Nuova Redazione

Emilia Romagna

Enzo Radunanza
(Bologna)
Il Cronista d'Assaggio
Vivo a Bologna dal 1999 ma con "La Grassa" non è stato amore a prima vista. Abbiamo iniziato come amici e, lentamente, mi sono innamorato della sua cucina, dei prodotti tipici, della sua creatività mista ad anticonformismo. Ho una laurea in Economia aziendale, mi piace leggere, scoprire e raccontare storie, mondi e persone anche molto diverse da me. Appassionato di web marketing e comunicazione, scrivo di teatro, spettacolo, musica e tv anche se, attualmente, l'enogastronomia occupa gran parte del mio tempo libero.
Bio
Il Cronista d'AssaggioIl Cronista d'AssaggioE-mail
Riccardo Isola
(Faenza, Ravenna)
Il Gustonauta
Un viaggio tra inchiostro e liquidi nel cristallo iniziato, ahimé, diversi anni fa. Giornalista enogastronomico in orbita perenne attorno ai pianeti Vino e Cibo. Usurpatore, per professione e per passione, della lingua italiana. Improprio interprete, ma con dedizione e impegno, del raccontare ciò che da sempre fa grande il nostro essere italici: il Gusto. Salute!
Bio
Riccardo IsolaGustonautaRiccardo Isola
Fabiana Carella
(Zibello, Parma)
La Food Innovator
Grande amante della cucina e laureata in Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia con una tesi sperimentale sul caffè, mi sono specializzata in un percorso innovativo di Nutrizione Culinaria. Supporto chef e aziende nel formulare prodotti più sani e bilanciati e i consumatori con percorsi di educazione alimentare.
Bio
Fabiana CarellaFabiana CarellaFabiana Carella
Alice Lombardi
(Faenza, Ravenna)
Giornalista, psicologa e sommelier AIS. Strana combinazione? Cerco di farne un valore aggiunto intervistando le persone con l’empatia della psicoterapeuta e trattando ognuno con la curiositas della giornalista che é in me.
Bio
Alice LombardiAlice LombardiAlice LombardiAlice Lombardi PsicoterapeutaE-mail

Toscana

Lisa Corsoni - Cascina, Pisa
Nata e cresciuta a Pisa ma nel sangue scorre anche una parte di Siena da parte di mamma. Mi sono affacciata al mondo della cucina fin da piccola quando, con mia madre, mi dilettavo soprattutto nei primi piatti anche se il mio cavallo di battaglia era il classico ciambellone da colazione. Ho frequentato la scuola alberghiera dove ho capito che avrei voluto fare la pasticcera piuttosto che la cuoca, un lavoro di precisione che non si concilia con il mio carattere disordinato. Testarda, eterna sognatrice e con tanta voglia di viaggiare; sono sempre pronta per andare alla scoperta di nuove terre, riempire gli occhi di cose belle e rallegrare il palato con i sapori del luogo. Considero il piatto una tela su cui disegnare e gli ingredienti sono i colori per farlo.
PastryLab