Inaugurato il Primo Festival della Cucina dell’Azerbaigian in Italia

Piatti dai gustosi accostamenti inusuali, che si caricano di significati profondi e che rimandano alla convivialità e al potere commemorativo del cibo, fondamentale per gli Orientali. Vi raccontiamo una serata all’insegna del calore e dell’ospitalità azerbaigiana.

Festival della Cucina dell'Azerbaigian in Italia

Festival della Cucina dell’Azerbaigian in Italia.

Così lontana eppure così vicina, con le sue spezie, con i suoi trascorsi…La cucina azera approda nella Capitale, grazie al festival ad essa dedicato organizzato dall’Ambasciata e all’impegno profuso dagli esponenti del mondo politico, economico, culturale e dei media.

Nella location dell’Hotel Baglioni di via Vittorio Veneto, i piatti tipici Azerbaigiani, preparati per l’occasione dal noto chef Abuzar Shiraliyev e dal suo secondo Tural Bayramov, hanno saputo conquistare i numerosi presenti, grazie ai profumi, colori e aromi della terra d’Oriente.

Festival della Cucina dell’Azerbaigian in Italia, il successo della prima edizione

Festival-della-Cucina-dell-Azerbaigian-Roma

Il taglio del nastro della serata.

Ad introdurre la serata l’Ambasciatore Mammad Ahmadzada, che ha rimarcato la valenza del cibo quale momento di “conoscenza tra culture” e reciproco scambio, tematica sottolineata e approfondita anche dal sottosegretario del Ministero per i Beni e le attività culturali e il turismo, Antimo Cesaro.

Di spessore e di peculiare interesse, l’excursus del giornalista e critico gastronomico Carlo Cambi, che ha raccontato i sapori e i gusti della cucina tradizionale azera, evidenziandone la storia e suggerendone chiavi di lettura inattese, capaci di dischiudere legami tra materia prima, tradizione, presente e future evoluzioni. E così i piatti presentati non solo vengono apprezzati per i gustosi accostamenti inusuali, ma si caricano di significati più profondi che rimandano alla convivialità e al potere commemorativo del cibo e dello stare a tavola che, per gli Orientali, acquisisce un’importanza fondamentale.

Melagrana, simbolo dell’Azerbaigian e di buona sorta

Festival della Cucina dell'Azerbaigian in Italia

Alcuni piatti azeri, serviti nel corso della serata.

Dolma, dovga, dushbara, gutab, kebab, arricchiti con le tradizionali spezie (zafferano, curcuma, coriandolo e sumakh), danno piena mostra dei loro sapori e saperi, in abbinamento ai vini della nazione, alle tradizionali bevande a base di tè e succo di melograno. Ed è stato proprio quest’ultimo il protagonista della serata, nelle sue molteplici declinazioni, a testimoniare come sia simbolo dell’Azerbaigian e di buona sorte.

Il prossimo passo sarà la divulgazione del marchio “Made in Azerbaijan” in Italia, specie nel settore agro-alimentare, attraverso il coinvolgimento di piccoli artigiani che hanno inviato i loro prodotti durante la tre giorni romana del festival, tra cui Gilan FMCG, AzNar, Chabian Ismayilli Winery e RaziRice.

Il grande successo di pubblico dimostra l’interesse verso il lontano Oriente, reso molto più prossimo e vicino dal calore e dalla rara ospitalità azerbaigiana.

Print Friendly, PDF & Email
TAG:     , ,

Autore /


Manuela Mancino

Il segugio scopritore. Quasi vent’anni di passione trascorsi tra territori e ricerca, tra curiosità e desiderio di conoscenza del mondo del food. Mi sono formata frequentando numerosi corsi di sommelier, tecnico di olio e olive da mensa, di birra, di salumi, di formaggi e di acqua, partecipando a manifestazioni, aggiornandomi e condividendo opinioni. Lasciarsi guidare da profumi e sapori, abbandonandosi alla propria passione e ricercando l’anima più profonda di ogni “frutto” degustato…questa la mia filosofia!

© Riproduzione vietata
Scritto il: mercoledì, 6 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare:

Festival del Prosciutto di Parma, la grande festa del Re dei salumi
Il vino della Romagna, realtà e percezione di una viticoltura di qualità
Winchef contest, la competizione itinerante che promuove tradizione e innovazione
I 5 Food blogger di Roma più seguiti: nulla di grande è fatto senza passione
Vini da 14 paesi del mondo per La Grande Festa del Vino 2017