Osa!, un rosato sorprendente dal fascino inespugnabile

Abbiamo provato un Frappato Rosato IGT 2016 della cantina Paolo Calì, nel ragusano, scoprendo un vino dal colore cerasuolo vivo e dal sorso vivace e brillante.

Osa! Frappato Rosato IGT 2016 Paolo Calì

Osa! Frappato Rosato IGT 2016 Paolo Calì

«Non vi è nulla di inespugnabile per chi sa osare», sosteneva il filosofo Plutarco. E certamente inespugnabile è il fascino di Osa!, Frappato Rosato IGT 2016 del giovane vignaiolo e farmacista siciliano Paolo Calì la cui azienda si trova proprio nel cuore delle terre del Cerasuolo di Vittoria, in provincia di Ragusa.

Una cantina giovane che Calì ha fondato nel 2004, dotandola di moderne tecnologie e in cui avviene l’intero processo di vinificazione delle uve prodotte in azienda. Un’alta densità d’impianto (5100 ceppi per ettaro) riduce la resa e consente un considerevole aumento della qualità. La superficie aziendale è interamente vitata, i vitigni coltivati sono quelli antichi e autoctoni, il Frappato e il Nero d’Avola. I vigneti si trovano a 180 metri sul livello del mare ed insistono su un terreno molto simile alla sabbia delle vicine spiagge, composte da dune marine preistoriche.

La coltivazione e la raccolta manuale delle uve, unite ad un’attenta selezione dei grappoli migliori e alla presenza del particolare terroir, regalano una produzione di vini dall’eleganza senza paragoni e dalla mineralità spiccata.

Osa! è ottenuto da uve Frappato 100%, vinificate in rosato; il risultato è un vino dal colore cerasuolo vivo, con una leggera sfumatura che ricorda la tinta del frutto di melograno al tramonto, dal sorso vivace e brillante.

Il Frappato da cui nasce Osa! è un vitigno che trova nelle assolate terre della Sicilia sud orientale la sua terra d’elezione e, assieme al Nero d’Avola, concorre a dare origine all’unica Docg dell’isola: il Cerasuolo di Vittoria. I terreni del ragusano sono ideali per la coltivazione di questo vitigno poiché composti da sabbia di natura calcarea e silicea mista a strati di argilla e di tufi calcarei che conferiscono unicità e grande eleganza ai vini.


Osa! Frappato Rosato IGT 2016 Paolo CalìDegustazione Osa! Frappato Rosato IGT 2016 Paolo Calì

Il colore è rosa cerasuolo vivo, trasparente e brillante.

Il bouquet mette in risalto note aromatiche nette di frutti di bosco, lampone, ciliegia e melograno per lasciare poi spazio a sentori floreali di rosa canina e gelsomino.

 

Alla degustazione rivela note seducenti di frutti di bosco rossi croccanti e una prolungata persistenza dove ritornano nette le sensazioni provate al naso. Il sorso è polposo, fresco, fragrante con un tannino gentile; una bella sapidità rivela un buon equilibrio tra morbidezza e acidità. È un vino di grande freschezza al palato con un leggero pètillant che dona alla bocca una persistente piacevolezza accompagnata da una sorprendente ed indimenticabile sensazione di euforia.

Un vino da aperitivo, antipasti di mare e piatti di pesce.

La scheda del vino

Nome cantina: Azienda Vitivinicola Paolo Calì
Nome vino: Osa! Frappato Rosato IGT 2016
Zona di produzione: Vigneto di provenienza: Tunnel
Denominazione: Terre Siciliane IGT
Vitigno: Frappato 100%
Colore: Rosa cerasuolo
Titolo alcolometrico: 14 %
Temperatura di servizio: 12-14°C
Calice: Tulipano
Punteggio: 94/100

Az. Agricola Paolo Calì
Via del Frappato 100 – Vittoria (RG)
www.vinicali.it

Print Friendly, PDF & Email

   Il nostro parere


- Aperitivi
- Antipasti di mare
- Piatti di pesce.

   

  

94


Legenda:

= Abbinamento cibo / vino

Il nostro consiglio:

= Lasciamo perdere - = Vale la spesa - = Il regalo ideale - = Il vino dei desideri

Rapporto qualità/prezzo:

= Buono - = Molto buono - = Ottimo

= Punteggio in centesimi
TAG:     , ,

Autore /


Amanda Arena

Esploratrice del gusto - “Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un’arte.” Così scriveva François de La Rochefoucauld ed è la frase che mi guida, ogni giorno, nella scelta dell’ alimentazione. Da sempre appassionata di enogastronomia, dopo la laurea in Scienze Politiche, frequento un master per specializzarmi in marketing vitivinicolo e divento sommelier. Lavoro nell’ambito della comunicazione e amo esplorare i mondi del vino e del cibo, in tutte le loro molteplici sfaccettature, raccontandone l’identità, gli aromi, i sapori, i protagonisti e i territori.

© Riproduzione vietata
Scritto il: martedì, 5 settembre 2017

Ti potrebbero interessare:

Villa Costanza a Palermo: sapori di territorio e cucina genuina
Premio Qualità Italia 2017: aperte le iscrizioni al concorso enologico nazionale
Massaccio 2014, il Verdicchio di mezzo per qualità superiori
Sud 2015, quando un’uva autoctona incontra due internazionali
Adorè, il sorprendente Moscato secco di Casa di Grazia