Sicilia Aziende

Dall’Etna il segreto per produzioni artigianali eccellenti

Ai piedi del vulcano la tradizione fa rima con l’emozione. Scopriamo due realtà che valorizzano i doni regalati dalla natura

Una vista del Vulcano siciliano (Foto © Strada del Vino dell’Etna).

Una terra generosa nonostante le “intemperanze” dell’Etna, la cui attività incessante richiama migliaia di visitatori, è il luogo eletto di alcune produzioni artigianali.

Nate e cresciute in quella zona della Sicilia orientale, il cui tratto distintivo è un paesaggio “unico” diviso tra montagna e mare, le aziende hanno sviluppato un core business legato alla memoria olfattiva e alla tradizione, retaggio di un’infanzia trascorsa ai piedi del vulcano più grande d’Europa. Il suolo ricco di minerali e naturalmente vocato alla coltivazione dell’ulivo e della vite – fiore all’occhiello di tutto il comparto agricolo -, esalta la qualità dei prodotti, garantendo una resa ottimale.

Etna e produzioni artigianali: 3330 dell’azienda Nerodimonte

L’Etna, tuttavia, favorisce anche produzioni di nicchia, come il marchio 3330 dell’azienda Nerodimonte. con sede ad Aci Sant’Antonio, in provincia di Catania.

Dalla raccolta e selezione manuale della frutta (arance, pesche, pere, limoni, mandarini), fino alla trasformazione del prodotto (confetture, gelatine, marmellate) tutto è realizzato in modo artigianale, così da preservare aromi e sapori originali. Grazie all’introduzione di moderne varianti – frutta e spezie, frutta e liquori – il prodotto è diventato più appetibile e attrattivo, come ho potuto sperimentare durante l’educational “Crossing Etna” organizzato dalle Strade del Vino dell’Etna.

Alcuni prodotti 3330 (Foto © www.3330.it).

A colpirmi non è stata solo la bontà di marmellate – deliziosa la versione limoni e zenzero, rinfrescante e pungente, adatta per le prime colazioni estive o abbinata a crudi di pesce e formaggi caprini, o l’agrodolce di peperoni perfetto per accompagnare carni, fritti e verdure – ma anche l’armonia e l’eleganza del packaging (formato in vetro quadrato da 160 gr e 60 gr).

Una confettura agrodolce di peperoni (Foto © www.3330.it). 

Un valore aggiunto non trascurabile – anche l’estetica gioca un ruolo importante nell’acquisto -, per linea 3330, nata con l’obiettivo di accompagnare piatti e vini raffinati, che interpreta il gusto attraverso ricette semplici, benché originali.

Amaro Indigeno, il primo con melagrana di Sicilia

Natio dell’Etna è anche “Indigeno”, primo amaro alla melagrana di Sicilia dal profumo avvolgente, creato da Rita Cocuzza, titolare del marchio insieme ad Agata di Fede. Per la sua versatilità, il prodotto è utilizzato come digestivo a fine pasto, dissetante nelle calde giornata siciliane, aromatico nei dolci. Indigeno – “il bacio amaro del vulcano” – ha tutte le carte in regola per una distribuzione più ampia, valorizzando il legame profondo con la Sicilia.

Amaro Indigeno (Foto © www.amaroindigeno.it).
Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter
Cinzia Dal Brolo

Cinzia Dal Brolo

Giornalista free-lance, mi occupo di enogastronomia e turismo, dopo aver maturato varie esperienze con agenzie, giornali ed emittenti televisive. Presento serate culturali, lavoro anche come docente nei corsi di formazione. Viaggio molto, faccio sport, amo il mare e il trekking, che mi permette di scoprire il mondo con occhi diversi.

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 2 20 Dicembre19

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità