Emilia-Romagna Gazzetta del Vino

ReBël Bianco di Tenuta Colombarda: la spumeggiante impronta romagnola

L’azienda vitivinicola di San Vittore di Cesena (Fc) conferma la costante attitudine alla qualità e alla ricerca del piacere, lanciando uno spumante bianco di grande appeal

Spumante ReBël Bianco di Tenuta Colombarda
Il ReBël Bianco di Tenuta Colombarda va servito a 8-10° C (Foto © Enzo Radunanza).

Cosa c’è di meglio in estate che sorseggiare uno spumante fresco, profumato e dal gusto intrigante? Lo sa bene Tenuta Colombarda, l’azienda vitivinicola di San Vittore di Cesena (Fc), che recentemente ha presentato una nuova etichetta che promette di appagare i palati di ogni età.

Il ReBël Bianco è uno spumante ottenuto da Bombino Bianco, uno dei vitigni più fecondi e rappresentativi della Romagna, che si aggiunge al ReBël Rosato (da uve Sangiovese) che già aveva incuriosito e conquistato i wine lover romagnoli e non solo.

ReBël Bianco di Tenuta Colombarda

Dopo aver ammirato la brillantezza del giallo paglierino e l’esplosione delle copiose bollicine fini e persistenti, il naso viene ammaliato da un fragrante bouquet in cui si mescolano sentori fruttati e floreali.

Tuttavia è alla degustazione che si suggella il patto d’amore con il ReBël Bianco di Tenuta Colombarda, un vino che si fa apprezzare per la sua allegra piacevolezza, per i sorsi dalla giusta acidità, per quella bella sapidità influenzata dal terreno marnoso-arenaceo. La complessità, in questo prodotto, si sposa alla schiettezza e alla tipicità di un vitigno autoctono della Romagna e ha il sapore della convivialità.

Dietro questo Spumante brut Rubicone Igp Bianco da metodo Charmat, così ruffiano (in senso buono) si nasconde un accurato e paziente processo di vinificazione, a partire dalla raccolta manuale delle uve. Sono la fermentazione in acciaio a temperatura controllata, la maturazione in autoclave per due mesi, e in bottiglia per altri due, a conferire al ReBël Bianco la sua beva semplice e immediata pur in presenza di una sorprendente complessità organolettica.

ReBël Bianco di Tenuta Colombarda: a cosa si abbina
Il ReBël Bianco è ottimo per un brindisi o un aperitivo ma ha anche altre opzioni (Foto © Enzo Radunanza).

Il ReBël si adatta sia ad un aperitivo o ad un brindisi che con crostacei, piatti di pesce crudo o comunque leggeri ma anche con la frittura mista di paranza. Irresistibile con lo Squacquerone di Romagna Dop.

Tenuta Colombarda, una gestione che rispetta l’uomo e la natura

La storia di Tenuta Colombarda è fortemente radicata nel territorio romagnolo dove l’azienda vitivinicola è stata fondata nel 1800.

A confermare questo stretto legame con il terroir si inserisce la scelta di coltivare esclusivamente vitigni autoctoni in purezza e in acciaio per riportare in bottiglia le specificità e le peculiarità del contesto ambientale.

Siamo sulle dolci colline a nord di Cesena (FC), a ridosso di Bertinoro tra Paderno e San Vittore. I 23 ettari di vigneto a D.O.C. producono uve di ottima qualità e con una buona resa per ettaro.

Vitigni di Tenuta Colombarda
I vigneti di Tenuta Colombarda a San Vittore di Cesena (Foto © Enzo Radunanza).

Se da un lato la mano dell’uomo resta una componente fondamentale del processo di allevamento e vinificazione, dall’altro la tecnologia ha contribuito ad esaltare il pregio del prodotto in calice.

Negli ultimi anni, infatti, si è proceduto alla sostituzione di vecchi vigneti e alla riconversione a vigneto di terreni collinari, dotandoli di efficienti sistemi di drenaggio.

Dal 2013, un processo di miglioramento continuo

Una svolta aziendale risale al 2013 quando le attrezzature sono state rimodernate così come la cantina che si è trasformata gradualmente nel cuore delle varie unità operative: cantiere di pigiatura, cantiere di fermentazione, cantiere di stoccaggio e stabilizzazione.

Visitare Tenuta Colombarda vuol dire respirare la passione per il vino e si apprezza l’approccio rispettoso delle persone e della natura. La coltivazione della vite risponde ai principi di sostenibilità ambientale e di riduzione e ottimizzazione degli agro farmaci, nel rispetto della Difesa Integrata Avanzata.

Non è un caso che nel 2018 la guida Vinibuoni d’Italia abbia assegnato a Tenuta Colombarda il diploma “Ecofriendly 2018”, «per il suo impegno nella salvaguardia dell’ambiente».

Un altro momento importante nel carniere di successi sarà registrato il prossimo 13 novembre presso il Campidoglio a Roma dove la Cantina riceverà la Bandiera Verde Agricoltura (nella sezione Agri-ecology), ambito riconoscimento che la CIA – Agricoltori Italiani concede alle meritevoli nella difesa del territorio e dell’ambiente.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter
Enzo Radunanza

Enzo Radunanza

Giornalista e digital media marketer, mi occupo di enogastronomia dal 2010. Nel 2019 sono stato nominato "Ambasciatore dei vini dell’Emilia Romagna" per la mia costante attività divulgativa. Inoltre, sono addetto stampa freelance e content manager per varie realtà. Per tutti sono anche "Il Cronista d'assaggio".

© Riproduzione vietata
Scritto il: venerdì, 5 Luglio 2019

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità