Da Tenuta Peter Zemmer, un Botero nell’enologia alpina

Un grande vino proveniente da una cantina che sta puntando sulla grande capacità di sorprendere il palato. Potenza, eleganza, morbidezza e rotondità sono le caratteristiche che si riscontrano in questo maestoso Chardonnay Riserva 2014.

Tenuta Peter Zemmer - Chardonnay Riserva 2014

Tenuta Peter Zemmer – Chardonnay Riserva 2014 (Foto © La Gazzetta del Gusto).

Siamo in terra di confine. Siamo a Cortizza sulla Strada del Vino, una località in provincia di Bolzano che conta appena 600 abitanti. Di fatto uno dei più piccoli comuni esistenti, non solo in Alto Adige. Pochi abitanti ma tanta voglia di emergere e far sentire la propria presenza. Almeno in ambito vitivinicolo.

Siamo in terra di confine, come detto, tra l’Alto Adige e il Trentino a poca distanza da quella lingua azzurra, fragorosa e glaciale chiamata Adige. In ambito pedoclimatico e morfologico, i vigneti fioriscono facendosi spazio tra detriti calcarei e dolomitici, in alternanza a depositi morenici di ghiaia, sabbia ed argilla. Il sole non manca in estate, così come l’escursione termica. Importante anche la presenza dell’Ora del Garda, un vento secco e fresco, che protegge i grappoli dalla formazione della botrite.

Tenuta Peter Zemmer - Chardonnay Riserva 2014

Peter Zemmer, titolare dell’omonima Cantina.

In questo “paradiso” alpino nasce la Tenuta Peter Zemmer, una cantina che sta dando risultati straordinari in termini di qualità. Una ventina di etichette definiscono la produzione di questa realtà fatta da vini frizzanti e rossi ma soprattutto bianchi. Tra questi ultimi abbiamo assaggiato lo Chardonnay Riserva 2014, il prodotto di una vendemmia effettuata nel podere Vigna Critelli.

Si tratta di uno Chardonnay che si alimenta da terreni calcarei, detritici e sabbiosi del Magrè s.s.d.v., nella piana della Bassa Atesina. La vendemmia parte con grappoli schiacciati e diraspati. Dopo una macerazione, breve, a freddo segue la fermentazione in piccole botti di rovere francese per  dodici mesi. Segue un affinamento ulteriore, per alcuni mesi, in botti d’acciaio e in bottiglia.


Tenuta Peter Zemmer - Chardonnay Riserva 2014

Tenuta Peter Zemmer – Chardonnay Riserva 2014: degustazione

Lo Chardonnay Riserva 2014 si presenta con un giallo paglierino intenso con riflessi da oro giovane. Lucente e cristallino, nel calice si palesa consistente e presente.

 

Al naso entra morbido, sfarzoso nella sua complessità che si declina in aromi di frutta a polpa gialla matura, nespola, frutta esotica (mango e ananas) per lasciare spazio a delicate sensazioni di speziatura “mordiba”, educata, gentile (vaniglia e pepe bianco su tutte). Non manca la freschezza, però, con richiami di fieno stagionato e foglie di tabacco inumidito.

In bocca è caldo, potente ed equilibrato, tra freschezze e morbidezze. C’è struttura e intensità, e i richiami aromatici si confermano anche al sorso. Forse manca un po’ di sapidità ma il vino si presenta con una rotondità non impertinente con un finale lungo, finemente elegante e speziato.

Un Botero dell’enologia alpina! Questo vino ha sicuramente ancora molto da dire anche fra 7 – 9 anni.

Chardonnay Riserva 2014 si abbina a formaggi stagionati, primi con ragù bianco, pesce importante di fiume come la trota salmonata, faraona con castagne e verza stufata, Parmigiano reggiano 50 mesi.

La scheda del vino

Nome vino: Chardonnay Riserva Crivelli
Denominazione di Origine Controllata
Anno
: 2014
Vitigno: Chardonnay – Alto Adige DOC
Vendemmia: 2010
Resa: 40 hl per ettaro
Nome cantina: Tenuta Peter Zemmer
Luogo: Alto Adige – Cortina s.s.d.v. (Bz)
Titolo alcolometrico: 14,5 % Vol.
Temperatura di servizio: 12/14° C
Calice: medio/ampio
Punteggio: 90/100

Tenuta Peter Zemmer
Strada del Vino 24 | I-39040 Cortina sulla Strada del Vino (BZ)
www.peterzemmer.com

Print Friendly, PDF & Email

   Il nostro parere


- Formaggi stagionati
- Primi con ragù bianco
- Pesce di fiume come trota salmonata
- Faraona con castagne e verza stufata
- Parmigiano reggiano 50 mesi.

  

  

90


Legenda:

= Abbinamento cibo / vino

Il nostro consiglio:

= Lasciamo perdere - = Vale la spesa - = Il regalo ideale - = Il vino dei desideri

Rapporto qualità/prezzo:

= Buono - = Molto buono - = Ottimo

= Punteggio in centesimi

Autore /


Riccardo Isola

Un viaggio tra inchiostro e liquidi nel cristallo iniziato, ahimé e purtroppo, diversi anni fa. Giornalista enogastronomico in orbita perenne attorno ai pianeti Vino e Cibo. Usurpatore, per professione e per passione, della lingua italiana. Improprio interprete, ma con dedizione e impegno, del raccontare ciò che da sempre fa grande il nostro essere italici: il Gusto. Salute!

© Riproduzione vietata
Scritto il: martedì, 21 novembre 2017

Ti potrebbero interessare:

Metodo Classico Brut Luigi Coppo: una firma piemontese di classe per le bollicine italiane
Corvina "Le Bessole", nobili sorsi di territorio dalla Cantina Accordini Igino
Villanoviana, un piccolo gioiello a Bolgheri
Broccolo di Torbole, l'ortaggio che vuole vivere solo in Trentino
Carne salada e rosti: un croccante abbinamento dal sapore trentino