Spaghetti ai 5 cereali con funghi Rositi della Sila

Ospiti vegetariani o vegani? Ecco una ricetta tanto semplice da preparare quanto gustosa e saporita, che non deluderà anche chi non lo è!

Funghi Rositi della Sila

Funghi Rositi della Sila (Lactarius delicious).

Oggi prepariamo degli spaghetti ai 5 cereali con Rositi della Sila, una varietà di funghi gustosissima, grazie al sapore dolce e intenso, leggermente piccante.

Nonostante non sia ancora conosciuto a livello nazionale come il porcini, il chiodino o il finferlo, il fungo Lactarius delicious ha un elevato pregio alimentare ed infatti sempre più ristoranti lo rendono protagonista delle loro ricette.

Spaghetti ai 5 cereali con Rositi della Sila

La ricetta non contiene ingredienti di origine animale e quindi è la scelta perfetta per mettere d’accordo tutti, vegetariani, vegani e onnivori.

Per impreziosire il piatto, a vostra scelta, è possibile aggiungere dei pomodorini che – secondo me – non guastano!

Spaghetti ai 5 cereali con Rositi della Sila

Spaghetti ai 5 cereali con Rositi della Sila (Foto @Piero Cantore).

Ingredienti per 4 persone

  • 320 grammi di spaghetti ai 5 cereali
  • 10 rositi della Sila di media grandezza
  • 10 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 250 grammi di pomodorini pachino o datterini
  • mezza cipolla rossa
  • sale e prezzemolo.

Preparazione

  1. In una padella facciamo soffriggere la cipolla tritata nell’olio, quindi aggiungiamo i funghi rositi, puliti accuratamente sotto l’acqua corrente e affettati sottilmente.
  2. Uniamo i pomodorini tagliati a metà, aggiustiamo di sale e spolveriamo con una manciata di prezzemolo tritato finemente. Lasciamo cuocere per circa 20 minuti a fuoco basso.
  3. Nel frattempo, con olio e farina di riso, prepariamo del roux e lo aggiungiamo ai funghi, ne bastano due cucchiaini da caffè. Amalgamiamo bene con l’aiuto di una frusta.
  4. Cuociamo gli spaghetti molto al dente, li scoliamo, li versiamo nella padella con i funghi e aggiungiamo due mestoli di acqua di cottura. Rigiriamo sul fuoco fino a fare amalgamare bene tutto.
  5. Quando la pasta sarà cotta, il piatto è pronto per essere servito ben caldo.
  6. Buon appetito!
Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Piero Cantore

Parola di chef. Sono nato a Santa Maria Capua Vetere (CE), ma vivo tra le splendide montagne della Sila a Camigliatello Silano (CS), dove lavoro presso la struttura di famiglia "Ristorante Donna Maria". Grazie al patrimonio alimentare di questa terra, realizzo piatti rigorosamente a chilometro 0. Sono assaggiatore di vini ONAV, sommelier della Scuola Europea Sommelier e assaggiatore di Salumi ONAS. Conduco il programma radiofonico "La cucina a modo mio" del circuito Italiastampa.

© Riproduzione vietata
Scritto il: venerdì, 24 novembre 2017

Ti potrebbero interessare:

Bigoli con pancetta croccante e piselli
"Veg Junior": da Nicla Signorelli un libro che chiunque dovrebbe leggere
La Panissa piemontese: l'eccellenza che viene dalla campagna
Quando l'orto incontra il porto, sofisticata combinazione tra ingredienti di terra e di mare
Gnocchi di castagne fresche al pesto