Insalata di fagioli

Insalata di fagioli: un piatto veloce, nutriente e povero di grassi.

Questa ricetta non può mancare nella nostra alimentazione. I fagioli, infatti, sono ricchissimi di proprietà ma poveri di grassi. E costano poco….

Insalata di fagioli

Insalata di fagioli (Foto: ricette.pourfemme.it)

Una buona insalata di fagioli è un piatto perfetto per ogni occasione e stagione. Sia che siamo soli che in compagnia possiamo preparare questa ricetta in pochi minuti, se abbiamo i fagioli già cotti, e possiamo servirla come antipasto, contorno o secondo piatto.

Accompagnata da un buon bicchiere di vino e da qualche fettina di pane tostato diventa anche uno squisito finger food per un aperitivo. Altra cosa importante è che si adatta perfettamente anche all’alimentazione dei vegetariani o vegani in quanto non contiene nessun ingrediente di origine animale.

Un consiglio utile: preparare la ricetta almeno 3 ore prima di gustarla in modo che si possa insaporire e tenerla al fresco nel periodo estivo.

Scheda Ricetta della “Insalata di fagioli”

Ricetta segnalata da: Giovanni Cimmino
Categoria
: Contorni e Finger food
Difficoltà: Bassa
Costo: Basso
Dosi: per 4 persone
Tempo di cottura: 40 minuti;
Tempo totale di preparazione: 5o minuti.

Ingredienti

  • 5 cucchiai di fagioli secchi o 2 kg di fagioli freschi;
  • cipolla di Tropea;
  • olive;
  • sedano;
  • olio extra vergine d’oliva;
  • aceto;
  • prezzemolo;
  • sale q.b.;
  • bicarbonato (da mettere nell’acqua di cottura).

Preparazione

  • Se si usano fagioli secchi, vanno messi a mollo per 12 ore prima della cottura; in caso di fagioli freschi si lavano e cuociono direttamente. In entrambi i tipi di fagioli, aggiungere una punta di bicarbonato nell’acqua di cottura e far cuocere per circa 40/45 minuti;
  • scolare bene i fagioli cotti e lasciare riposare circa 10/15 minuti affinchè si asciughino;
  • condire con prezzemolo tritato, cipolla, sedano, olio, aceto e sale. Per chi lo gradisce si può aggiungere del pepe nero;
  • mescolare molto bene e lasciare insaporire un pò prima di portarlo in tavola.

Fagioli: perchè mangiarli?

I fagioli sono legumi originari dell’America centrale di cui esistono diverse varietà tutte caratterizzate da proprietà nutrizionali importantissime per il nostro benessere al punto che i nutrizionisti consigliano di mangiarli due o tre volte a settimana.

Pur avendo un ridotto contenuto di grassi, i fagioli sono ricchi di proteine vegetali, di carboidrati e di vitamine. La fibra contenuta nella buccia è utilissima per il metabolismo in quanto conferisce un rapido senso di sazietà ed esercita una funzione benefica sulla regolarità intestinale.

L’elevato contenuto nutritivo dei fagioli, dovuto alla presenza dei carboidrati è paragonabile a quello che si può conseguire mangiando carne e uova ma, al contrario di questi ultimi alimenti, i fagioli sono privi di colesterolo perché contengono la lecitina che favorisce l’emulsione di grassi ed evita che si accumulino nel sangue. Sono consigliati anche ai diabetici perchè hannola capacità di abbassare la glicemia. Vanno invece evitati da chi ha problemi di colite o di meteorismo.

Si tratta di un alimento molto apprezzato anche dai vegetariani e dai vegani perché sostituisce perfettamente carne e pesce essendo completo e ricco di macroelementi come fosforo, ferro, potassio e microelementi quali calcio, zinco e fosforo, oltre a vitamine come vitamine A, B e C ed E.

I fagioli e la flatulenza

Purtroppo spesso i fagioli sono criticati ed eliminati dalla dieta perché possono causare disturbi intestinali ed esalazioni gassose, la cosiddetta “flatulenza”.

Intanto va premesso che, secondo un recente ricerca condotta da Donna Winham dell’Università dell’Arizona e da Andrea Hutchins dell’Università del Colorado, pubblicata sul Journal of Nutrition, questa inconveniente è molto meno frequente di quanto si possa pensare ed inoltre si riduce notevolmente intensificando il consumo dei fagioli perché l’intestino si abitua al consumo di fibre.

Detto ciò, consigliano vari rimedi per contrastare la flatulenza causata dai fagioli. Ne riportiamo due:

  1. insaporire i fagioli con un pizzico di satureja (o santoreggia) che è un’erba aromatica che appartiene alla stessa famiglia della menta oppure con un cucchiaino di zenzero macinato;
  2. immergere i fagioli crudi in una pentola con acqua fredda e portare ad ebollizione; dopo circa 3 minuti dalla bollitura scolarli e sciacquarli bene sotto acqua corrente. Ripetere questa operazione 3 o 4 volte prma di proseguire con la cottura completa dei fagioli.
Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Redazione

La squadra di redazione de La Gazzetta del Gusto è ricca di professionisti della comunicazione, blogger, esperti di alimentazione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

© Riproduzione vietata
Scritto il: sabato, 30 maggio 2015

Ti potrebbero interessare:

“Cotto e Tatuato”: la cucina ispirata dall’arte del tatuaggio
Cotechino e lenticchie: 8 idee per servirli in modo originale
Risotto con castagne, mix di verdure e salame di capra
I semi oleosi: gustosi, sani e dalle numerose virtù
Pettole di Santa Cecilia: 3 trucchi per non sbagliare