Spiedini di pecorino e pere glassate al miele di castagno

Un ottimo finger food da accompagnare con l’aperitivo o da servire come antipasto; una giusta combinazione di sapori contrastanti che solleticano il palato. Il gustoso pecorino crotonese stagionato, infatti, si sposa con la dolcezza delle pere, glassate con un suadente miele di castagno.

Il caldo è ormai alle porte e, con le belle giornate, sono gli aperitivi i veri protagonisti. È per questo che, accanto ad un buon bicchiere di spumante o a un vino bianco frizzate, si possono abbinare degli spiedini di pecorino e pere glassate al miele di castagno, dei finger food freschi e leggeri che accontentano tutti per il sapore dolce ma, al contempo, particolare.

Ricetta spiedini di pecorino e pere glassate

Ricetta Spiedini di pecorino e pere glassate

Spiedini di pecorino e pere glassate (Foto © Piero Cantore).

La loro preparazione è veloce e richiede pochi ingredienti. La novità risiede nell’accostamento audace tra il pecorino crotonese stagionato, formaggio calabrese di latte ovino dal gusto piccante che, dal 2014, ha ricevuto la denominazione Dop, con la pera, frutto gustoso e dolce. Il tutto accompagnato dal miele di castagno che, con il suo retrogusto lievemente acre, smorza la dolcezza della pietanza.

Ingredienti per 4 persone:

  • 150 grammi di pecorino crotonese stagionato
  • 2 pere
  • 2 cucchiai di miele di castagno
  • 40 gr di burro o margarina.

Procedimento

Lavare e sbucciare le pere, quindi tagliarle a spicchi, privandole del torso e ricavarne dei cubetti.

In una padella antiaderente, far fondere il burro o la margarina (a seconda dei gusti) e versare i cubetti di pere, facendoli rosolare rosolare per bene senza farli bruciare. Infine si versa il miele di castagno e saltare il tutto, in modo da far glassare le nostre pere, a fuoco lento per circa 3/5 minuti.

Tagliare a cubetti il pecorino, così com’è stato fatto precedentemente con le pere. Una volta pronti tutti gli ingredienti, si crea lo spiedino mettendo al centro il formaggio e alle estremità le pere glassate.

Sistemare gli spiedini in un e condire con la cremina ricavata dal miele e dal burro (o margarina).

Come abbinamento si suggerisce un vino barricato e corposo in bocca, che riesce comunque a pulire il palato. Nello specifico, si consiglia un Luna Piena, un vino secco, caldo, fine ed elegante, eccellente per la persistenza aromatica, bilanciata da un delicato retrogusto.

TAG:     ,

Autore /


Piero Cantore

Parola di chef. Sono nato a Santa Maria Capua Vetere (CE), ma vivo tra le splendide montagne della Sila a Camigliatello Silano (CS), dove lavoro presso la struttura di famiglia "Ristorante Donna Maria". Grazie al patrimonio alimentare di questa terra, realizzo piatti rigorosamente a chilometro 0. Sono assaggiatore di vini ONAV, sommelier della Scuola Europea Sommelier e assaggiatore di Salumi ONAS. Conduco il programma radiofonico "La cucina a modo mio" del circuito Italiastampa.

© Riproduzione vietata
Scritto il: venerdì, 19 maggio 2017

Ti potrebbero interessare:

Melanzane a funghetto
Insalata di fagioli
Cipollotti stufati al Barolo, un contorno irresistibile
Casatiéllo napoletano o Tòrtano? Quali le differenze?
Involtini di melanzane gratinate: chi può resistere?