Cotechino e lenticchie: 8 idee per servirli in modo originale

Cotechino e lenticchie, una tradizione a Capodanno a cui non si rinuncia. Ma come possiamo presentarli in modo originale e nuovo? Eccovi diverse idee.

Cotechino-e-Lenticchie

Foto di Elisabetta Lecchini (© Riproduzione vietata).

La tradizione vuole che a Capodanno si mangino cotechino e lenticchie che, secondo la leggenda, portano prosperità per il nuovo anno. Sappiamo che solitamente non accade ma ormai non c’e’ tavolata di fine anno in cui manchino questi legumi sani e gustosi.

Invece di presentare il piatto con due o tre fette di cotechino accostate a un paio di cucchiaiate di lenticchie cotte con un po’ di soffritto classico (cipolla, sedano e carote), pensiamo a nuove vesti per questa portata di fine anno, anche per attrarre chi proprio non ne sia entusiasta.

  1. Un’idea interessante e succulenta è una pasta al forno. Tagliate il cotechino a pezzetti, come se si trattasse di dadini di speck o prosciutto, aggiungete le lenticchie lessate con o senza soffritto, cuocete la pasta, versate tutto in un’ampia pirofila e condite con besciamella e Parmigiano. Servirete un piatto abbondante, diciamo unico.
  2. Sempre restando in tema di pasta potete farcire dei conchiglioni, un formato di pasta appunto a forma di conchiglia ideale per essere riempita. Aggiungete una spolverata di Parmigiano ed ecco un nuovo look per cotechino e lenticchie.
  3. Una variante carina è ricoprire il cotechino per la classica cottura in crosta. Prendete un rotolo di pasta sfoglia e, delicatamente, lo fate aderire attorno all’intero cotechino. Con i ritagli di pasta avanzata potete creare delle decorazioni e, se volete aggiungere colore e sapore, potreste frapporre fra la pasta e la carne delle foglie di spinaci o di verza. Servite accanto ad uno sformato mono-dose di lenticchie, un semplice composto di lenticchie, ricotta e Parmigiano.

    Cotechino-e-Lenticchie-in-bicchiere

    Foto di Elisabetta Lecchini (© Riproduzione vietata).

  4.  Qualche idea finger food: cubetti di cotechino e polpette di lenticchie serviti come spiedino oppure, in un bicchierino adagiare una fetta di cotechino, magari dello stesso diametro del bicchiere, coprire con una crema di lenticchie e procedere con un’altra fetta di carne e una di crema, fino a quattro strati di colori diversi.
  5. Un altro finger food sostanzioso è servire cubetti di cotechino con polenta e sopra una cucchiaiata di lenticchie o alternare gli strati giallo/polenta, marroncino-verdastro/lenticchie, rosa/cotechino. Ormai è noto che in cucina “il bello” è giocare con forme, colori, consistenze e altezze.
  6. Una soluzione forse stravagante ma senz’altro originale è quella dell’hamburger. Prendete il pane da hamburger o qualsiasi panino, tagliate delle fette di cotechino, farcite con la carne e una crema di lenticchie.
  7. Un’idea un po’ passata di moda, ma sempre ottima, è quella del cestino ripieno, simil volauvent. Utilizzate la pasta sfoglia o una cialda di Parmigiano come piccoli contenitori monodose e disponete all’interno fette o cubetti di carne e una cucchiaiata di lenticchie.
  8. Una presentazione che a me piace molto e preparo solitamente con gli avanzi di cotechino e lenticchie è il plumcake. Se vi avanzano poche fette di carne e un mestolo di legumi metteteli in un cake, pochi altri ingredienti e otterrete una sorta di pane da tagliare a fette, da portare da amici o in una gita fuori porta.

Le idee non mancano, se quest’anno volete servire cotechino e lenticchie in modo diverso, provate a immaginare come vi piacerebbe presentarli e inventate. Sia il cotechino che le lenticchie si prestano per essere apprezzati in un primo, un antipasto, con del pane o lievitati in generale, come finger food o contorno.

Print Friendly, PDF & Email
TAG:    

Autore /


Elisabetta Lecchini

La viaggiatrice famelica - Curiosa per natura, mi piace tutto quanto ruota attorno all’argomento cibo, che si tratti di coltivare un orto, sapere da dove proviene un riso o come si tempera il cioccolato. Vivo a Milano ma preferisco stare in mezzo alla natura; tra le mie passioni ci sono la cucina, il cioccolato, i libri, la scrittura, i viaggi e il mio blog di enogastronomia "Lilli nel paese delle stoviglie".

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 28 dicembre 2015

Ti potrebbero interessare:

GasBo - Gruppo di Acquisto Solidale di Bologna
Alchemilla GAS | Gruppo di Acquisto Solidale a Bologna
Fattorie Aperte...e un pranzo a chilometro zero!
Il primo dei primi, lo chef Francesco Passalacqua tra i conduttori del nuovo talent culinario
Riforma del mercato interno del riso: etichette “trasparenti” a tutela del prodotto italiano