I russi amano la cucina italiana più di qualunque altra

Secondo un recente sondaggio di Skyscanner Russia, il 38% dei russi ha espressamente dichiarato di preferire la nostra cucina.

La Cucina italiana è la più amata dai russi

Photo by Christine Siracusa on Unsplash.

Può uno Stato come la Russia, lontano dall’Italia geograficamente e culturalmente, votare la cucina italiana come la migliore al mondo? Secondo quanto riportato da un recente sondaggio effettuato da Skyscanner Russia, sì.

L’analisi condotta dal noto motore di ricerca internazionale di voli, aveva l’obiettivo di individuare quale tra le gastronomie internazionali fosse la più apprezzata da un campione di 500 viaggiatori russi, e contro ogni ipotesi, la cucina italiana si è aggiudicata la vetta. Il risultato era tutto fuorchè scontato poiché, se da un lato il Bel Pese rappresenta uno degli Stati con la maggiore biodiversità culinaria al mondo insieme al Perù, bisogna anche considerare che nella nazione governata da Vladimir Putin i prodotti agroalimentari e la cultura a tavola sono molto differenti da quelli italiani.

Frequenti, infatti, sono le zuppe a base di tuberi (patate e barbabietole in primis) e panna acida – “smetana” in russo -, di pesce (prevalentemente storione e aringa) marinato o cotto, di pane nero e di dolci a base di frutta e miele. Inoltre è consuetudine accompagnare le pietanze dolci e salate con il tè e di consumare piccoli antipasti in abbinamento a pani differenti ed alla vodka (zakuski).

I piatti italiani preferiti dai russi

Secondo il sondaggio, i piatti preferiti sarebbero le lasagne alla parmigiana, il gelato e il tiramisù eil dato sorprendente è che i russi dimostrano di apprezzare non solo le ricette più famose ma anche la cucina locale e i piatti meno noti.

Molto apprezzato anche il nostro vino tanto che, con una copertura del 28 % del mercato, rappresenta il vino mondiale più venduto nella Federazione Russa.

Lasagne, gelato e tiramisù sono le ricette italiane più apprezzate dai russi.

«È un dato molto importante questo – commenta Giulio Gargiullo Digital Marketing Manager da anni nel business Italia-Russia che deve spingere la ristorazione, assieme al settore hospitality e non solo, a creare percorsi ad hoc per i russi rivolti alla vera cucina tradizionale italiana e regionale, con tutte le sue sfumature. È necessario creare delle attività di marketing digitale internazionale e territoriale verso i russi che arrivano copiosi proprio prima delle festività natalizie in Italia e tornano in Russia dopo il Natale ortodosso, fra l’8 gennaio e la seconda settimana di gennaio. Normalmente poi i cittadini russi frequentano l’Italia nei mesi invernali nelle principali località sciistiche e la maggior parte arrivano nel periodo estivo dove alloggiano e visitano le principali località balneari della Penisola».

Le cucine migliori secondo i russi

Infine, secondo il sondaggio, le altre cucine preferite dai russi sono: la georgiana (votata dal 16 % del campione), thailandese (12 %), greca (10 %), cinese, giapponese e francese (5 %), spagnola (4 %), messicana (3 %) e infine araba (2 %).

Questi dati, utili per le aziende del settore, sono di buon auspicio anche per la risalita del turismo italiano nel mondo il quale, a fronte dell’impareggiabile offerta culturale, artistica e culinaria di cui dispone, occupa “solo” il quinto posto per numero di turisti all’anno, e mai come in questo momento, deve cavalcare l’onda gastronomica per una fiorente rinascita.

Print Friendly, PDF & Email
TAG:    

Autore /


Alessio D

Love You Can Eat - Nato a Chivasso nel 1995, con la laurea in Dietistica ho appreso quanto l’alimentazione sia importante per la nostra salute e come ciò che mangiamo abbia conseguenze più o meno positive sull’organismo. In virtù di un forte interesse verso il mondo gastronomico e le eccellenze italiane, mi accingo a frequentare il Master in Food e Wine Communication presso l’Università di comunicazione e lingue IULM.

© Riproduzione vietata
Scritto il: sabato, 23 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare:

I dolci di Natale nel sud-ovest europeo
Osti sull'orlo di una crisi di nervi, a Torino incontro con l'autore Valerio M. Visintin
Vima Narrainen, l’integrazione culturale anche a tavola
L’affermazione del Famoso
Marca 2017: passione, dinamismo e tanti giovani per un’edizione da record