Feta me meli, la ricetta greca accompagnata da miele e sesamo

Un antipasto sfizioso che, accompagnato da una Mythos ghiacciata e un sottofondo di Zorba, vi catapulterà in una tipica taverna bianca e azzurra.

Feta me meli, la ricetta greca accompagnata da miele e sesamo

Feta me meli (Foto © Paola Alemanno).

Un recente viaggio nel Dodecaneso mi ha fatto scoprire un mondo di sapori e profumi che ancora non conoscevo. La feta avvolta nella pasta fillo – e accompagnata da miele e semi di sesamo tostati – è stata una delle scoperte più sorprendenti.

Una volta rientrata in Italia non riuscivo a dimenticare quel viaggio e quel cibo così ho provato a replicare la ricetta a casa e il risultato è stato molto simile all’originale.

La feta è un formaggio DOP greco piuttosto saporito, prodotto con latte di pecora e latte di capra. Si trova facilmente in qualsiasi supermercato, già a cubetti o in panetti rettangolari. Generalmente viene impiegata nell’insalata ellenica, insieme a diversi ortaggi tagliati grossolanamente, olive nere e spezie.

Può anche essere fritta – la cosiddetta feta saganakie servita come antipasto o tapas all’aperitivo, insieme all’Ouzo, il distillato nazionale. Per la preparazione della feta me meli, la ricetta prevede una cottura in forno e una salsa agrodolce di accompagnamento.

Feta me meli avvolta in pasta fillo

La feta me meli rappresenta un perfetto antipasto, decisamente diverso dal solito, e anche un’ottima idea per i vegetariani. Va servita calda, appena sfornata, ed è così buona e profumata che accompagnata da una Mythos ghiacciata – tra le birre lager più diffuse della Grecia – e un sottofondo di Zorba vi catapulterà in una tipica taverna greca.

Per chi, come me, si è innamorato della Grecia a prima vista e desidera sentirsi di nuovo un po’ lì, ma anche per chi è incuriosito dai sapori diversi da quelli nostrani, propongo la ricetta della feta racchiusa nella pasta fillo su un letto di miele e semi di sesamo tostati.

  • Dosi: per 1 persona
  • Costo: Medio
  • Difficoltà: Media
  • Tempo: 100 minuti
  • Forno: 180° forno statico
  • Tempo di cottura: 30 minuti
  • Piatto vegetariano: SI
  • Piatto vegano: NO
  • Gluten free: NO

Ingredienti

  • Un panetto rettangolare di feta (250 grammi)
  • 1 foglio di pasta fillo
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo
  • 4 cucchiai di miele
  • 1 cucchiaino di aceto di vino rosso
  • Olio qb
  • Acqua qb

Preparazione

  1. Adagiare il panetto di feta fra due fogli di carta assorbente e lasciare una decina di minuti a sgocciolare. Nel frattempo prendere un foglio di pasta fillo, tagliarlo a metà per il lungo e spennellarlo con dell’acqua. Per questo passaggio bisogna essere abbastanza rapidi e delicati, poiché la pasta fillo è molto fragile e, inoltre, si secca velocemente.
  2. Quando la feta avrà rilasciato tutta la sua acqua, metterla sul foglio di pasta fillo e avvolgerla al suo interno, creando un pacchettino. Con le mani bagnate sigillare bene il pacchettino di formaggio. Avvolgerlo nella pellicola e lasciarlo riposare in freezer per almeno un’ora.
  3. Nel mentre, tostare i semi di sesamo: versare un cucchiaio di semi in un padellino antiaderente e mantenere il fuoco medio/basso. Saranno pronti quando rilasceranno un gran profumo per la cucina e scoppietteranno. Toglierli dal fuoco e lasciarli raffreddare.
  4. Quando il panetto di feta sarà pronto, estrarlo dal congelatore, spennellarlo con dell’olio e adagiarlo su una placca rivestita di carta da forno. Cuocere in forno statico a 180° per circa mezz’ora (o comunque fino a doratura uniforme).
  5. Scaldare in un pentolino a fuoco medio/basso il miele e l’aceto di vino rosso. Versare la crema ottenuta nel piatto da portata e, una volta sfornata la feta nel suo involucro croccante, adagiarla sul letto agrodolce. Cospargere di semi di sesamo e servire calda.
Feta me meli, la ricetta greca

La tradizionale ricetta greca Feta me Meli (Foto © Paola Alemanno).

Print Friendly, PDF & Email

Autore /


Paola Alemanno

Supernova - Nata nel 1994 e cresciuta nella quieta Acqui Terme, ben presto ho capito che la tranquillità non fa per me. Preferisco il caos della mia Zena, città dove abito e dove ho conseguito la Laurea in Scienze Politiche e dell’Amministrazione. Il cibo per me rappresenta da sempre una grande passione: mi piace cucinare, ma soprattutto bere e mangiare! Attualmente frequento la magistrale in Informazione ed Editoria, amo la musica, i libri gialli, la fotografia, viaggiare e fare shopping. Avete presente Holly Golightly e il suo sentirsi a casa all’interno di Tiffany? Ecco, da H&M per me è esattamente lo stesso.

© Riproduzione vietata
Scritto il: lunedì, 22 Ottobre 2018

Ti potrebbero interessare: