La Sagra del Pesce Spada di Acitrezza fa rivivere le antiche tradizioni

Nel weekend dal 9 all’11 giugno, presso lo scalo di Alaggio, si svolge un imperdibile evento per immergersi nel paesaggio assolato, sognante e malinconico descritto da Giovanni Verga. Tre giorni di degustazioni a base di pesce spada, divertimento e festa.

Sagra del Pesce Spada di Acitrezza 2017

Sagra del Pesce Spada di Acitrezza 2017 dal 9 all’11 giugno 2017.

Aci Trezza, sezione di Aci Castello in provincia di Catania, ospita la 28esima edizione della Sagra del Pesce Spada. L’occasione è la Festa del patrono San Giovanni Battista, che dal 9 all’11 giugno, nei pressi dello Scalo Alaggio, propone agli amanti del pesce l’opportunità di gustare un piatto cucinato nel rigoroso rispetto delle procedure tradizionali.

L’evento è legato, da una parte, alla storica attività della pesca dello Stretto di Messina risalente al XVII – XV sec a.C. e, dall’altra, al tradizionalissimo allestimento delle quattro grandi griglie per il pesce spada, proprio al centro dello Scalo.

Cosa prevede la Sagra del Pesce Spada di Acitrezza 2017

Sagra del Pesce Spada di Acitrezza 2017Coloro che parteciperanno riceveranno un piatto di pesce spada cucinato su di esse e condito con olio, origano, limone, sale, un piatto di insalata come contorno e, a scelta, una bibita o un bicchiere di vino bianco. Una cornice semplice per questo pesce, altamente proteico e ricercato per il suo gusto e per la particolare consistenza all’assaggio.

Come le numerose sagre di pesce in Sicilia, l’evento è molto atteso e riscuote ogni anno un notevole successo. La sagra è in realtà il preludio alle Sagre storiche della riviera Etnea, una serie di manifestazioni enogastronomiche del periodo estivo che, come hanno affermato l’assessore regionale Anthony Barbagallo e il Governatore della Commissione festeggiamenti della Sagra, si propongono di dare un impulso maggiore al settore enogastronomico siciliano e alla rivalutazione delle antiche usanze, per rimanere aderenti alla tradizione culinaria e peschereccia.

Un’esposizione di prodotti tipici locali e di artigianato saranno gli oggetti da scoprire e guardare mentre si passeggia e si degusta il pesce. In alternativa, basta volgere lo sguardo ai colori del tramonto catanese che si stagliano dietro i faraglioni del Lido dei Ciclopi. Se, come Verga ci ha raccontato, la famiglia Malavoglia non è riuscita a non barcollare di fronte all’irrompere della modernità, non è lo stesso per moltissime tradizioni che, irremovibili e mai obsolete, costituiscono un riflesso delle famiglie di pescatori di un tempo.

Per informazioni visita il sito web www.festasangiovanni.it.

Autore /


Clarissa Iraci

Cirasa siciliana - Sono nata e cresciuta a Palermo, capitale dello street food. Dopo la laurea in “Comunicazione per i Media e le Istituzioni“, con una tesi sulla “Traduzione sinestesica della sensazione gustativa in pubblicità”, ho deciso di seguire la passione per il mondo della gastronomia. Da siciliana orgogliosa, mi piacerebbe trasmettere passioni e storie relative al gusto, di questa terra bella e maledetta.

© Riproduzione vietata
Scritto il: giovedì, 8 giugno 2017

Ti potrebbero interessare:

I pesci dell’alto Adriatico arrivano a Dozza per il progetto “iSensi”
Culatello & Jazz al Castello di Roccabianca
Anteprima Amarone 2013, presente anche la Cantina Accordini Igino
Lo Sky Wine presenta la mappa dell’enoturismo della provincia di Latina
Wellness Food Festival, Cesena dedica 2 giorni al benessere