Spumanteggiando 2018: degustazioni culinarie e ricercati vini autoctoni

Il 1 giugno, nella calda atmosfera dei Colli Orientali friulani, l’Osteria di Ramandolo ha accolto una serata spumeggiante all’insegna di gustose degustazioni gastronomiche accompagnate da vini autoctoni e oltre venti spumanti.

Spumeggiando 2018: all'Osteria di Ramandolo, serata di eccellenze

L’Osteria di Ramandolo a Nimis, sede dell’evento (Foto © Luca Roncadin e Francesca Di Leo).

Lo scorso 1 giugno, presso l’Osteria di Ramandolo a Nimis (UD), si è svolta una serata suggestiva dal titolo “Spumanteggiando 2018“, l’evento “sparkling” di degustazione di alcuni tra i pluripremiati spumanti Metodo Classico del Friuli Venezia Giulia che sono stati affiancati da altri vini autoctoni e da deliziosi finger food.

Avvolti dallo scenario incantevole dei Colli Orientali, a pochi passi dalla pittoresca chiesetta del ‘400 dedicata a San Giovanni Battista e seduti sotto ippocastani centenari, siamo stati accolti sulla terrazza panoramica dell’Osteria dove erano stati allestiti i banchi di assaggio di diversi produttori friulani che hanno proposto il meglio delle loro “bollicine”, vinificate in modo artigianale. Erano presenti tante etichette ottenute dai vitigni autoctoni e più di venti spumanti alcuni dei quali presentati in anteprima all’ultimo Vinitaly.

Deliziose degustazioni gastronomiche

Spumanteggiando 2018: all'Osteria di Ramandolo, serata di eccellenze

Alcuni momenti della serata (Foto © Luca Roncadin e Francesca Di Leo).

I visitatori sono stati ammaliati e conquistati anche dalle prelibatezze e dai finger food in bella mostra sul ricco buffet preparato magistralmente dallo chef Pietro che dal 2013, insieme alla moglie Ilenia, gestisce questa antica e rinomata osteria friulana.

L’organizzazione della serata è stata molto brillante per qualità enogastronomia e per la piacevolezza dell’intrattenimento che ha soddisfatto i buongustai a 360 gradi, permettendo anche di comprendere il grande lavoro, la maestria e l’attesa che ci sono dentro una “bollicina” artigianale rifermentata in bottiglia.

Noi SoulFooders siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla inedita “trilogia” costituita da Rugo (Forgiarin e Pinot Nero), Arzino (Ucelùt e Sciaglin) e Gerchia (Ribolla Gialla) e che è stata presentata in anteprima dall’Azienda Agricola Ronco Margherita con sede a Pinzano al Tagliamento, in provincia di Pordenone. Merita una menzione anche il Blanc de Blancs Pas Dosè della Cantina Venchiarezza, un metodo classico prodotto con uve Chardonnay e Ribolla Gialla con affinamento in bottiglia per 40 mesi, un dosaggio zero (pas dosé) e con certificazione biologica.

Lo chef dell’Osteria di Ramandolo ha proposto, tra le altre cose, squisite tartare a base di fassona piemontese, gamberi e capasanta che hanno accompagnato la degustazione.

Spumanteggiando 2018: all'Osteria di Ramandolo, serata di eccellenze

Osteria di Ramandolo (Foto © Luca Roncadin e Francesca Di Leo).

Le cantine e i vini presenti a Spumeggiando 2018

Tenuta Angoris: 16 48 Brut | Anna Berra: Verduzzo Brut Nature | Cantarutti Alfieri: Prologo Rosè de noir, Epilogo Blanc de noir | Dorigo: Brut Cuvée, Blanc de Noir Dosage Zero, Blanc de Blanc Pas Dosè | Fattoria Carsica Bajta: Mediterraneo Malvasia Istriana Brut, Terra Roza Terrano Rosè Brut | Guerra Albano: Giuliet Ribolla Gialla Brut 2015 | Piè di Mont: Cuvée Piè di Mont Brut 2012 e 2013 | Pittaro: Ronco Vieri Ribolla gialla Brut, Pink Brut rosato, Talento Brut etichetta argento, Talento Brut etichetta oro | Rodaro Paolo: Rosè de Noir pas dosè 2014 | Ronco Margherita: Rugo (Forgiarin e Pinot Nero), Arzino (Ucelùt e Sciaglin), Gerchia (Ribolla Gialla) | Venchiarezza: Blanc de Blancs Pas Dosè biologico | Villa Parens: Blanc de Blancs Extra Brut, Ribolla Gialla Extra Brut, Rosè de Noris Dosage Zero.

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Luca Roncadin e Francesca Di Leo

SoulFooders - Siamo 2 insegnanti per professione e 2 eclettici buongustai per passione. Vogliamo raccontare come vivere una cucina Soul, confortevole, sana ed appagante e di come la nostra vita è cambiata arrivando a perdere insieme oltre 130 kg, semplicemente mangiando e vivendo un nuovo rapporto con il cibo, guardandolo da un’altra prospettiva! Per raccontare il nostro viaggio abbiamo fondato il blog Soul Food Cibo per Rinascere.

© Riproduzione vietata
Scritto il: giovedì, 7 giugno 2018

Ti potrebbero interessare: