Aziende Emilia-Romagna

Poderi dal Nespoli, nel bicchiere l’anima romagnola

La storica azienda vitivinicola situata sulle colline forlivesi si distingue per l’approccio ecosostenibile e moderno ma, soprattutto, per la capacità di raccontare il territorio, valorizzandolo sia nei vini che nell’accoglienza agrituristica

Poderi dal Nespoli, colline forlivesi
Vigneti di Poderi dal Nespoli (Foto © Cinzia dal Brolo).

Un brand cresciuto negli anni, passione e lungimiranza a guidare l’operato, infine la sinergia (2010) con il gruppo Mondo del Vino (uno dei 15 gruppi privati in Italia per fatturato e volume), hanno reso Poderi dal Nespoli – storica azienda sulle colline forlivesi – un gioiello della viticoltura.

Emblema della famiglia Ravaioli – il capostipite Attilio inizia nel 1929 a produrre Sangiovese nella zona di Cusercoli – l’azienda lavora su 180 ettari di vigneto (80 di proprietà, gli altri 100 gestiti tramite contratti d’affitto), per il 70% a uve rosse (in primis Sangiovese) e per il 30% a uve bianche (Albana, Trebbiano). «Tutto inizia dalla vigna, dalle uve di qualità e dalla accurata selezione» – dichiara Celita Ravaioli, agronoma, nonchè quarta generazione di una famiglia insediata a Nespoli fin dagli anni ’80 – responsabile dei vigneti, ottimamente esposti su terreni calcarei, che donano al vino profumi intensi e bassa acidità.

Poderi dal Nespoli: vini del territorio con incursioni internazionali

Nel bicchiere l’anima della Romagna, terra di forti contrasti e passioni, che i vini Poderi dal Nespoli esaltano, amplificando le note olfattive: Sangiovese (espressione autentica del territorio, morbido e longevo), Pagadebit (Romagna Doc, vino bianco sapido, con un finale avvolgente), Albana (destinato a diventare l’ambasciatore del territorio), Prugneto (fresco e fruttato, ideale per l’abbinamento con il cibo grasso), Famoso (narra l’identità di un vitigno autoctono, chiamato anche Uva Rambèla, riscoperto nell’ultimo decennio). In produzione anche vini internazionali come Pinot Bianco, Pinot Nero, Chardonnay e Cabernet Sauvignon.

Vini Poderi dal Nespoli
Alcune etichette della cantina (Foto © Cinzia dal Brolo). 

Determinante per l’alto profilo qualitativo del vino, la tecnologia supporta ogni fase di lavorazione; le uve conferite raggiungono i vinificatori (molto alti e divisi in due parti): la parte superiore riceve il mosto e qui c’è la prima fermentazione, nella parte bassa c’è la seconda pressatura, infine il vino arriva nella vasca. Ecosostenibile e moderna, la Cantina omaggia i valori aziendali, parimenti a Mosto, festival narrativo organizzato dal 2017.

La nostra esperienza a Borgo dei Guidi

Attratti dalle bellezze del territorio – la Valle del Bidente è una zona ricca sotto il profilo naturalistico – molti approdano a Poderi dal Nespoli, dove gusto e ospitalità favoriscono il piacere della tavola. Ricavato da una Villa Liberty, Borgo dei Guidi, agriturismo con cucina gourmet, offre l’esperienza dello chef Fabio Fontana (originario di Vigevano ha un background londinese) che propone versioni rivisitate del classico uovo cotto a bassa temperatura (spuma di patate e salicornia), bottoni farciti di pancetta e patate, crema di parmigiano e rosmarino e una deliziosa anatra agli agrumi, sedano rapa e indivia.

Poderi dal Nespoli: agriturismo
Bottoni farciti di pancetta e patate | Uovo cotto a bassa temperatura con spuma di patate e salicornia | Anatra agli agrumi, sedano rapa e indivia. (Foto © Cinzia dal Brolo). 

Etichette degustate di Poderi dal Nespoli

  • Il Nespoli, Romagna DOC Sangiovese Superiore Riserva 2017 (giovane). Complessità e tannini ben equilibrati – frutto del particolare affinamento (12 mesi in barrique, 12 in vasche d’acciaio) -, garantiscono un vino “morbido e caldo”, ideale con la selvaggina e carni alla brace
  • Prugneto, 100% Sangiovese, vino rosso fermo dall’aroma fruttato (ciliegia, viola) affinato solo per il 30% nelle botti grandi. Il tocco di legno garantisce l’abbinamento perfetto con la carne rossa e i formaggi stagionati
  • Pagadebit (nomen omen), originato da vitigni locali molto produttivi e resistenti, questo vino bianco, fresco e gradevole, mi ha letteralmente conquistata. Romagna DOC
  • Famoso: Rubicone Igt Famosovino semiaromatico, molto leggero (11,5% Alc.Vol.), in produzione dal 2016 (6-8 mila bottiglie), segna il rilancio di un vitigno (nella zona di Faenza) abbandonato da tempo
  • Albana: gustata la versione secca (con affinamento in vasca) e il Bradamante – Albana Passito con una percentuale di Chardonnay – né troppo dolce, né stucchevole. Ideale per il dessert, rivela grande acitdità e freschezza.

Poderi dal Nespoli 
Villa Rossi, 50 – Nespoli (FC)
Sito webFacebookInstagram

© Riproduzione vietata

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Cinzia Dal Brolo

Cinzia Dal Brolo

Giornalista free-lance, mi occupo di enogastronomia e turismo, dopo aver maturato varie esperienze con agenzie, giornali ed emittenti televisive. Presento serate culturali, lavoro anche come docente nei corsi di formazione. Viaggio molto, faccio sport, amo il mare e il trekking, che mi permette di scoprire il mondo con occhi diversi.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità