Brutti ma buoni: la ricetta semplice

Sono dolcetti a base di nocciole, mandorle e albume d’uovo. La loro storia è incerta e le origini sono contese dalla città di Gavirate (VA) e la città piemontese di Borgomanero (NO).

Ricetta dei Brutti ma buoni, anche per celiaci

Ricetta dei Brutti ma buoni (Foto Alessandra Gabrielli).

Il nome di brutti ma buoni è dato dalla forma irregolare e bitorzoluta di questi dessert a base di nocciole, mandorle e albume. Tuttavia, nonostante l’aspetto poco piacevole, sono apprezzati da tutti. Inoltre, l’assenza di farina nell’impasto li rende adatti anche alle persone intolleranti al glutine.

Ricetta dei Brutti ma buoni

La variante proposta di seguito, prevede l’utilizzo di sole nocciole.

Ingredienti

  • 3 albumi
  • 250 g di nocciole
  • 200 g di zucchero
  • i semi di una bacca di vaniglia

Preparazione

  1. Tostate le nocciole in una padella a fuoco basso per circa 30 minuti girandole spesso. Strofinatele nocciole tra le mani (se non utilizzate quelle già spellate) per eliminare la pellicina anche se, in alcune ricette, vengono utilizzate con la pelle.  Versate le nocciole nella ciotola di un mixer e tritatele grossolanamente.
  2. Montate gli albumi e, dopo qualche minuto, iniziate ad aggiungere lo zucchero a cucchiaiate. L’aspetto finale dovrà essere sodo e lucido, come se fosse una meringa. Aggiungete la granella di nocciole e amalgamate.
  3. Trasferite il composto in una pentola e cuocete a fuoco basso; girate continuamente fino a quando non inizierà ad asciugarsi. Il fondo della pentola deve ricoprirsi con una patina, saranno necessari circa 8/10 minuti.
  4. Ricoprite una teglia con carta da forno. Prelevate l’impasto con un cucchiaio e distribuitelo sulla teglia.
  5. Fate cuocere in forno caldo statico, preriscaldato a 140° C per 40/50 minuti (devono essere secchi). Il numero dei biscotti varia a seconda della quantità di impasto che utilizzerete per ogni “mucchietto”.
Print Friendly, PDF & Email
TAG:     ,

Autore /


Alessandra Gabrielli

Menta e salvia. Classe 1985, sono nata a Frosinone dove ho vissuto fino al trasferimento nelle Marche per frequentare l'università. Da dieci anni mi sono stabilita a Torino per amore e qui coltivo l'interesse per la fotografia, il giardinaggio e la cucina. Nel 2012 ho fondato il blog "Menta e Salvia" che definisco il "diario di una passione e...altro".

© Riproduzione vietata
Scritto il: martedì, 30 gennaio 2018

Ti potrebbero interessare:

Semifreddo all'Ananas
Biscotti di Carnevale, delizie festose e sane
Cuor di donna, la torta per tutte le occasioni
Panna cotta aromatizzata allo zenzero, con pera caramellata
Tortino al cioccolato senza glutine con cuore caldo