Svejo 2015, un vino moderno dal sapore schietto e sincero

Svejo 2015 Manzoni Bianco 6.0.13 della Cantina Cescon è un vino genuino ed autentico, ideale se bevuto in compagnia degli amici come aperitivo o a tutto pasto. Ecco la nostra recensione.

Cantina Cescon Svejo 2015 Manzoni Bianco La passione per il vino caratterizza, fin dall’inizio, la storia della Cantina Cescon. Nel 1957 il padre Italo fonda una piccola azienda e continua la strada intrapresa dal nonno Domenico, viticoltore nel territorio del Raboso di Piave. Oggi nel comune di Ormelle, a circa 30 km da Treviso, l’azienda è guidata dai tre figli Graziella, Gloria e Domenico e dalla mamma Chiara.

Tutti insieme portano avanti con amore la missione della famiglia, che si può condensare in tre parole: tradizione, passione e innovazione. A questi importanti valori si aggiungono il rispetto autentico per la natura e la terra, un’attenzione particolare per il tempo e un’estrema cura in vigna e in cantina. E anche il loro Svejo 2015 è un vino dal carattere autentico. È un Manzoni Bianco 6.0.13 in purezza, capace di sorprendere il palato per la sua particolare finezza ed eleganza.

Svejo 2015 è un cru nato da un vitigno autoctono originario dell’area Doc Piave: il Manzoni Bianco 6.0.13, conosciuto anche come Incrocio Manzoni. Nato dall’incrocio tra Riesling Renano e Pinot Bianco, regala vini particolarmente fini e delicati, di buon corpo e molto equilibrati. Dopo una criomacerazione di 10-12 ore, seguita da pressatura soffice, avviene la fermentazione che dura per 18 giorni alla temperatura di 14-16° C. Segue una maturazione sur lie di 5-6 mesi in acciaio e poi un affinamento in bottiglia di 120 giorni.


Cantina Cescon Svejo 2015 Manzoni Bianco

Degustazione Svejo Manzoni Bianco 2015

 

Degustazione-Vino-coloreGiallo paglierino, molto trasparente e brillante.

 

Degustazione-Vino-Naso

Al naso esprime un accattivante profumo di agrumi maturi, limone, pesca gialla, albicocca. Ananas e mela si fondono poi a note floreali, speziate e ad accenni di erbe aromatiche.

 

Degustazione-Vino-bocca

In bocca troviamo una scrupolosa corrispondenza con quanto percepito al naso. L’ingresso al palato è particolarmente vivace, fresco, morbido e di grande piacevolezza. È un vino dalla bellissima beva, verticale, caratterizzata da purezza aromatica e precisione. Alla degustazione si rivela pieno, con un meraviglioso bouquet dalle reminiscenze floreali, e mostra un perfetto equilibrio sia con la spiccata acidità  che con la persistenza decisa, dal finale di ricordi di pesca, mela cotogna e leggermente amaricante. Vino genuino ed autentico, è ideale se bevuto in compagnia degli amici come aperitivo o a tutto pasto.

Vino-consigliatoAbbinamenti. Un vino da crudo di mare, zuppe di pesce e verdure, fritto di mare, risotto con scampi e zucchine, formaggi molli.

 

La scheda del vino

Nome cantina: Cescon Italo Storia e Vini s.r.l.
Nome vino: Svejo Manzoni Bianco 2015
Zona di produzione: Basalghelle, San Polo di Piave
Denominazione: Veneto IGT
Vitigno: Manzoni Bianco 6.0.13 100%
Sosta sui lieviti: 5-6 mesi
Colore: Giallo paglierino
Titolo alcolometrico: 13 % Vol.
Temperatura di servizio: 8-10°C
Calice: balloon
Punteggio: 90/100

Cescon Italo Storia e Vini srl
Indirizzo: Piazza dei caduti, 3 – 31024 Roncadelle di Ormelle (TV) – Italia
E-mail: cesconitalo@cesconitalo.it
Web: www.cesconitalo.it

   Il nostro parere


- Crudo di mare
- Zuppe di pesce e verdure
- Fritto di mare
- Risotto con scampi e zucchine
- Formaggi molli.

  

  

90


Legenda:

= Abbinamento cibo / vino

Il nostro consiglio:

= Lasciamo perdere - = Vale la spesa - = Il regalo ideale - = Il vino dei desideri

Rapporto qualità/prezzo:

= Buono - = Molto buono - = Ottimo

= Punteggio in centesimi
TAG:     , , ,

Autore /


Amanda Arena

Esploratrice del gusto - “Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un’arte.” Così scriveva François de La Rochefoucauld ed è la frase che mi guida, ogni giorno, nella scelta dell’ alimentazione. Da sempre appassionata di enogastronomia, dopo la laurea in Scienze Politiche, frequento un master per specializzarmi in marketing vitivinicolo e divento sommelier. Lavoro nell’ambito della comunicazione e amo esplorare i mondi del vino e del cibo, in tutte le loro molteplici sfaccettature, raccontandone l’identità, gli aromi, i sapori, i protagonisti e i territori.

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 24 luglio 2017

Ti potrebbero interessare:

Vinessum, il viaggio alla scoperta di terre e vignaioli si compie in un castello
Una torta per «Settesere» con Sebastiano Caridi
Azienda agricola Iura et Alma, intervista al titolare Alfredo Zaza
Corciano Castello di vino, vino e cultura del territorio del Lago Trasimeno
Back to the Wine, il successo faentino della festa del vino naturale