Apre a Bologna Doppio Malto Brew Restaurant, il locale che mancava

Birre artigianali di indiscussa qualità, ottimo cibo, locale bello, spazioso e confortevole per serate tra amici e in famiglia. Anche in Emilia arriva il format del gruppo Food Brand che promette di ammaliare i palati più esigenti.

Doppio Malto Bologna, ecco perchè andare

Doppio Malto Bologna, il bancone bar (Foto © Doppio Malto).

Doppio Malto Brew Restaurant è approdato anche a Bologna, in via Stalingrado 42, a pochi passi dal quartiere fieristico e a soli 3 km dal centro storico. Pur inserendosi in un contesto cittadino affollato di bar, ristoranti e pub che sono raddoppiati negli ultimi 4 anni, il progetto ha tutte le carte in regola per essere qualcosa di diverso e per raggiungere il successo.

Doppio Malto Bologna, infatti, propone un’esperienza entusiasmante perchè è predisposto per attirare clienti di tutte le età grazie a birre artigianali che hanno conquistato premi in tutto il mondo, una cucina di qualità composta da piatti di carne cotti alla brace, burger artigianali di manzo, polletti ruspanti, stuzzichini invitanti, focacce casalinghe e dolci con ingredienti scelti. Il tutto servito in un loft bello, accogliente e con un carattere dal fascino ben definito.

Doppio Malto Bologna, stile vintage e fascino contemporaneo

All’ingresso si ha l’impressione di trovarsi in uno dei tipici locali americani, con pavimenti in legno massiccio, un ampio bancone dove sorseggiare birre preparate in loco e spillate davanti al cliente, un’area ristorante arredata con mobili vintage e tavoli di recupero mescolati con elementi in ferro, inseriti con gusto e maestria. La capacità ricettiva è di oltre 200 persone. Imponenti botti di legno ricordano l’artigianalità che c’è dietro a tutto questo e che, comunque, si palesa nei boccali e a tavola.

Doppio Malto Bologna, ecco perchè andare

Spazi ampi e confortevoli per Doppio Malto Bologna (Foto © Enzo Radunanza).

Colpisce la vivacità del personale, giovane e sempre pronto a regalare un sorriso, l’ampiezza dei locali e la loro luminosità, l’allegria e la versatilità degli ambienti. Ogni angolo ha una sua caratteristica, dai tavoli conviviali alle poltrone vintage, dal bancone imponente all’area con gli “sport da birreria” come il biliardo, il calcio balilla e le freccette. Un posto di ritrovo anche in occasione di eventi sportivi a cui assistere da diversi monitor. Nell’estate 2018, inoltre, aprirà il beer garden, per rinfrescarsi con una buona birra durante le giornate calde.

Doppio Malto, la parola al Mastro Birraio

Doppio Malto Bologna, ecco perchè andare

Scatti della serata di inaugurazione (Foto © Enzo Radunanza).

Le protagoniste dei Doppio Malto Brew Restaurant restano, comunque, le birre artigianali che sono il frutto della passione e dell’esperienza di Alessandro Campanini, il Mastro Birraio che, dal 2004, si è dedicato a questo affascinante mondo che aveva scoperto viaggiando all’estero e apprezzando la tradizione birraia che in Italia non è stata molto valorizzata. In Canada studia e si forma in un prestigioso birrificio nei pressi delle Cascate del Niagara (lui ama citarle in inglese “Niagara Falls“) per poi tornare a Erba, in provincia di Como, dove inizia le sue sperimentazioni.

Con un entusiasmo travolgente, ti attira immediatamente nel suo mondo fatto di storia, aneddoti, scoperte, spiegazioni dettagliate e di orgoglio per i 99 premi internazionali conquistati con le sue birre con cui ha superato anche i suoi maestri. «La cultura della birra in Italia – ci racconta – è nata soprattutto negli ultimi dieci anni perché è stata sempre sovrastata da quella del vino dove vantiamo un primato internazionale, insieme ai francesi. Questo è dovuto anche al nostro territorio che è maggiormente vocato alla coltivazione della vite. Per tanto tempo le multinazionali ci hanno propinato birre scadenti perché gli ingredienti delle antiche ricette sono molto costosi e utilizzarli su vasta scala non sarebbe stato conveniente. Con Doppio Malto, invece, abbiamo invertito questa tendenza perché nella birra la qualità degli ingredienti è fondamentale. Usiamo esclusivamente malto d’orzo che è il cereale più nobile e costoso e lo andiamo a selezionare nelle piantagioni di tutto il mondo, dagli Stati Uniti alla Germania. Lo stesso facciamo per il luppolo e per i lieviti. Inoltre non aggiungiamo aromi artificiali ma esclusivamente prodotti freschi come fave di cacao brasiliano o zenzero fresco australiano, solo per citarne due».

