Cucina mauriziana a Bologna: Vima Narrainen stupisce e convince

Lo scorso 11 febbraio la chef Vima Narrainen ha portato la cucina mauriziana a Bologna. In un evento presso il Ristorante l’Arcimboldo, organizzato dal network Evolution Travel, Ente del Turismo di Mauritius e da Air Mauritius, sono state mostrate le meraviglie di quest’isola e anche la sua speciale gastronomia.

Cucina mauriziana a Bologna: Vima Narrainen

Vima Narrainen (a destra) con lo staff del Ristorante Arcimboldo di Bologna.

Esiste un posto incantato nell’Oceano Indiano, ad est del Madascascar e dell’Africa meridionale, che sta conquistando sempre più turisti: l’isola di Mauritius. Non solo è un paradiso tropicale le cui bellezze ambientali tolgono il respiro ma è anche uno Stato abitato da gente genuinamente ospitale, paziente, abituata ad una vita semplice e serena in cui la vera ricchezza è quella dei rapporti umani.

Questa cultura e questi aspetti influenzano anche la cucina mauriziana, frutto di un miscuglio di cucina indiana, cinese e creola con qualche incursione anche nelle tradizioni europee. Ricche, fantasiose, colorate e composte dai frutti che la terra ed il mare offrono generosamente, le ricette di Mauritius abbondano di legumi, verdure, pesce e carne il tutto “ammantato” dai toni agrodolci, profumati e piccanti rilasciati dalle spezie, peraltro equilibrate e mai invasive.

Vima Narrainen porta la cucina mauriziana a Bologna

A farmi scoprire e innamorare della cucina mauriziana a Bologna è stata Vima Narrainen, una chef che si è stabilita a Milano per amore ed è diventata una delle più autorevoli ambasciatrici delle tradizioni culinarie del suo Paese di origine.

Lo scorso 11 febbraio, Vima è stata artefice e protagonista di un viaggio gastronomico a Mauritius, allestito presso il Ristorante Arcimboldo in via Galliera a Bologna, in occasione di un interessante evento organizzato dal network Evolution Travel per esporre ai propri agenti, sparsi per l’Italia, le meraviglie di quest’isola. Tra l’altro, la presentazione è stata fatta dall’Ente del Turismo di Mauritius e dalla compagnia aerea Air Mauritius.

Il sontuoso banchetto è stato predisposto nella cucina dell’Arcimboldo, locale delizioso e abituato ad eventi di stile dove la buona cucina si apre alle contaminazioni e alla creatività. Lo chef Daniele Meli e il suo staff, hanno supportato Vima Narrainen nella preparazione, concretizzando un felice incontro di culture e passioni.

Vima Narrainen, cucina mauriziana

Alcuni piatti del menù.

Il menù di Vima Narrainen all’Arcimboldo di Bologna

Un menù ricco di ricette tipiche di Mauritius, preparate avendo cura di dosare le spezie per venire incontro al palato italiano, poco abituato a sapori eccessivamente decisi. Riso, salse (dette “chutney“) e piccoli finger food che rivelavano tanto della cultura e del carattere mauriziano. Bocconi perfettamente uguali l’uno all’altro, con fritture perfette, salse variopinte a base di legumi e spezie e altri ingredienti genuini. Profumi e sapori che, dal naso, si trasmettono al palato e arrivano dritti al cuore perchè comunicano attenzione, lentezza e scrupolosità nell’esaltare i frutti della natura, che da poveri e semplici, diventano eccellenze.

Cocktail mauriziano

Freschi, gustosi e irresistibili i due cocktail che Vima ha preparato in abbinamento al cibo. In quello alcolico, il rum mauriziano era stato insaporito con succo di lychees, mango, ananas, frutto della passione e lime. Gli astemi, invece, sono stati gratificati con una bevanda a base di schweppes, succo di lychees, guava, ananas, mango e lime.

Finger food

Preponderanti i finger food, tanti piccoli capolavori croccanti, pastellati e fritti, da gustare in un solo boccone che regala alla bocca un’armonia di tanti sapori insieme. Poichè i nomi di queste prelibatezze mi sono sconosciuti, chiedo aiuto a Vima che me li “presenta”.

Scopro quindi che quelle golose polpettine a base di piselli gialli, semi di finocchio e coriandolo si chiamano “Gateau piment”, gli involtini con pasta fillo, ripieni di patate al curry e coriandolo sono i “Samoosas” mentre i “Pakoras” sono le frittelline di verdure pastellate nella farina di ceci, cumino e coriandolo. Sono nomi che non ricorderò mai ma poco importa. Particolare anche il gusto agrodolce dei crostini con chutney di patate al timo e pomodorini caramellati.

Non sono un appassionato di riso ma devo ammettere che le due ricette presentate erano buonissime. la prima era un riso saltato con gamberi, pollo, uova e verdure in salsa di soia mentre l’altra era un piatto vegetariano con verdure e spezie varie.

“Chutney”, le salse mauriziane che danno sapore alle ricette

Le salse mauriziane, dette “Chutney”, rendono i piatti più stuzzicanti. In questo menù ne ho scoperte diverse:

  • Chutney di cocco, arachidi, menta e peperoncini verdi
  • Chutney di mango, lime e zenzero
  • Chutney di pomodori, aglio, peperoncini e coriandolo
  • Chutney di mela verde, lime, zenzero e peperoncini
  • Achard de mangues con mango speziato

Dessert e frutta

A rinfrescare il palato dopo un pasto speziato, sono stati proposti spiedini di frutta fresca e un lassi al mango, una bevanda a base di mango, yogurt, lime e zucchero di canna.

Probabilmente non farò mai un viaggio a Mauritius o, almeno, non è previso in tempi brevi ma sicuramente continuerò a esplorare la cucina di Vima Narrainen seguendola sia che torni a Bologna che altrove.

Cocktail mauriziani di Vima Narrainen

Vima Narrainen
MAURITIAN CUISINE, AND MORE
Milano, via G. Washington 51 (Cell. 366.1653123)
www.vimasfood.com

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Dalla Campania si è stabilito a Bologna per lavoro, ormai da tanti anni. Laureato in Economia aziendale, è esperto di web marketing e comunicazione, è copywriter e scrive di enogastronomia, teatro, musica, spettacolo e tv. Sta frequentando il primo livello del Corso di sommelier, presso l’AIS di Bologna (Associazione Italiana Sommelier).

© Riproduzione vietata
Scritto il: sabato, 25 febbraio 2017

Ti potrebbero interessare:

La cucina albanese e la tradizione dell’ospitalità della Terra delle Aquile
I dolci di Natale nel sud-ovest europeo
Ramen, ecco dove mangiarlo a Milano
A qualcuno piace crudo
Buenos Aires, la cucina della Ciudad Divina