Bererosa 2018, a Roma una serata dedicata ai vini rosati

Il 3 luglio a Roma, si è svolta la settimana edizione dell’evento dedicato ai vini e alle bollicine rosa. Noi c’eravamo e vi raccontiamo com’è andata.

Bererosa 2018, com'è andato l'evento romano dedicato ai vini rosè

Bererosa 2018 si è svolto a Palazzo Brancaccio di Roma (Foto Silvia Iacocagni).

Archiviata la settima edizione di Bererosa 2018, che si è svolta lo scorso 3 luglio a Palazzo Brancaccio di Roma, resta il ricordo di una serata incantevole caratterizzata dalla suggestione del luogo e dalla qualità e varietà della proposta enogastronomica.

Organizzato dalla rivista enogastronomica Cucina&Vini, l’evento ha occupato le eleganti sale del Palazzo con i banchi di degustazione dei vini rosè e i curati giardini con proposte gastronomiche d’eccezione, confermandosi come uno degli eventi più apprezzati del settore. L’affluenza di pubblico, infatti, è stata grande soprattutto tra i più giovani winelover attratti dalle oltre 200 etichette presentate e dalla varietà dei finger food.

Le aziende presenti, divise per regione, sono state:

Abruzzo

Codice Citra – Farnese Vini – Marramiero – Tenuta I Fauri – Zaccagnini

Alto Adige

Kettmeir – Muri Gries

Calabria

Librandi

Campania

Marisa Cuomo – San Salvatore 1988

Emilia Romagna

Cantine Riunite & Civ – Paltrinieri

Lazio

Casale del Giglio – Muscari Tomajoli – Riserva della Cascina – Vigne del Patrimonio – Vini Raimondo

Liguria

Lunae Bosoni

Lombardia

Guido Berlucchi – Cà Maiol – Calatroni – Cola Battista – Ferghettina – Fratelli Berlucchi – Le Marchesine – Uberti

Marche

Marconi Vini – Velenosi Vini

Piemonte

Batasiolo

Puglia

Cantine San Marzano – Cantine Spelonga –  Garofano Vigneti e Cantine – Claudio Quarta

In collaborazione con il Movimento Turismo del Vino Puglia:

D’Alfonso del Sordo – D’Araprì – Produttori Vini Manduria – Rivera – Torrevento – Varvaglione Vigne&Vini – Vetrère

Toscana

Cecchi – Il Borro

Trentino

In collaborazione con Istituto Trento Doc:

Altemasi – Cavit – Cantina Roverè della Luna Aichholz – Cantine Ferrari – Cantine Monfort – Cembra Cantina di Montagna – Cesarini Sforza Spumanti – Endrizzi – Letrari – Maso Martis – Maso Nero | Zeni – Moser – Pedrotti Spumanti – Pisoni F.lli – Revì – Rotari – San Michael – Viticoltori in Avio

Umbria

Cantine Briziarelli – Feudi Spada

Veneto

Andreola – Astoria – Le Manzane – Bortolomiol – Conte Collalto – Masottina – Villabella.

Bererosa 2018, com'è andato l'evento romano dedicato ai vini rosè

Nel verde dei giardini di Palazzo Brancaccio sono stati allestiti tanti banchi di assaggio di gastronomia con preparazioni ricercate ed eleganti ma anche più tradizionali. Abbiamo degustato l’ottimo pesce crudo e cotto della Pescheria Megliofresco, i maritozzi gourmet preparati da Il Maritozzo Rosso, la pasta fritta dell’azienda Meraviglie in Pasta, la pizza con mortadella, gli hot dog e i taglieri di salumi e formaggi di Sandro Tomei fino alle immancabili miscele di Oro Caffè.

Una novità di questa edizione di Bererosa è stata la presenza del gruppo di Cosaporto.it, il Quality Delivery di Roma che lo scorso settembre ha aperto anche a Milano. Nell’occasione dell’evento romano, l’azienda ha presentato al pubblico i suoi prodotti enogastronomici ma, soprattutto, le sue idee innovative sul servizio a domicilio.

Il feedback positivo e le numerose code agli stand di assaggio confermano il nuovo atteggiamento verso i vini rosati che non rappresentano più una semplice moda ma una vera passione che accresce l’interesse anche verso i vini fermi senza più limitarsi al solo gusto degli spumanti, sia in Italia che all’estero.

Bererosa mantiene quindi il primato come migliore evento della penisola dedicato ai rosati, per gli amanti del vino e delle bollicine, che ogni anno porta nella Capitale un’occasione di approfondimento e degustazione imperdibile.

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Silvia Iacocagni

Studentessa di Comunicazione all’Università di Roma Tre, instancabile viaggiatrice e cioco-dipendente. Alle serate in discoteca preferisco una buona cena e un bicchiere di vino. Nella mia borsa non manca mai un’agenda o un taccuino dove lascio i miei pensieri e, se non mi trovate con carta e penna in mano, sicuramente starò fotografando qua e là.

© Riproduzione vietata
Scritto il: sabato, 21 luglio 2018

Ti potrebbero interessare: