MagnaLonga d’Arasce, Alassio inaugura l’edizione numero UNO

Dopo il successo dello scorso anno, il 10 settembre torna la MagnaLonga d’Arasce 2016, una passeggiata enogastronomica alla scoperta dei luoghi meno conosciuti di Alassio e con gustose tappe a base di tipicità della Liguria.

Magnalonga-Arasce-2016Alassio non è soltanto l’elegante perla del Ponente Ligure dove trascorrere le vacanze all’insegna del mare, del divertimento e dello shopping nelle suggestive vie del centro storico. Questa cittadina ricca di storia, arte e testimonianze del passaggio di diversi popoli, offre anche scorci meno noti ma pieni di fascino ambientalistico dove si può passeggiare piacevolmente, sostando in ristoranti ed agriturismi che offrono un’enogastronomia fortemente legata al territorio e alle tradizioni.

Proprio la vita all’aria aperta con altre persone e le degustazioni dei migliori piatti locali sono le fonti di ispirazione della MagnaLonga d’Arasce che, dopo lo straordinario successo del 2015, torna il 10 settembre con l’edizione numero UNO. Si tratta di una passeggiata enogastronomica alla scoperta di una Alassio che non tutti conoscono e che si articolerà in 7 tappe del gusto con assaggi dei migliori piatti e vini locali e della Liguria.

Appare importante evidenziare come la MagnaLonga sia il risultato di una sinergia tra locali, alberghi, associazioni e cittadini alassini che hanno dimostrato come si possa “fare squadra”, proponendo un evento interessante sia per la città che per i numerosi turisti ancora presenti in questa estate. Inoltre sarà anche l’occasione per sostenere economicamente le popolazioni colpite dal recente sisma alle quali sarà devoluto il ricavato, al netto delle spese sostenute per l’organizzazione. Un piccolo gesto in un sabato di divertimento, bellezze e gusti di Liguria.

Il programma della MagnaLonga d’Arasce 2016

La partenza avverrà alle 9.00 da La Fenarina, con una sostanziosa colazione a base di caffè e focacce messi a disposizione da alberghi e artigiani alassini. Qualche ora dopo, l’aperitivo si terrà con vini della Cantina De Peri e l’indispensabile opera degli Alpini. Grazie al Parco Avventura Solleone, 4 fortunati “camminatori” potranno gustare l’aperitivo sull’albero.
A Moglio si farà tappa per il pranzo, organizzato grazie alla Società Operaia di Mutuo Soccorso di Moglio e gli Amici di Padre Hermann. Ecco il menù tipicamente ligure:
Antipasto
  • Cundiun del Ristorante “i fii de…”;
  • torta verde di “Arte e caffe‘”;
  • tagliere di formaggi della Macelleria “Antichi sapori” accompagnati da miele e confetture dell’ Agriturismo “Garumba”  e siamo all’antipasto.
Primo piatto
Troffie dell “Emporio al dente” di Alassio condite con lo squisito pesto del Frantoio “Armato”.

Secondo piatto

Sybil del Ristorante “Papei de turta” proporrà moscardini in guazzetto.

Dolce

Baci di Alassio di Balzola per una nota di dolce.

Altri momenti della manifestazione

Un altro appuntamento interessante sarà presso la Torre di Vegliasco con la rievocazione storica della leggenda di Adelasia e Aleramo grazie alla bravura di Nello Simoncini.

Solva e la sua Società Operaia di Mutuo Soccorso saranno i protagonisti della merenda a base di “Biscette” uno dei dolci per eccellenza di Alassio.

Dopo un caffè al Passo, la giornata si concluderà in Via Torino dove saranno allestiti diversi stand degli sponsor e si potrà gustare un gelato digestivo presso la Gelateria Perlecò.

Verso le 18,15 il trenino di Miletto sarà a disposizione per riportare i partecipanti a La Fenarina per recuperare i mezzi necessari a fare rientro alle proprie abitazioni.

Le iscrizioni possono essere effettuate presso La Casa del Disco, Caffè Narducci o online al sito www.magnalonga.eu. Ai primi 150 iscritti alla MagnaLonga d’Arasce verrà regalata una maglietta con il logo della manifestazione che sarà il “lasciapassare” alle varie tappe.

Print Friendly, PDF & Email
TAG:     , ,

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Dalla Campania si è stabilito a Bologna per lavoro, ormai da tanti anni. Laureato in Economia aziendale, è esperto di web marketing e comunicazione, è copywriter e scrive di enogastronomia, teatro, musica, spettacolo e tv. Sta frequentando il primo livello del Corso di sommelier, presso l’AIS di Bologna (Associazione Italiana Sommelier).

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 29 agosto 2016

Ti potrebbero interessare:

Sagra della Salamina da sugo al cucchiaio di Madonna Boschi
Festival del Prosciutto di Parma, la grande festa del Re dei salumi
Festival della Gastronomia, a Roma il nuovo volto del Cooking For Art
Leonessa pronta ad ospitare la grande festa della patata
Oltre il buono: a Milano la scommessa di Golosaria 2017