Pomodoro e derivati: arriva il decreto per la “nuova etichetta”

Finora solo la passata di pomodoro era tutelata dal rischio di miscelazioni con prodotto estero ma, recentemente, è stato firmato un decreto che prevede l’obbligo di inserire anche nelle etichette di pomodori, pelati, salse, sughi, conserve e concentrati l’origine del prodotto in termini di coltivazione e trasformazione.

Sull’onda del rafforzamento normativo in tema di sicurezza alimentare e di tutela dei consumatori, dopo le novità introdotte in merito all’etichettatura del latte e dei suoi derivati, I Ministri delle Politiche Agricole e dello Sviluppo Economico, Maurizio Martina e Carlo Calenda, hanno firmato il decreto interministeriale per introdurre l’obbligo di indicazione dell’origine dei derivati del pomodoro. A renderlo noto è lo stesso MPAAF con un comunicato stampa diffuso all’interno del proprio sito istituzionale in cui è stato spiegato di aver dato piena attuazione al regolamento europeo 1169 del 2011.

Etichetta Pomodoro e derivati: obbligo di origine

Obbligo di origine per le etichetthe di pomodoro e derivati.

Etichetta Pomodoro e derivati: obbligo di origine

Il decreto prevede che le sulle etichette delle confezioni di derivati del pomodoro prodotti in Italia (sughi, pelati, salse, conserve e concentrati) dovranno essere obbligatoriamente indicati:

  1. Paese di coltivazione del pomodoro;
  2. Paese di trasformazione del pomodoro.

Altre diciture possibili

Se le fasi di produzione e trasformazione avvengono nel territorio di più Paesi – precisano dal Ministero – potranno essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture:

  • Paesi UE,
  • Paesi NON UE,
  • Paesi UE E NON UE.

Se tutte le operazioni avvengono nel nostro Paese si potrà invece utilizzare la dicitura “Origine del pomodoro: Italia“.

Obbligo di visibilità delle informazioni

In tema di visibilità invece, sulla base del suindicato provvedimento, le indicazioni sull’origine dovranno essere apposte in etichetta in un punto evidente e nello stesso campo visivo, in modo da essere facilmente riconoscibili, chiaramente leggibili ed indelebili.

I provvedimenti, sottolineano dal MPAAF, prevedono una fase per l’adeguamento delle aziende al nuovo sistema e lo smaltimento completo delle etichette e confezioni già prodotte.

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Marco Miglietta

TRIPPAdvisor. Dalle orecchiette, passando per lo gnocco fritto, fino alla cotoletta: ecco la mia vita in un menù. Di origini salentine, approdato in quel di Piacenza per motivi di studio mi sono trasferito a Milano per lavoro. Laurea in Giurisprudenza, attualmente lavoro presso una casa editrice giuridica nel capoluogo meneghino. Appassionato di buon cibo, mi reputo una buona forchetta, ma anche un buon cucchiaio e perchè no...pure un buon coltello.

© Riproduzione vietata
Scritto il: sabato, 28 ottobre 2017

Ti potrebbero interessare:

IGP (Indicazione Geografica Protetta)
Lo chef Mario Ferrara protagonista al Refettorio Ambrosiano di Milano
Biol Bologna, i migliori oli evo e mieli del 2015: chi ha vinto?
Ultime tendenza in cucina…Il Visual Food!
La bella storia in rosa di Caterina Ceraudo, Premio Donna chef 2017 assegnato da Michelin