Aziende

È arrivata Wine Listening, l’applicazione che abbina la musica al vino

La risorsa digitale ideata da due italiani, sarà presentata il 12 ottobre all’Internet Festival-Forme di Futuro di Pisa

Come funziona la App Wine Listening
Wine Listening, come funziona la App che abbina la musica al vino.

Wine Listening è stata creata dal sommelier Gabriele Cedrone e da Marco Iacobelli, mobile engineer, dj e producer. Il progetto utilizza algoritmi di Intelligenza Artificiale e analisi dei Big Data.

L’applicazione censisce più di 2,5 milioni di vini e cataloga oltre 1600 vitigni in base a sentori, struttura ed acidità. Farla funzionare sarà semplice: basterà fotografare l’etichetta del vino e accendere gli amplificatori audio.

Altri studi avevano già dimostrato la connessione tra vino e musica ma Wine Listening ha creato uno strumento pratico di abbinamento a cui si accede da un semplice smartphone. Esso è basato sulle ricerche effettuate dal Crossmodal Research Laboratory di Oxford, dipartimento capitanato dallo psicologo sperimentale Charles Spence. Il team ha dimostrato come una frequenza audio o un brano musicale, se ascoltata durante la degustazione di un piatto o di un vino, possa alterarne i parametri di valutazione.

L’app sarà presentata il 12 ottobre all’Internet Festival-Forme di Futuro che si svolgerà a Pisa con l’inaugurazione di giovedì 10.

La digitalizzazione del “metodo Spence”

Wine Listening ha digitalizzato il “metodo Spence” realizzando un algoritmo in grado di associare il giusto sound al vino che si sta bevendo.

Durante la fase di matching, il sistema analizza più di 20 parametri derivanti dall’analisi organolettica del vino e interroga una base dati contenente milioni di brani musicali, analizzati e catalogati a loro volta per Bpm, tonalità, frequenze e genere musicale. Come metodo di accesso ai servizi, l’app richiede l’associazione di un account Spotify.

Per maggiori informazioni e per costi dell’applicazione: www.winelistening.com.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter
Amanda Arena

Amanda Arena

«Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un’arte» è la frase di François de La Rochefoucauld che mi guida nella scelta dell’alimentazione. Laureata in Scienze Politiche, specializzata in Marketing vitivinicolo e sommelier, lavoro nella comunicazione e amo esplorare i mondi del vino e del cibo per raccontarne gli aromi, i sapori, i protagonisti e i territori.

© Riproduzione vietata
Scritto il: giovedì, 10 Ottobre 2019

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità