Enologica sempre più internazionale. Il programma di domenica

Enologica 2016: il programma di domenica 20 novembre, a Bologna a Palazzo Re Enzo

enologica-2016-il-programma-domenicaEnologica giorno due. Dopo l’inaugurazione ufficiale di sabato dell’edizione 2016 di Enologica, prosegue domenica 20 novembre (ore 11-20) a Bologna il Salone del vino e del prodotto tipico dell’Emilia Romagna. Oltre alla parte espositiva – con oltre 110 fra cantine, consorzi e produttori all’interno del centrale Palazzo Re Enzo e il consueto ricco calendario di seminari sui vini della regione e d’incontri con i cuochi – la seconda giornata di Enologica poterà in giro per la regione una decina di giornalisti stranieri provenienti da Usa, Canada, Cina, Corea, Gran Bretagna, Irlanda, Danimarca e Polonia e alcuni qualificati giornalisti nazionali esperti di enogastronomia. Perché il racconto dell’Emilia Romagna può viaggiare per il mondo senza mai rinunciare alla sua identità più profonda ed Enologica contribuisce proprio a tale obiettivo.

«Questa attività è stata possibile anche grazie all’accordo che Enoteca ha fatto con i Consorzi di riferimento per ogni territorio – Consorzio Vini di Romagna, Consorzio Vini Doc Colli Bolognesi e Consorzio Pignoletto Emilia-Romagna, Consorzio Tutela del Lambrusco di Modena, Consorzio Tutela Lambrusco di Reggio Emilia, Consorzio Tutela Vini Doc Bosco Eliceo, Consorzio Tutela Vini Doc Colli Piacentini – nella logica di un “sistema vino” che ci vede tutti coinvolti nelle attività promozionali del nostro territorio – sottolineano Presidente e Direttore di Enoteca Regionale Emilia Romagna, rispettivamente Pierluigi Sciolette e Ambrogio Manzi -. Tutti i territori lungo la via Emilia, da Rimini a Piacenza, toccando anche l’area ferrarese, sono sempre ben rappresentati all’interno di Enologica, anche attraverso i seminari e gli incontri con gli chef che prendono vita nella Sala del Quadrante di Palazzo Re Enzo».

Molti anche i buyer internazionali provenienti da Brasile, Canada, Cina, Danimarca, Giappone, Perù, Russia, Singapore, Regno Unito, Polonia, Usa e Germania.

Giorgio Melandri, curatore dell’evento: «Il vino ha bisogno di racconto, e il racconto ha bisogno del vino. Tutti oggi fanno vini buoni, dal Cile all’Australia passando per l’Europa, quello che fa la differenza è la capacità di legare il vino alla cultura, alla storia, alle tradizioni. Questo è il nostro lavoro, costruire la narrazione dell’Emilia Romagna e coinvolgere gli stranieri. Siamo un inedito italiano, straordinario e pieno di risorse e possiamo essere dei protagonisti se riusciamo a testimoniare la ricchezza della nostra identità. Anche quella popolare e insieme colta dei nostri burattini, quei personaggi che ci somigliano così tanto!».

enologica-2016-programma-domenicaI seminari della giornata, tutti condotti dal giornalista Giuseppe Carrus del Gambero Rosso, prevedono: ore 12 “Fortana, tra mare e terra. La storia di un vitigno di confine”; ore 14 “Esattamente lambrusco! I territori del lambrusco modenese”; ore 15 “Romagna Sangiovese, l’educazione sentimentale di un territorio”.

Al Teatro dei Cuochi saranno invece protagonisti: ore 13 Giovanni Cuocci de La Lanterna di Diogene di Solara di Bomporto (Modena) sul tema cotechino e Sorbara, presenta Enrico Vignoli; ore 16 Diego Sorba de Il Tabarro di Parma sul tema prosciutto di Parma e Malvasia, presenta Alessandro Bocchetti; ore 17 Pierluigi Di Diego del Don Giovanni & La Borsa Bistrot di Ferrara sul tema anguilla e Fortana, presenta Carlo Passera; ore 18 Matteo Tambini di O fiore mio di Faenza e Bologna sul tema castrato e Centesimino, presenta Luciana Squadrilli.

Anche a Enologica 2016 è promossa la APP “Via Emilia Wine and Food” realizzata dalla Regione Emilia-Romagna, in sinergia con APT Servizi e in stretta collaborazione con Enoteca Regionale.

Informazioni per il pubblico: cell. 347.5125365.

www.enologica.org   Facebook: Enologica con #enologica2016

Orario di apertura: dalle 11 alle 20 tutte e tre le giornate. Ingresso 25 €.

Print Friendly, PDF & Email
TAG:     , ,

Autore /


Redazione

La squadra di redazione de La Gazzetta del Gusto è ricca di professionisti della comunicazione, blogger, esperti di alimentazione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

© Riproduzione vietata
Scritto il: domenica, 20 novembre 2016

Ti potrebbero interessare: