Floramundi, il Cerasuolo di Vittoria di Donnafugata

La rinomata cantina siciliana ha lanciato la nuova etichetta di Cerasuolo di Vittoria Docg, un rosso raffinato dall’anima floreale, composto da 70% Nero d’Avola e 30% Frappato. Si abbina a primi saporiti e grigliate di carne, tagliata di tonno rosso, ricciola arrosto o pesci importanti al forno.

Floramundi di Donnafugata, Cerasuolo di Vittoria

Floramundi di Donnafugata, Cerasuolo di Vittoria.

Si chiama Floramundi la nuova etichetta di Donnafugata un vino che, insieme al Bell’Assai Frappato, rappresenta il frutto dell’impegno produttivo dell’azienda con sede nella Sicilia orientale.

Floramundi 2016 è un Cerasuolo di Vittoria Docg, 70% Nero d’Avola e 30% Frappato, un rosso dall’intrigante spessore aromatico. Fresco e polposo, offre un bouquet ampio e fragrante con intense note di fiori rosa e frutta rossa, piacevolmente speziato.

«Abbiamo scelto di confrontarci con le produzioni di grande tradizione che offre la Sicilia orientale – dichiara Antonio Rallo, alla guida dell’azienda insieme alla sorella José – un progetto che ci permetterà di proporre l’eccellenza del vino siciliano da territori diversi. Insieme alle nostre attività produttive a Contessa Entellina, nel cuore della Sicilia occidentale, e sull’isola di Pantelleria, con la vendemmia 2016 abbiamo infatti avviato la produzione nell’area di Vittoria e sull’Etna. Siamo molto orgogliosi: Floramundi è una interpretazione ben riuscita del Cerasuolo di Vittoria.»

Quella di Vittoria è una zona ad alta vocazione vitivinicola, collocata tra l’altopiano Ibleo ed il mare della Sicilia sud-orientale. Qui, in territorio di Acate, Donnafugata è presente con circa 18 ettari di vigneti (11 ettari di Nero d’Avola e 7 di Frappato).

«Floramundi – spiega José Rallo a proposito del nome del vino – è una figura femminile fantastica che porta in dono meravigliosi intrecci di fiori e di frutti dai toni vellutati. È un dialogo tra due anime, quella elegante e sofisticata del Liberty Floreale, di cui Vittoria è ricca di testimonianze, e quella affascinante e suggestiva della tradizione dei Pupi Siciliani. Un dialogo tra Nero d’Avola e Frappato da ascoltare con piacere.»

Floramundi è un vino perfetto da bere al calice. Si abbina anche a primi saporiti e grigliate di carne; ideale con tagliata di tonno rosso, ricciola arrosto o pesci importanti al forno. Da provare anche con pizze gourmet. Può essere stappato al momento ed è ottimo a 16°C.

Print Friendly, PDF & Email
TAG:     , ,

Autore /


Gianna Bozzali

Vulcanica. Allegra, generosa, con tante storie da raccontare, come la gente di Sicilia così sono io. Giornalista, tecnologo alimentare, amo viaggiare per questa grande isola del Mediterraneo e trasformare i miei appunti in racconti da condividere. Un viaggio sensoriale ed emozionale in una terra ospitale per definizione, tra mare, vini autoctoni, prodotti d’eccellenza. Sempre in modalità “ON”. Non riesco a fermarmi!

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 25 settembre 2017

Ti potrebbero interessare:

Carapace, l'opera di Arnaldo Pomodoro dove si sposano arte, vino e natura
A San Vito lo Capo torna il Cous Cous Fest e le culture si unisconoa tavola
Vigna Rosara della Cantina storica "Il Montù", nell'Oltrepò Pavese
“Alba di Maggio” per celebrare l’Albana, regina di Romagna
Un Corvina sorprendente, firma identitaria della Cantina Accordini Igino