News

Insieme per la ricerca: Follador Prosecco e Fondazione Vialli e Mauro

Nata con uno scopo benefico, la collaborazione tra l’azienda di Valdobbiadene e l’Onlus

Follador Prosecco e Fondazione Vialli e Mauro: raccolta fondi
Un’immagine della collezione Follador (Foto © Ufficio stampa).

È un Natale all’insegna della solidarietà quello che vede Follador Prosecco 1769 e Fondazione Vialli e Mauro, collaborare per una raccolta fondi dal 20 novembre al 31 dicembre – destinata a sostenere la ricerca sul cancro e sulla SLA.

Esalta i valori della famiglia (in primo piano sulle etichette la figura di Nonna Cleofe, assieme al figlio Gianfranco Follador) e del territorio (sullo sfondo le colline di Valdobbiadene, patrimonio Unesco), la nuova Collection Image di Follador Prosecco 1769, portabandiera dell’iniziativa.

«Sono ormai 8 anni che la nostra famiglia si impegna a sostenere la O.N.L.U.S. di Gianluca Vialli e Massimo Mauro: sono certa che si tratti di valori condivisi da tutti i nostri amici ed estimatori – afferma Cristina Follador, direttore vendite e marketing dell’azienda – dopo un anno difficile per il settore siamo ripartiti dai valori della famiglia e dal fascino delle colline che ci circondano. Spero che la nuova Immagine Collezione possa contribuire a sostenere con maggiore forza una causa tanto importante come la ricerca».

Confezioni regalo Follador (Foto © Ufficio stampa).

Uniti nell’azione benefica, ogni tipologia di D.O.C.G, ma anche Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. Brut e Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. Extra Dry nelle versioni classiche, eleva il piacere del dono, garantendo il ricavato.

«Insieme a Follador vi invitiamo a brindare ad un 2022 migliore, ora più che mai – dicono Gianluca Vialli e Massimo Mauro – per ottenere risultati importanti occorre fare gioco di squadra a favore della ricerca scientifica sul cancro e sulla SLA».

Eleganza, stile, modernità: il nuovo packaging omaggia i valori guida aziendali – Follador Prosecco dal 1769 (oltre 250 anni di cultura vitivinicola spalmata su ben nove generazioni) –, l’amore per il territorio (lo scenario paesaggistico ingloba edifici storici, tra cui l’antica chiesetta di San Lorenzo, risalente al XIII secolo), l’eccellenza dei vini (attestata nel lontano 1769 dal Doge di Venezia Alvise IV Mocenigo). Quattro le nuance delle confezioni regalo, ognuna corrispondente a un D.O.C.G.: il Cru Torri di Credazzo, l’Extra Dry Ruiol Castei, il Brut Nani dei Berti, e l’Extra Brut Xzero, cui si aggiungono quattro segnalibri che fungono da bindello, con le caratteristiche dei singoli vini.

www.fondazionevialliemauro.org | www.folladorprosecco.com

 

image_pdfimage_print
© Riproduzione vietata

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Cinzia Dal Brolo

Giornalista free-lance, mi occupo di enogastronomia e turismo, dopo aver maturato varie esperienze con agenzie, giornali ed emittenti televisive. Presento serate culturali, lavoro anche come docente nei corsi di formazione. Viaggio molto, faccio sport, amo il mare e il trekking, che mi permette di scoprire il mondo con occhi diversi.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità

I nostri partner