Sere d’Estate Fresche di Vino: l’Albana accompagnerà le tipicità emiliane.

Proseguono gli incontri-degustazioni all’Enoteca di Dozza. Martedì 7 luglio è protagonista l’Albana, lo storico vino romagnolo dalle note dolci e dai colori dorati.

Sere d’Estate Fresche di Vino

Sere d’Estate Fresche di Vino

Siamo entrati nel vivo dell’estate 2015 e le serate ci regalano un po’ di freschezza dopo le afose giornate di lavoro. Allora, cosa c’è di meglio che vivere l’emozione di un evento sotto le stelle, con un buon bicchiere di vino e la compagnia degli amici avvolti dalla incantevole cornice della Rocca di Dozza, sede della Enoteca Regionale Emilia Romagna?

Già la bellezza di questo borgo a pochi chilometri da Bologna meriterebbe delle visite frequenti ma la rassegna estiva “Sere d’Estate Fresche di Vino” rappresenta un’ottima occasione per andarci. Si tratta di piacevoli incontri-degustazioni settimanali in cui, alla presenza di esperti sommelier, è possibile conoscere e assaporare i grandi vini emiliano-romagnoli abbinati a prodotti tipici regionali.

Sere d’Estate Fresche di Vino: la degustazione dell’Albana nella tappa del 7 luglio.

Martedi 7 luglio, alle ore 20.30, nel cortile interno della Rocca si svolge il nuovo appuntamento in cui sarà protagonista l’Albana, un vino le cui origini storiche risalgono all’antica Roma e che proviene da uve coltivate nella zona cosiddetta dello Spungone Romagnolo che va dalle colline imolesi a Bertinoro.

Seguendo i consigli di Maurizio Manzoni, responsabile della Mostra Permanente dell’Enoteca, e del sommelier AIS Vittorio Pasini potremo conoscere e degustare le diverse etichette di Albana che può essere amabile, dolce, addirittura vellutato nella versione Passito e Passito Riserva, ma anche asciutto e tannico nella variante Secco, qualità che gli sono valse nel 1967 la DOC e nel 1987, primo tra i bianchi d’Italia, la Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG).

I winelovers potranno anche conoscere la storia e le caratteristiche di questo vitigno che, dopo il Trebbiano ed il Sangiovese, è il terzo coltivato in Romagna per estensione di superficie (con 1.118 ettari suddivisi tra le province di Bologna, Ravenna e Forlì-Cesena). Le degustazioni delle differenti tipologie di prodotto verranno accompagnate da alcuni prodotti tipici dell’Emilia Romagna come il Parmigiano Reggiano e la Mortadella di Bologna, il tutto al prezzo di soli 15 euro. La prenotazione è obbligatoria e gli organizzatori fanno sapere che, in caso di maltempo, la serata si svolgerà al coperto, nei sotterranei della Rocca.

Per informazioni e prenotazioni: tel. 0542 367700; e-mail: info@enotecaemiliaromagna.it.

Le prossime date di “Sere d’estate fresche di vino” in programma sono: 14 luglio Malvasia, 21 luglio Lambrusco e Fortana, 28 luglio Rebola e Famoso.


Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Dalla Campania si è stabilito a Bologna per lavoro, ormai da tanti anni. Laureato in Economia aziendale, è esperto di web marketing e comunicazione, è copywriter e scrive di enogastronomia, teatro, musica, spettacolo e tv. Sta frequentando il primo livello del Corso di sommelier, presso l’AIS di Bologna (Associazione Italiana Sommelier).

© Riproduzione vietata
Scritto il: sabato, 27 giugno 2015

Ti potrebbero interessare:

Sigep 2016: torna a Rimini il meglio della gelateria, pasticceria e panificazione artigianale
Il Centesimino: il vino romagnolo protagonista all'Enoteca Regionale
Garganica, alla scoperta dei vini vulcanici del Gambellara Doc
Parte a Bologna il primo corso Veg-Vegetarian Chef
Grani e Melograni: a Faenza due giorni all'insegna di sostenibilità e biodiversità