News

Bocuse d’Or 2019, l’Italia al 15° posto con Martino Ruggieri: «Ora mi riprendo la mia vita»

«Dopo due anni finisce il mio Bocuse d’Or e si conclude un percorso umano fortissimo». Si esprime così lo chef pugliese al termine della sua esperienza formativa al campionato mondiale tra i più ambiti e rinomati.

Bocuse d’Or 2019, come si è classificata l'Italia
Lo chef Martino Ruggieri (Foto © Facebook).

L’Italia si è classificata al quindicesimo posto al Bocuse d’Or 2019 che, nella finale di Lione, ha incoronato la Danimarca sul podio, seguita da Svezia e Norvegia.

A rappresentare il nostro Paese e spinto dal suo chef maestro, Yannick Allèno, è stato il pugliese Martino Ruggeri per il quale, l’importante concorso gastronomico si è rivelato una vera lezione di vita, un’occasione unica per comprendere se stessi, i propri limiti e la propria personalità. Ogni chef, infatti, è chiamato a lavorare per la competizione al fine di rendere automatici e quasi perfetti gesti e movimenti, nell’obiettivo di arrivare a un equilibrio ottimale.

I piatti presentati da Ruggeri a Lione sono un inno alla nostra nazione, raccontata attraverso il richiamo all’arte, alle materie prime, alla nostra idea di sostenibilità associata alla bellezza. Il Bocuse, dunque, non è un concorso del candidato ma del suo Paese intero.

Ed ecco allora che le ricette nascono da sano patriottismo: dalla Chartreuse (“Rapsodia italiana nella forma di una farfalla”, reinterpretazione di un tradizionale risotto di mare a forma di farfalla, con verdure e spinaci) al carrè di vitello da latte con 5 coste di prima qualità (“Creazioni di gastronomia all’avant-garde, dense di tradizioni”) parlano di Italia e della sua variegata cultura enogastronomica.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Manuela Mancino

Manuela Mancino

Il segugio scopritore. Quasi vent’anni di passione trascorsi tra territori e ricerca. Curiosità e desiderio di conoscenza mi hanno portato ad approfondire il mondo del food con corsi di sommelier, degustazione e tecnico di olio e olive da mensa, birra, salumi, formaggi e acqua. Lasciarsi guidare da profumi e sapori e ricercando l’anima più profonda di ogni “frutto” degustato. Questa la mia filosofia!

© Riproduzione vietata
Scritto il: 3 settimane ago

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità