Gin Rickey, il cocktail old fashioned del Grande Gatsby

Hightball colmo di ghiaccio, Gin e succo di lime: questi gli ingredienti per il cocktail più in voga nei quartieri altolocati dell’America Anni ’20, degustato anche dai personaggi del celebre romanzo “Il Grande Gatsby” di F. Scott Fitzegarld.

Gin Rickey: ricetta del cocktail, origini e storia

Gin Rickey: ricetta del cocktail, origini e storia.

Siamo nella Washington di fine ‘800. Il lobbista Joe Rickey, è un grande estimatore di cocktail e proprietario dello Shoomaker, uno dei locali più in vista, frequentato da ricchi, intellettuali e personaggi di spicco.

Qui in una calda giornata estiva, Rickey suggerì al barman, George Williamson, di creare un drink fresco, leggero, con soda, succo di lime e parecchio ghiaccio, in aggiunta al bourbon whisky che era solito gustare puro.

Fu questa la prima versione di quel che sarà il Gin Rickey, che per quell’occasione venne chiamato proprio Joe Rickey, in onore del colonnello al quale il drink fu molto gradito.

Ma è qualche anno più tardi che la ricetta, subendo una particolare variazione, diventa famosa in tutto il mondo: nel 1893, in occasione dell’Expo di Chicago, il bourbon whisky viene sostituito con il Gin definendo così il celebre “Gin Rickey” che ancor oggi conosciamo.

Scott Fitzgerald e i Roaring Twenties

La versione rinnovata del Gin Rickey spopola in tutti gli Stati Uniti tanto da diventare il drink simbolo dei Roaring Twenties (anni ruggenti), anima dei party fastosi della borghesia, degli artisti, degli intellettuali e dei personaggi di successo di quel tempo.

F. Scott Fitzegarld, cantore degli anni del jazz, del charleston e dell’ottimismo cieco, aveva una fervida predilezione per il Gin Rickey: amante della mondanità e degli eccessi di quel periodo, ne era talmente devoto, tanto da farne menzione nel suo libro icona “Il Grande Gatsby” pubblicato per la prima volta a New York nel 1925.

Il protagonista Jay, personaggio simbolo del meglio e del peggio degli Anni ’20, non poteva identificarsi in altro cocktail. L’opera è un manifesto dello sfarzo e del lusso di quegli anni; specchio del fascino e della futilità della ricchezza sui cuori e sugli animi infranti dei protagonisti, soliti perdersi in sbronze infelici (ma di classe).

Gin Rickey: ricetta del cocktail

Bicchieri sfaccettati di cristallo e melodie jazz di sottofondo per brindare alla Grande Gatsby ma, prima di tutto, impariamo a preparaci un ottimo Gin Rickey.

Ingredienti

  • 6 cl Gin
  • Succo di 1\2 lime
  • Soda water.

Preparazione

Per la preparazione del Gin Ricky è preferibile l’utilizzo di un hightball, da colmare di ghiaccio per attenuare il calore del Gin.

Versare il Gin e il succo di lime, mescolare lentamente e terminare con la soda water, fino a riempire il bicchiere. Guarnire con una fetta di lime.

Print Friendly, PDF & Email
TAG:    

Autore /


Alessandra Barbazza

Narratrice dei Sapori. Gastronoma e cultrice dell’enogastronomia. Il cibo è sempre stato per me sinonimo di convivialità. Il cibo fa parlare. Il cibo narra. Dopo un percorso di studi scientifici e classici, ho voluto intraprendere la strada del gusto, del cibo inteso come arte; mi destreggio ai fornelli con curiosità, dedizione e passione, ingredienti che non possono mai mancare nella mia dispensa. Ora do voce ai sapori attraverso la scrittura, cercando di descrivere e far quasi assaporare, ciò che il Cibo ha da raccontare.

© Riproduzione vietata
Scritto il: giovedì, 28 settembre 2017

Ti potrebbero interessare:

Limoncello, il liquore campano che ha conquistato il mondo
Spiedini di pecorino e pere glassate al miele di castagno
Roma Cocktail Week: va in scena l'arte della mixology
Lo Spritz secondo Gorfer: profumi, struttura e colori
Antico commercio, a Corato una lunga storia di ricercatezza e innovazione