Stazione Enogastronomica, a Milano si promuove l’agroalimentare della Sicilia

Nel capoluogo meneghino, attraverso una serie di iniziative, parte un progetto di valorizzazione della filiera e della qualità dell’agroalimentare siciliano.

Stazione Enogastronomica Milano, cosa propone

Stazione Enogastronomica, parte a Milano il 30 novembre

Dopo il successo dell’evento zero che si è svolto lo scorso 20 ottobre, arriva il primo appuntamento con la Stazione Enogastronomica di Milano che chiamerà a raccolta i food & wine lover del capoluogo lombardo.

Il 30 novembre si inaugura l’evento dal titolo “A tavola è Trazzera” nella sezione Mangiamu, promosso dall’associazione “Assapurari” con l’obiettivo di valorizzare la Dieta Mediterranea e, con essa, le eccellenze agroalimentari della Sicilia.

Presso il Ristorante DesinoLento in via Turati n. 6, si riuniranno alcune delle più importanti aziende del settore vitivinicolo e alimentare dell’isola le cui produzioni saranno raccontate attraverso i piatti dello chef patron Domenico Della Salandra il quale, per l’occasione, avrà al fianco il rinomato chef siciliano Salvo Nicastro.

Stazione Enogastronomica Milano: di cosa si tratta

L’idea della Stazione Enogastronomica è di Emilio Bosco, da anni impegnato nella promozione del territorio siciliano e non solo. Con questa iniziativa, si intende sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore della filiera e della qualità intrinseca all’agroalimentare del Mare Nostrum.

«La nostra filosofia – spiega Bosco – si basa nel fare sistema con i produttori e concretizzare una rete mirata al rafforzamento commerciale. Incrementeremo economie evolutive per competere con quei brand che primeggiano nel mercato globale con l’esclusiva priorità del profitto. Nel nostro progetto, che vedrà l’organizzazione a Milano di cene, cooking show e happy hour, coinvolgeremo pasticceri, ristoratori, sommelier, produttori, agricoltori ma anche artigiani, artisti e promotori turistici del territorio, pubblici e privati».

MANGIAMU è il nome prescelto per le serate che vedranno la partecipazione di circa 80 persone che potranno degustare le portate dello chef: piatti tradizionali, sperimentazioni e contaminazioni culinarie con diverse materie prime fornite dai produttori che parteciperanno all’evento, in abbinamento ad alcuni vini siciliani.

Il progetto, però, è molto più ampio e prevede diversi modelli di promozione che saranno creativi e innovativi.

Stazione Enogastronomica Milano, cosa propone

Stazione Enogastronomica Milano, cosa propone

Nei giorni 1 e 2 dicembre, infatti, ci sarà SAZZAMU. Dalle ore 18 alle ore 20, presso lo Show Room di Sì Siciliani d’Autore, in C.so Buenos Aires a Milano, appuntamento con gli Happy Hour. Sarà proposta una selezione di vini uniti a taglieri di salumi, formaggi e prodotti tipici.

Nei prossimi mesi ritorneranno gli appuntamenti con MANGIAMU E SAZZAMU a cui si aggiungeranno anche i CUNZAMO, piacevolissimi show cooking pomeridiani sempre nel ristorante DesinoLento, dove lo chef spiegherà alla platea la ricetta, i trucchi e le curiosità di un piatto tipico e di un dolce del proprio territorio siciliano con gli ingredienti forniti dai produttori che parteciperanno all’evento.

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Redazione

La squadra di redazione de La Gazzetta del Gusto è ricca di professionisti della comunicazione, blogger, esperti di alimentazione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

© Riproduzione vietata
Scritto il: giovedì, 9 novembre 2017

Ti potrebbero interessare:

Re Panettone, la festa del dolce milanese
A San Vito lo Capo torna il Cous Cous Fest e le culture si unisconoa tavola
DiVini Etruschi, a Volterra tre giorni con i vini delle 12 città etrusche
SANA 2017 Bologna, com'è andata la quattro giorni dedicata al biologico
Taste of Roma 2017: l’arte del gelato di Günther Rohregger