Paolo Romeo racconta le emozioni dopo la vittoria al campionato italiano di cous cous

Lo chef siciliano, attualmente nelle cucine genovesi del Ristorante Shalai Siciliano contemporaneo, racconta le emozioni della vittoria alla competizione che si è recentemente conclusa a San Vito Lo Capo.

Paolo Romeo racconta le emozioni dopo la vittoria

Lo chef Romeo al microfono del giornalista Marco Benvenuto.

Lo chef Paolo Romeo, grazie ad un contest nel quale aveva ottenuto un successo plebiscitario, ha rappresentato Genova nel campionato italiano al Cous Cous Fest 2017, vincendo il primo premio.

Emblematico il titolo che ha voluto dare alla sua personale interpretazione del piatto presentato a San Vito Lo Capo (TP) nel corso della gara. Come spiega nell’intervista, l’ha chiamato “Viaggio in Sicilia” per ricordare un viaggio, vittorioso, nella sua terra di origine. Romeo, infatti, è messinese di nascita e, da quasi due anni, lavora a Genova.

La ricetta, come lui stesso ha spiegato, contiene gli ingredienti della sua isola e sue materie prime preferite tra cui gli agrumi, i gamberi di Mazara e i capperi.

Paolo Romeo racconta le emozioni dopo la vittoria

Print Friendly, PDF & Email
TAG:     , ,

Autore /


Marco Benvenuto

Zena a toua. Giornalista professionista e gastronomo critico di video web cucina: dalla forchetta “felice” e dalla scrittura “golosa”, metto in onda le parole della Liguria ma, purtroppo, non i suoi sapori. Appassionato di pesto al mortaio e finalista sconfitto ai campionati del mondo. Descrivo la Liguria del gusto nelle sue varie declinazioni sul blog Zena a toua (Genova a tavola), trattando di novità e tendenze.

© Riproduzione vietata
Scritto il: martedì, 3 ottobre 2017

Ti potrebbero interessare:

Carmelo Carnevale: chef internazionale, cuore italiano
«L'ispirazione mi arriva dalla natura»: parola del giovane chef pugliese Luca Gallo
Luca Sessa, lo spettacolo della cucina che fa emozionare
Intervista a Iole Matassoni, preside dell'Alberghiero Pellegrino Artusi di Riolo Terme
Milano Sanremo del gusto, si investe sul binomio turismo-enogastronomia