Pinot Spumante Lini910, un grande brut reggiano

Anche l’Emilia fa grandi bolle. A Correggio la storia di Lini910 insegna. Un vino per le feste da provare!

Degustazione Pinot Supmante Lini910

La quarta generazione della famiglia Lini della cantina di Correggio.

Una piccola chicca enologica regionale. Prende vita e si plasma a Correggio, patria di cantori e nebbie nel cuore padano emiliano. Quella della famiglia Lini è una storia antica, nasce oltre un secolo fa, nel 1910. Questa è la più antica azienda vitivinicola presente ed operante nel correggese che produce in oltre 25 ettari di vitato, Lambrusco e non solo. La filosofia è chiara: fare bolle per impressionare, ammaliare, innamorare. Stupire insomma. E il Pinot Spumante ci riesce appieno.

Questo vino viene creato da uve 100% Pinot nero vinificate in bianco con 4.500 ceppi per ettaro, in pianura, e una resa di circa 100 quintali per ettaro. Una produzione in bottiglia che si aggira sulle 20mila bottiglie anno.

La degustazione del Pinot Spumante Lini910

pinot-supmante-lini910-un-grande-brut

L’approccio olfattivo è quello tipico di un metodo charmat di grande maestranza. Fragranza di crosta di pane si amalgama con sentori di malli di noce e sentori di mandorla. Non mancano presenze e sfumate note erbacee.

Al palato spicca la freschezza e l’eleganza. Il Pinot nero si esalta in questa vinificazione mettendo in risalto sensazioni fini che ricordano atmosfere di pasticceria, agrumi nobili, pera e richiami alla mela non troppo matura. Anche grazie ad un residuo zuccherino basso, 8 mgr/l, il vino è sorprendentemente elegante ma non formale.

La scheda del vino

Nome vino: Pinot  Spumante Lini910
Vitigno: Pinot noir
Tipologia: Bianco secco, frizzante
Vendemmia: 2014
Elaborazione: Charmat Brut
Affinamento: 6 mesi in autoclave
Nome cantina: Lini910
Luogo: Correggio (RE)
Titolo alcolometrico: 11,5%
Temperatura di servizio: 6/8
Calice: medio
Punteggio: 90

Print Friendly, PDF & Email

   Il nostro parere


Assolutamente ottimo come aperitivo, come apertura per un pranzo a base di pesce, ma anche adatto a sorreggere un tutto pasto dedicato e plasmato su connubi contemporanei in cui faccia bella presenza la carne bianca, magari aromatizzata e cotta sotto vuoto a basse temperature, oppure pesce gentile e formaggi magri.

  

  

90


Legenda:

= Abbinamento cibo / vino

Il nostro consiglio:

= Lasciamo perdere - = Vale la spesa - = Il regalo ideale - = Il vino dei desideri

Rapporto qualità/prezzo:

= Buono - = Molto buono - = Ottimo

= Punteggio in centesimi

Autore /


Riccardo Isola

Un viaggio tra inchiostro e liquidi nel cristallo iniziato, ahimé e purtroppo, diversi anni fa. Giornalista enogastronomico in orbita perenne attorno ai pianeti Vino e Cibo. Usurpatore, per professione e per passione, della lingua italiana. Improprio interprete, ma con dedizione e impegno, del raccontare ciò che da sempre fa grande il nostro essere italici: il Gusto. Salute!

© Riproduzione vietata
Scritto il: giovedì, 22 dicembre 2016

Ti potrebbero interessare:

Gustus: a Vicenza torna l'appuntamento con vini e sapori dei Colli Berici
Un giorno al forno per imparare a fare il pane
Poderi Morini e Ancarani ottengono le "4 viti" dalla guida Vitae dell'Ais
Bollicine in Villa: l'evento spumeggiante in una location fiabesca
Emilia Romagna, la regione dei "vini pop" secondo Luca Gardini