Il merito di aver diffuso questo format va alla Food Brand Spa, azienda specializzata nel settore retail food&beverage e proprietaria di Doppio Malto. «Con Doppio Malto Bologna siamo giunti all’ottavo punto vendita in Italia». ha dichiarato Giovanni Porcu, CEO e fondatore di Food Brand. «Il nostro dna dinamico e giovane – ha aggiunto – ci ha permesso di creare un format subito identificabile e distinguibile nel mercato affollato del food. L’alta qualità del prodotto artigianale è sicuramente il valore aggiunto per diventare il birrificio artigianale con il ristorante dentro più diffuso in Italia».

Doppio Malto Bologna, ecco perchè andare

Doppio Malto Bologna ha 200 posti a sedere tra bar e tavoli (Foto © Enzo Radunanza).

13 etichette per un viaggio nella birra tutto italiano

L’esperienza da Doppio Malto Brew Restaurant Bologna non ha nulla da invidiare ai percorsi enologici più raffinati. Nella carta delle referenze si trovano ben 13 diverse etichette artigianali , appositamente studiate per dare soddisfazione a tutti i palati e creare abbinamenti anche con il cibo più raffinato.

Birre dolci, fruttate, amare, speziate, agrumate, barricate, profumate dai luppoli o dal gusto tostato del malto. Il giusto dosaggio dei luppoli è fondamentale per contrastare il sapore dello zucchero estratto dal malto d’orzo ed essi conferiscono il tipico gusto amaro oltre a contenere resine che, rilasciate nella bollitura del mosto, preservano il prodotto. Importante anche la tostatura del malto che, tra le altre cose, influisce sul colore ed è per questo che vengono proposte ben 20 tostature diverse.

Tra le etichette più suggestive che sono state degustate nella serata di inugurazione sono da segnalare la Leila Lager, una birra a bassa fermentazione, non filtrata e molto dissetantem oppure la Jingle Beer, una Doppelbock dai sapori tostati del malto, del caffè e del cioccolato, acquistabile in confezioni regalo.

Particolare anche la Zingibeer, una birra ambrata prodotta ad alta fermentazione che contiene lo zenzero fresco australiano che trasmette un effetto balsamico e tutte le virtù officinali di questa spezie.

La cucina e i prezzi del Brew Restaurant

Il ristorante propone menù dall’aperitivo al pranzo, dalle degustazioni alla cena, con attenzione anche a vegetariani e carnivori. Per i bambini sono proposti dei menù speciali dedicati al prezzo invitante di soli 3 €!

Considerata la qualità dell’offerta e la capacità di intrattenere piacevolmente gli avventori, i prezzi di Doppio Malto Brew Restaurant sono in linea con quelli di una comune birreria. Le 13 birre artigianali vanno dai 4,6 ai 5,6 euro mentre più articolati sono i prezzi della ristorazione. Giusto per fare qualche esempio, gli assaggi veloci (alette di pollo, gli anelli di cipolla dolce, i bocconcini di Gorgonzola, i panzerotti ripieni, le melanzane panate, gli arancini al ragù e patate bacon e Pecorino) vanno da 4,2 a 5,4 euro. Le pizze spaziano dai 5,4 € della classica agli 8,6 € della Pizza Coppa di Parma mentre i taglieri di salumi non superano i 13 €.  Sotto i 10 € anche i burgher la cui qualità è davvero eccellente sia per il pane che per la carne.

Doppio Malto Bologna, ecco perchè andare

Doppio Malto Bologna (Foto © Enzo Radunanza).

 

Print Friendly, PDF & Email
TAG:     , ,

Autore /


Enzo Radunanza

Il Cronista d’assaggio. Originario della Campania, vivo a Bologna dal 1999. Con "La Grassa" non è stato amore a prima vista. Abbiamo iniziato come amici e, lentamente, mi sono innamorato della sua cucina, dei prodotti tipici che propone, della sua creatività mista ad anticonformismo. Ho una laurea in Economia aziendale, mi piace leggere e scoprire storie, mondi e persone anche molto diverse da me. Coltivo la passione per il web writing, il web marketing e la comunicazione in generale che mi ha portato a scrivere di teatro, spettacolo, musica e tv. Attualmente mi dedico all'enogastronomia e frequento il terzo livello del Corso per aspiranti sommelier, presso l’AIS di Bologna (Associazione Italiana Sommelier).

© Riproduzione vietata
Scritto il: martedì, 19 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare: