Marche Interviste

Roberto Cantolacqua, il re dei lievitati che chiama “Dino” il suo lievito madre

Roberto Cantolacqua della Pasticceria Mimosa di Tolentino (MC) è il re dei lievitati per i quali nutre una grande passione fin da bambino. In questa intervista ci racconta la sua storia e i riconoscimenti ottenuti.

Roberto Cantolacqua, Pasticceria Mimosa
Roberto Cantolacqua della Pasticceria Mimosa di Tolentino (MC).

Un pasticcere giovane e di grande talento, un professionista serio e competente, che sta conquistando un numero sempre maggiore di premi e riconoscimenti con i suoi dolci lievitati, è Roberto Cantolacqua e sono andata a trovarlo a Tolentino, alla Pasticceria Mimosa. Roberto mi accoglie con un sorriso e mi invita a sedermi per gustare una delle sue dolcezze.

Ciao Roberto, raccontami la tua storia
Tutto è iniziato da bambino grazie a mio nonno fornaio che mi ha fatto scoprire la passione per i dolci e i lievitati. In seguito mi sono diplomato presso la scuola alberghiera della ma città e subito ho iniziato a lavorare nella pasticceria Mimosa, frequentando numerosi corsi di grandi Maestri Pasticceri italiani e internazionali. In una di queste occasioni, ho conosciuto e sono diventato grande amico di Graziano Giovannini che mi ha trasmesso la passione per il lievito e l’amore per la decorazione al cornetto. Dopo dieci anni di gavetta, ho rilevato la pasticceria Mimosa ed intrapreso un importante percorso professionale, coniugando la tradizione dolciaria di famiglia con la più alta arte pasticcera nazionale e internazionale.

Come sono arrivati i primi riconoscimenti?
L’utilizzo di materie prime di altissima qualità e la grande passione per il lievito madre, che io chiamo affettuosamente “Dino” in onore di mio nonno fornaio, mi hanno permesso di ottenere i primi grandi riconoscimenti a livello nazionale. Nel 2012 sono entrato nell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, prestigiosa associazione che riunisce i migliori artisti della Pasticceria Italiana. Nel 2014 al Sigep ho partecipato il concorso “The Star of Chocolate” e, nello stesso anno, mi sono classificato terzo alla prima edizione del programma TV di Rai Due “Il più grande pasticcere”.

Roberto Cantolacqua, Pasticceria Mimosa
Roberto Cantolacqua con lo staff della Pasticceria Mimosa.

Nelle tue creazioni, la fanno da padroni panettone e colomba, di cui proponi versioni classiche e proposte originali, come il Panettone Marchigiano o la Colomba con le amarene di Cantiano candite.
Esatto, a questo propostito nel 2016 il mio panettone classico si è classificato terzo all’evento “Re Panettone” di Milano, dedicato proprio alla cultura del celebre dolce natalizio.

Il 2016 non è stato un anno difficile per le tue zone…
Purtroppo è vero perchè Tolentino, dove ha sede la mia Pasticceria Mimosa, è stato uno dei paesi maggiormente danneggiati dal terremoto che ha colpito le Marche e il centro Italia. Ma non ci siamo persi d’animo e non ho voluto lasciare la mia città, alla quale sono profondamente legato. Da pochi giorni, abbiamo restituito un nuovo look alla pasticceria, dove insieme alla mia affiatatissima squadra, continuamo a creare dolcezze ogni giorno.

Roberto Cantolacqua, Pasticceria Mimosa
Alcune creazione del Pastry chef Roberto Cantolacqua.
Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Erica Lorenzini

Erica Lorenzini

La buongustaia “salutista”. Il buon cibo è da sempre una mia grande passione e quindi ho trasformato questa passione in lavoro. Nel 2014 insieme ad altre due donne ho creato Tasting Marche, un portale dedicato all’enogastronomia della mia regione, le Marche, per far scoprire le meraviglie culinarie che si celano tra le dolci colline del nostro territorio. Racconto storie di prodotti e produttori e, attraverso loro, vi racconto la mia terra.

© Riproduzione vietata
Scritto il: sabato, 1 Aprile 2017

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità