Chi sono i nuovi ambasciatori dei vini dell’Emilia Romagna

Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna, 36 gestori di locali premiati al Vinitaly 2017 per aver proposto una carta dei vini rappresentativi della regione.

Ambasciatore dei vini dell'Emilia Romagna

Un momento della premiazione con Fede & Tinto, conduttori di Decanter su Radio2.

Al Vinitaly 2017, il Salone del vino che si svolge fino al 13 aprile, sono stati decretati i niovi “Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna”, nell’ambito del progetto “Carta Canta”, il progetto che premia i locali, i ristoranti, le enoteche e i bar che propongono una buona carta dei vini della regione, esaltando la tipicità del territorio che si snoda lungo la celebre e antica via Emilia.

La premiazione si è tenuta lunedì 10 aprile, è stato conferito il riconoscimento di “Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna” a 36 fra gestori di locali (ristoranti, bar, enoteche, ecc.) e personalità che per la loro storia hanno contribuito a far conoscere i vini della regione. Illustra il Presidente di Enoteca Regionale Emilia Romagna Pierluigi Sciolette:

Durante Vinitaly, tappa fondamentale per l’intero mondo vitivinicolo che comprende anche gli operatori del settore Ho.re.ca, abbiamo premiato diversi ristoratori ed enotecari, i veri ambasciatori dei vini della nostra regione, che si sono contraddistinti particolarmente per la promozione e valorizzazione dell’Emilia Romagna.

Spiega il Direttore di Enoteca Regionale Ambrogio Manzi:

L’iniziativa da noi realizzata in collaborazione con la FIPE Emilia-Romagna, mira ad avvalorare e riconoscere l’impegno di chi crede nella tipicità del territorio e arricchisce la propria Carta dei Vini con specialità della nostra regione. Una sorta di marchio di qualità per i locali selezionati».

Giorgio Melandri, curatore di Enologica:

Carta Canta è una grande alleanza tra i produttori di vino e la ristorazione, un modo militante di fare cultura e stimolare la presenza dei vini emiliano romagnoli nelle carte dei vini. Un’iniziativa innovativa che non ha precedenti in Italia e che sposta il racconto del vino “sulla strada” con passione coerentemente con l’anima popolare del vino e del cibo di questa regione. Grandi prodotti alla portata di tutti, un patrimonio di diversità che è ancora inedito e che i ristoratori raccontano.

All’incontro è intervenuta anche l’Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna, Simona Caselli:

Con la crescita del turismo, e non solo della Riviera, l’esigenza e la necessità di saper promuovere le eccellenze e i punti di forza dell’enogastronomia regionale è importante e sempre più strategico. Rimane altresì importante che chi accoglie i visitatori della nostra regione sia preparato e per questo nasce Carta Canta. Un progetto e un premio che sta riscuotendo un crescente successo da parte degli operatori. Un modo di promuovere che al contempo permette una qualificazione sempre più concreta e territoriale delle carte dei vini che dalla pianura alle città d’arte arriva fino alla spiaggia».

Matteo Musacci, Presidente regionale della Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi (Fipe):

Carta Canta è un progetto che come Federazione condividiamo in quanto rappresenta un modo bello, nuovo e serio della promozione enologica regionale. Il coinvolgimento degli operatori del settore degli esercizi pubblici in questo cammino di consapevolezza delle potenzialità della enologia emiliano romagnola non è nuovo. È importante che venga riconosciuto, quindi premiato, chi lavora in questa direzione. Infine è un segnale anche per gli altri ristoratori per seguire questa impostazione.

Elenco degli ambasciatori dei vini dell’Emilia Romagna.

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Dalla Campania si è stabilito a Bologna per lavoro, ormai da tanti anni. Laureato in Economia aziendale, è esperto di web marketing e comunicazione, è copywriter e scrive di enogastronomia, teatro, musica, spettacolo e tv. Sta frequentando il primo livello del Corso di sommelier, presso l’AIS di Bologna (Associazione Italiana Sommelier).

© Riproduzione vietata
Scritto il: martedì, 11 aprile 2017

Ti potrebbero interessare:

Il Centesimino: il vino romagnolo protagonista all'Enoteca Regionale
Alla Festa Artusiana 2016, protagonista anche la cucina senza glutine
A Bologna l'aperitivo si chiama "Aperilibro"
Premio Qualità Italia 2017: aperte le iscrizioni al concorso enologico nazionale
Franciacorta in Bianco 2017: il paradiso dei formaggi