una terrazza sull’infinito

Il panorama su Bologna da Villa Scarani (Foto © Gdg).

L’Azienda Agricola Ca’ Scarani: degustazione olio Robur

La visita prosegue per raggiungere un secondo terrazzo che, insieme al resto della villa, ospita numerose cerimonie ed eventi. «È come essere su un aeroplano sopra la città», afferma il Marchese Ranuzzi. In questa terrazza, da cui si scorgono anche le piante di ulivo che occupano un’ampia area che arriva fino al bosco di ingegneria, si è svolta la degustazione dell’olio prodotto dall’azienda Ca’ Scarani di proprietà dei Conti Ranuzzi de Bianchi che, dal 2004, produce olio extravergine d’oliva e ortaggi da agricoltura biologica. «15 anni fa, abbiamo deciso di coltivare 1000 piante di ulivo – continua il Marchese Ranuzzi – perché sulle colline bolognesi c’è sempre stata la coltura di questa pianta perchè, a questa altitudine, l’aria è calda e asciutta anche in inverno e questo favorisce la crescita».

City Red Bus Bologna: Una terrazza sull’infinito

City Red Bus Bologna: Una terrazza sull’infinito (Foto © GdG).

Protagonista del banco d’assaggio è stato l’Olio Robur prudentia firmat, ottenuto dalla miscela di diverse varietà di olive, accompagnato da un aperitivo con prodotti gastronomici di altre aziende locali. Il Robur, dal colore giallo tendente al verdognolo, ha la certificazione ICEA (Istituto Certificazione Etica e Ambientale), che attesta una produzione rispettosa dell’uomo e dell’ambiente, ed è stato insignito del marchio QC (Qualità Controllata).

Il nostro olio è di qualità perché curiamo costantemente il terreno, potiamo regolarmente gli ulivi ed eseguiamo la molitura in circa 12 ore dal raccolto, il che permette la creazione di un prodotto dal giusto aroma e sapore, ha spiegato il Marchese Ranuzzi.

L’olio dell’azienda agricola si può acquistare durante la degustazione oppure presso il punto vendita all’interno del Mercato delle Erbe, in via Ugo Bassi a Bologna.

Ulteriori informazioni

Il prossimo appuntamento sul City Red Bus Bologna per la degustazione in Villa Scarani è fissato per il 29 agosto 2017 . Il costo di questa intensa esperienza, fatta di arte, natura e cibo, è di 18 euro per gli adulti e 10 per i ragazzi fino ai 15 anni. Comprende, il giro turistico della città, il percorso naturalistico per raggiungere Villa Scarani, la visita alla dimora e la degustazione guidata dell’olio abbinato a prodotti enogastronimici.

Per informazioni e prenotazioni consigliamo di consultare la pagina Facebook di Cityredbus, in particolar modo, l’evento “una terrazza sull’infinito”. Inoltre per scoprire tutte le iniziative della compagnia di trasporto turistico, si può visitare il loro sito www.cityredbus.com.

© Articolo di Danila Bronico

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Redazione

La squadra di redazione de La Gazzetta del Gusto è ricca di professionisti della comunicazione, blogger, esperti di alimentazione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

© Riproduzione vietata
Scritto il: venerdì, 28 luglio 2017

Ti potrebbero interessare:

Fattorie Aperte 2015
Cantina Vino libero di Albenga ospita il Casaro della Regina Elisabetta
Terroir Marche Festival, Macerata passerella dei vini bio
Fritto e Frappato, incontri di fine estate tra il pesce e l'antico vino siciliano
Tra formaggi a latte crudo e cambiamenti climatici chiude in bellezza la kermesse piemontese