Sagra del Vino dei Colli Bolognesi: i visitatori coinvolti anche nella pigiatura dell’uva

Sabato 1 e domenica 2 settembre nella frazione di Monte San Pietro ben 80 etichette dei tipici Vini dei Colli Bolognesi accompagneranno le specialità gastronomiche locali con degustazioni, visite alle cantine e intrattenimento per tutte le età.

Sagra del Vino Colli Bolognesi 2017, CalderinoUn traguardo importante per la “Sagra del Vino dei Colli Bolognesi” che, dopo 49 edizioni, non ha perso il suo smalto e ritorna con un weekend settembrino all’insegna dell’enogastronomia locale che si distingue per genuinità, schiettezza e carattere indiscusso. Sabato 2 e domenica 3 Settembre a Calderino di Monte San Pietro (BO) il Pignoletto e gli altri vini dei Colli Bolognesi saranno lo spunto per una grande festa fatta di prelibatezze, conoscenza del territorio, delle sue cantine e divertimento per tutte le età come si conviene ad una buona manifestazione cittadina.

La Sagra, che si svolgerà nell’accogliente Piazza della Pace, proporrà per tutto il weekend un circuito di degustazioni guidate dai sommelier dell’AIS di 80 etichette dei vini delle cantine dei Colli Bolognesi, in abbinamento alle tipicità locali che sarà possibile degustare anche nel ristorante e nei punti di street food. Non solo tigelle e crescentine ma anche particolarissimi gelati preparati con i vini del territorio. Nell’area intorno al Municipio sarà possibile passeggiare tra i banchi della mostra mercato dei prodotti tipici di qualità.

Accanto a conferme, anche diverse novità per questa edizione della Sagra del Vino dei Colli Bolognesi che daranno a tutti l’occasione di immergersi pienamente nell’enologia con attività e passeggiate a piedi e in bicicletta a partecipazione gratuita.

Sia sabato che domenica, alcune cantine del territorio si apriranno ai visitatori conducendoli in visite guidate alle cantine stesse magari con un buon bicchiere di vino in mano. Sabato ore 9 alla “Tenuta Bonzara” sulle colline di San Chierlo i più piccoli potranno cimentarsi con la vendemmia, mentre nel pomeriggio, alle ore 15, è previsto l’ “eno-trekking” tra i vigneti dell’azienda “Botti”.

Domenica mattina alle 9:30, in località San Lorenzo in Collina, visita alla Cantina “Malcantone Guidotti” e alle stalle dell’Azienda agricola Mignani. I vigneti faranno inoltre da piacevole scenario per il raduno ciclistico amatoriale in che si svolgerà domenica alle ore 8:30.

Domenica pomeriggio appuntamento per tutta la famiglia a Calderino, davanti al Municipio, con la pigiatura tradizionale dell’uva con i piedi per i bambini (ore 17) e per gli adulti (ore 18).

Sagra del Vino Colli Bolognesi 2017, Calderino

La pigiatura del vino alla Sagra del Vino Colli Bolognesi 2017.

Dalle 17 alle 21 la sagra si trasforma in cultura delle tradizioni e i visitatori potranno conoscere i segreti di alcuni prodotti tradizionali assistendo alle dimostrazioni delle sfogline, alla smielatura, alla filiera e alla produzione del pane, delle mozzarelle e del gelato, e potranno mettere in gioco la propria creatività alla gara di torte a base di uva.

Spazio anche solidarietà perché saranno allestiti stand con i vini e il cibo provenienti dalle zone terremotate del Centro Italia, una sorta di gemellaggio per condividere le loro difficoltà, dare un aiuto concreto per andare avanti e far sentire il calore di una regione accogliente come l’Emilia Romagna.

Non c’è festa senza musica e spettacoli e allora alle 21 di sabato la band degli “Arena” canteranno le più belle canzoni degli Stadio mentre domenica, alle 17, è previsto il concerto Jazz a cura degli “On blue quartet”: Si chiude alle 21 con l’esibizione della Trentakarte showband.

L’evento, promosso dal Comune di Monte San Pietro e organizzato dalla Pro Loco di Monte San Pietro con la collaborazione del Consorzio Vini Colli Bolognesi e avvalendosi della professionalità dei Sommeliers dell’AIS, coinvolge le realtà associative e commerciali del territorio.

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Dalla Campania si è stabilito a Bologna per lavoro, ormai da tanti anni. Laureato in Economia aziendale, è esperto di web marketing e comunicazione, è copywriter e scrive di enogastronomia, teatro, musica, spettacolo e tv. Sta frequentando il primo livello del Corso di sommelier, presso l’AIS di Bologna (Associazione Italiana Sommelier).

© Riproduzione vietata
Scritto il: venerdì, 25 agosto 2017

Ti potrebbero interessare:

Lo Scalogno di Romagna IGP: più di 10 motivi per mangiarlo
Only Wine Festival porta a Città di Castello le nuove promesse dell'enologia italiana
Garganica, alla scoperta dei vini vulcanici del Gambellara Doc
Aggiungi un pesto a tavola…alla Cantina Vino Libero
Terre di Faenza: un mese di ottobre tra natura, suggestione e gusto