Cucina con stile: quando il buon cibo fa innamorare

Cucina con Stile, il blog di enogastronomia di Alessia e Francesco, che si sono innamorati mangiando… mangiando. Si raccontano, con simpatia, in questa intervista.

Cucina-con-stile-il-blog-di-enogastronomia

Francesco e Alessia, blogger di “Cucina con stile” (Foto: www.cucinaconstile.it).

Due cuori e un fornello, si potrebbe dire pensando ad Alessia e Francesco, una giovane coppia milanese che ha fondato Cucina con Stile, un blog di enogastronomia in cui esprimono la loro passione per i viaggi, per la cucina e per la convivialità.

Il loro affiatamento è anche il frutto del bilanciamento tra caratteri diversi ma complementari, esattamente come avviene in cucina dove, per ottenere un gran piatto, bisogna saper mixare gusti e consistenze differenti. Alessia è metodica, ordinata e più tradizionalista, Francesco è chiacchierone, creativo e, spesso, pasticcione. Dopo che ha cucinato lui, la cucina è un campo di battaglia ma tutto gli viene perdonato perché “quello che prepara, racconta Alessia, è davvero buono“.

Come vi siete conosciuti e da cosa nasce l’idea di creare un blog di cucina?
Alessia: Ci siamo conosciuti 3 anni fa perchè lavoriamo nella stessa banca e siamo diventati, inizialmente, solo amici. Tra battutine, sguardi, caffè e pranzi di lavoro, parlavamo molto e gli argomenti preferiti erano la cucina, i viaggi, i ristoranti da frequentare e le ricette. Dopo un anno, parlando parlando e scambiandoci piatti e cose da assaggiare ci siamo innamorati. Insieme abbiamo iniziato a viaggiare, a cucinare e, ovviamente, a mangiare. Francesco ha preso circa 30 kg ma devo dire che mi piace tantissimo la sua pancetta. Io, invece, sono più rigorosa e vado in palestra tutte le volte che posso. Quello che è certo è che non intendiamo smettere di fare ciò che ci rende felici e che delizia e stimola le nostre papille gustative e non solo. Il blog “Cucina con stile” è nato proprio da questa passione comune, dalla voglia di condividere con gli amici ricette facili o più sofisticate, consigliare qualche ristorante, trattoria o semplicemente un food-truck dove vale la pena fermarsi. Insomma, ci fa piacere scrivere sul mondo del food e dare notizie “gustose”.

In cucina amate più il dolce o il salato?
Alessia: io sicuramente molto più il salato anche se da quando conosco Francesco ho imparato ad apprezzare anche il dolce.
Francesco: io sto ancora cercando cosa non mi piace e, dalla mia stazza, è evidente che non l’ho ancora trovato. Uno dei motivi del blog è proprio questa difficilissima ricerca.

Di solito chi cucina di più tra voi due?
Alessia: in settimana cucina Francesco per motivi di tempo mentre io mi dedico alla palestra nei pochissimi giorni liberi da eventi. Nel weekend, e durante l’iniziativa “A cena col blogger”  di cui siamo promotori, cuciniamo insieme perché a quattro mani viene tutto molto meglio.
Francesco: Io, perché sono più bravo e perchè mi piace sperimentare. Devo sfogare la mia creatività e lei mi fa da cavia.

La vostra cucina si ispira alla tradizione o amate sperimentare?
Alessia: io sono più tradizionalista. Mi sono avvicinata alla cucina grazie alle ricette casalinghe di mamma e nonna; ricordo che da piccola ero sempre attaccata al loro grembiule mentre cucinavano anche se, ultimamente, siamo diventati più creativi e anch’io mi sono avvicinata a culture gastronomiche molto distanti dalla nostra, come quella asiatica e statunitense.
Francesco: io amo molto sperimentare e adoro la cucina creativa sia italiana che internazionale. Mi sono appassionato alla cucina, affascinato dalle ricette degli chef stellati e la considero un modo con cui sfogare la mia creatività.

Quali sono, secondo voi, le nuove tendenze per l’inverno in cucina?
Non riteniamo che ci sia una vera e propria tendenza legata alla stagione ma sicuramente esiste un ritorno alla tradizione, un trend lanciato ormai da qualche anno dai più grandi chef stellati come Oldani e Bottura che si spingono al limite dell’innovazione ma sempre partendo da sapori veri, quelli che negli ultimi tempi si erano persi. La dimostrazione la troviamo leggendo i menu di importanti ristoranti che propongono rivisitazioni personali di grandi piatti della tradizione come i tortellini o la Cacio e pepe.

Avete accennato alla vostra iniziativa “A cena col blogger”. Raccontateci di più.
Il teatro di questa iniziativa è casa nostra dove ci ritroviamo con altri blogger di cui siamo diventati amici dopo averli incontrati spesso in giro per eventi enogastronomici vari. “A cena col blogger” è una serata conviviale dove viene concordato un menu a tema con l’invitato che sarà libero di cucinare qualcosa con noi nel corso della serata oppure di portare un piatto che più lo rappresenta. Abbiamo inaugurato l’iniziativa qualche settimana fa con Camilla Rocca, la nostra madrina ufficiale che immediatamente ha creduto in noi e con cui si è instaurato un vero e proprio rapporto di amicizia. Non a caso, lo scorso 18 luglio è stata presente al nostro matrimonio.

Come ci riservate per il prossimo 2016?
Continueremo a dedicarci con passione al nostro blog e a sperimentare in cucina. Inoltre, nell’ambito di “A cena col blogger“, con la collaborazione di alcuni chef ed aziende private che vorranno collaborare con il nostro evento, faremo dei cooking show e delle serate a tema per imparare piccoli trucchi del mestiere da applicare con semplicità nella frenesia di tutti i giorni. Non pretendiamo di diventare chef, anche perché è una professione che si apprende con anni di gavetta, ma cercheremo di carpire qualche consiglio da chi lo fa di professione.

Print Friendly, PDF & Email
TAG:     ,

Autore /


Gabriella Gasparini

Una mamma ai fornelli. Personaggio vulcanico e sempre alla ricerca di stimoli ed esperienze nel mondo della gastronomia. Nata a Carpi (MO) è chef, scrittrice e vanta una solida esperienza in programmi TV. Tra le tante cose, collabora con TRC Tv per la rubrica di cucina “Nosterchef”, tiene corsi di cucina ed è Visualfoodist. Con Alle Tattoo ha scritto il libro “Cotto e Tatuato”.

© Riproduzione vietata
Scritto il: mercoledì, 16 dicembre 2015

Ti potrebbero interessare: