Daunius Brut Rosè: lo spumante pugliese dal bouquet aromatico e suggestivo

È di Cantine Re Dauno di San Severo questo Spumante Metodo classico Igt – Puglia, prodotto con uve di Pinot Nero in purezza, vitigno che dona particolare struttura e persistenza gusto-olfattiva.

Cantine Re Dauno - Spumante Daunius Brut Rosè

Daunius Brut Rosè Cantine Re Dauno (Ph © A. Arena)

L’incontro di due cuori, quelli di Angelina Radatti e di Francesco Toma, ha dato origine alle Cantine Re Dauno a San Severo, antico paese barocco dalla millenaria tradizione vitivinicola, in provincia di Foggia.

La mission aziendale affonda le proprie radici nell’amore che questa coppia riserva al lento e paziente esercizio dell’arte della “spumantizzazione”. I loro spumanti, rigorosamente ottenuti con il tradizionale Metodo Classico, prima di essere messi in commercio sostano per il tempo necessario nelle cantine fresche e silenziose dei sotterranei di un antico palazzo degli anni Venti, eletto come sede, nel centro storico della cittadina pugliese.

L’origine del nome dell’azienda è da ricercarsi nella leggenda: si narra che, proprio in queste terre, sia stato celebrato il matrimonio tra Diomede e Drionia, figlia di Re Dauno. L’eroe greco, volle dedicare alla moglie il nome della nuova cittadina Castrum Drionis, l’attuale San Severo.

In questo territorio meraviglioso, a nord della Puglia, si estende la Daunia incorniciata, da una parte, dai Monti Dauni e dall’altra dal promontorio del Gargano fino a degradare verso il Mar Adriatico. È un’area dalle condizioni pedoclimatiche ottimali per la coltivazione dell’uva. Il clima prevalentemente continentale con escursioni termiche fra giorno e notte, unito alla presenza del massiccio del Gargano che funge da barriera ai freddi venti balcanici, favorisce la coltivazione di varietà a bacca bianca (Bombino Bianco, Malvasia Bianca, Trebbiano) e varietà a bacca nera (Nero di Troia, Aglianico e Montepulciano).

È proprio dalla sapiente esaltazione di uno degli antichi vitigni del territorio, il Bombino Bianco, che Angelina e Francesco ottengono due delle tre etichette di spumanti prodotti nelle loro storiche cantine: il Daunius Pas Dosè e il Daunius Brut. La gamma aziendale si completa con un terzo spumante, il Daunius Brut Rosè, prodotto con uve di Pinot Nero in purezza, vitigno che dona particolare struttura e persistenza gusto-olfattiva. La sosta sui lieviti è di almeno 12 mesi.


Cantine Re Dauno - Spumante Daunius Brut RosèCantine Re Dauno – Spumante Daunius Brut Rosè: la nostra degustazione

Alla vista si presenta con un colore rosa antico vivace di bellissimo splendore. Spuma brillante, grana sottile con perlage fine e persistente.

 

Al naso svela un bouquet aromatico ricco di intense sensazioni floreali di rosa, geranio e di piccoli frutti rossi, fragoline di bosco, lampone, ciliegia, ribes. Si apre poi, dopo qualche minuto di ossigenazione, ad un piacevole finale di macchia mediterranea e di note minerali.

 

In bocca emergono nette sensazioni di crosta di pane, lievito, polvere di cipria. Il sorso è molto fresco, secco e deciso con un equilibrio gustativo ancora leggermente spostato sulle durezze. Nel finale, ritornano le piacevoli sensazioni minerali avvertite al naso.

Il Daunius Brut Rosè è un vino da tutto pasto. A cominciare dall’aperitivo, si abbina molto bene a cruditè di mare, piatti a base di pesce e carni bianche.

 

La scheda del vino

Nome cantina: Cantine Re Dauno
Nome vino: Daunius Brut Rosè Spumante Metodo Classico IGT Puglia
Zona di produzione: San Severo (FG)
Denominazione: IGT Puglia
Vitigno: Pinot Nero 100%
Colore: Rosa antico brillante
Titolo alcolometrico: 12,5% Vol
Temperature di servizio: 6-8° C
Calice: Calice medio
Punteggio: 87/100

Cantine Re Dauno
Via Fratelli Cairoli, 23 – San Severo (Foggia)
www.cantineredauno.it

Print Friendly, PDF & Email

   Il nostro parere


- Cruditè di mare
- Piatti a base di pesce
- Carni bianche.

  

  

87


Legenda:

= Abbinamento cibo / vino

Il nostro consiglio:

= Lasciamo perdere - = Vale la spesa - = Il regalo ideale - = Il vino dei desideri

Rapporto qualità/prezzo:

= Buono - = Molto buono - = Ottimo

= Punteggio in centesimi
TAG:     , ,

Autore /


Amanda Arena

Esploratrice del gusto - “Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un’arte.” Così scriveva François de La Rochefoucauld ed è la frase che mi guida, ogni giorno, nella scelta dell’ alimentazione. Da sempre appassionata di enogastronomia, dopo la laurea in Scienze Politiche, frequento un master per specializzarmi in marketing vitivinicolo e divento sommelier. Lavoro nell’ambito della comunicazione e amo esplorare i mondi del vino e del cibo, in tutte le loro molteplici sfaccettature, raccontandone l’identità, gli aromi, i sapori, i protagonisti e i territori.

© Riproduzione vietata
Scritto il: giovedì, 5 ottobre 2017

Ti potrebbero interessare:

"Per Bacco è Natale": a Grottaglie enogastronomia e festa
Quando l'orto incontra il porto, sofisticata combinazione tra ingredienti di terra e di mare
È di Ballardini-Ricci, il miglior Bursôn del 2017
Folonari Cabreo Black 2011, un sogno nato in Borgogna che si concretizza in Toscana
Ristorante La Villetta: l’elogio del territorio a tavola