Lombardia Eventi

Profumi di mosto 2018: un successo confermato

Archiviata con soddisfazione la 17-esima edizione dell’appuntamento itinerante tra le cantine più rinomate della Valtenesi. Ecco com’è andata.

Profumi di mosto 2018, l'itinerario tra le cantine della Valtenesi
Profumi di mosto 2018,momenti dell’evento (Foto © Pamela Mussio).

Domenica 7 ottobre, il Consorzio Valtenesi ha celebrato la vendemmia leggermente tardiva con la 17-esima edizione di Profumi di mosto 2018, la rassegna nata per far conoscere i vini Groppello e Chiaretto e che, quest’anno, ha proposto anche il San Martino della Battaglia e alcuni spumanti metodo classico.

Profumi di mosto 2018, l’itinerario tra le cantine della Valtenesi

L’itinerario enogastronomico, ha toccato le principali cantine dell’area compresa tra Sirmione e San Felice del Benaco, offrendo un assaggio dei prodotti enoici del territorio. Proprio questi ultimi sono stati accolti con qualche perplessità, dato che la zona di produzione principale è la Franciacorta.

I sommelier dell’AIS hanno accompagnato i visitatori e gli appassionati alla scoperta dei vini fornendo una breve ma esaustiva analisi sensoriale ad ogni assaggio.

Molti i partecipanti che hanno scelto il pullman predisposto dall’organizzazione, tanto che i biglietti dedicati al percorso B sono andati esauriti prima della manifestazione.

I percorsi e le cantine

Come di consueto, le 20 cantine partecipanti sono state divise in tre percorsi che hanno esplorato le colline  tra Desenzano e Puegnago, la riviera (Moniga, Manerba e Padenghe) e l’entroterra (Calvagese, Bedizzole e Muscoline). A queste tappe si è aggiunta l’ooportunità di degustare tutti i vini del territorio presso la sede del Consorzio Valtenesi a Puegnago del Garda.

Ogni percorso era libero, senza un preciso ordine, con un tagliando jolly per visitare una cantina a scelta di qualsiasi itinerario.

Inoltre, in ogni sosta sono stati offerti piatti rappresentativi del territorio e in perfetta sintonia con la filosofia dei produttori: dalle lasagnette vegetariane biologiche abbinate al vino biodinamico, alla polenta e pestume (pasta del salame), passando per i maccheroni al cinghiale, i finferli e Groppello e la vellutata di zucca affumicata con semi soffiati.

Profumi di mosto 2018, l'itinerario tra le cantine della Valtenesi
Profumi di mosto 2018, vini in degustazione (Foto © Pamela Mussio). 

Novità assoluta del 2018 è stata la tenuta dei Giardini Conti Thun a Puegnago del Garda, di recente apertura e con un suggestivo cortile in cui lo chef Carlo Bresciani ha servito i bigoli al sugo d’anatra con carboni di olive nere.

Infine, degna di nota anche l’installazione Vigneto Sospeso della cantina Pasini San Giovanni, nella quale sono stati riutilizzati i tubetti legavigna scartati durante la stagione. Ben 4.200 strisce rosse a rappresentare il numero di vigne per ettaro della cantina.

Profumi di mosto 2018, l'itinerario tra le cantine della Valtenesi
Vigneto sospeso (Foto © Cantina Pasini Giovanni).
Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter
Pamela Mussio

Pamela Mussio

La prof in incognito - Nata e cresciuta nel bresciano, per studio mi sono spostata tra Veneto ed Emilia Romagna. Laureata in campo sociale ed economico, insegnante in un Istituto Tecnico Commerciale, sono appassionata di cucina, libri e arte. Nel tempo libero gestisco un blog in cui raccolgo le mie ricette e racconto di luoghi ed eventi in tema food.

 

© Riproduzione vietata
Scritto il: martedì, 16 Ottobre 2018

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità