Liguria Secondi

Coniglio in porchetta alla ligure, la ricetta tradizionale

L’arrosto di coniglio alla ligure, oltre a essere un secondo molto saporito, diventa la schiscetta del giorno dopo o il panino da mangiare in gita: con l’aggiunta di un filo di maionese, o la più dietetica senape, insieme a valeriana e a qualche carciofino o funghetto, è una prelibatezza da gustare sulla spiaggia o sulla riva di un ruscello.

Moltissime ricette della cucina ligure utilizzano le erbe aromatiche per insaporire carne e pesce: timo e rosmarino soprattutto, spesso con l’ aggiunta di aglio e di olive taggiasche.

Ricetta Coniglio alla ligure - Coniglio in porchetta
Coniglio in porchetta alla ligure (Foto © Francesca Vassallo).

Ricetta del Coniglio in porchetta

Categoria: secondo piatto
Difficoltà: bassa
Costo: medio
Dosi: per 4/5 persone
Tempo totale di preparazione: 1 ora e 30 + il tempo della marinatura a secco

IngredientiRicetta Coniglio alla ligure, gli ingredienti

  • 1 coniglio disossato
  • 1 etto di lardo (abbiamo usato il lardo della Valsesia)
  • 10 noci
  • 50 grammi di olive taggiasche
  • 1 spicchio d’aglio
  • rosmarino
  • vino bianco
  • olio evo della riviera ligure
  • sale q.b.

Per la marinatura a secco

  • Rosmarino;
  • timo;
  • 1 cucchiaio di aglio in polvere;
  • 1 cucchiaio di pepe macinato;
  • 1 cucchiaio di sale;
  • pellicola trasparente;
  • spago da cucina.

Preparazione carne

Allargare su un tagliere il coniglio. Strofinare la parte interna con 2/3 delle polveri mischiate e distribuire rametti di timo e rosmarino. Arrotolare la carne, distribuendo sulla superficie il restante preparato secco e rametti di aromi (Foto n. 1). Chiudere con la pellicola trasparente, cercando di pressare bene e riporre in frigo per 5-6 ore (Foto n. 2).

Ricetta Coniglio alla ligure - Coniglio in porchetta

Trascorso il periodo di riposo, levare la carne dal frigo e tenerla a temperatura ambiente per mezz’ora. Riaprire il coniglio e togliere gli odori, lasciando qualche fogliolina di timo. Arrotolare la carne, coprire con le fettine di lardo e rametti di rosmarino. Legare bene con lo spago da cucina.

Cottura

Tritare intanto le noci con uno spicchio d’aglio.

In una pentola con coperchio rosolare a fuoco medio l’arrosto. Bagnare con un bicchiere di vino bianco e, dopo pochissimo, unire il trito di noci e aglio. Coprire e cuocere per 25 minuti, rigirando ogni tanto. Aggiungere le olive taggiasche e portare a cottura per 30 minuti circa.

Vino consigliato

Vermentino dei Colli di Luni, le cui radici probabilmente risalgono all’Impero Romano. Luni, di cui è rimasta un’ampia zona archeologica, era un fiorente porto romano.

Plinio il Vecchio scrisse “ Il vino di Luni ha la palma fra quelli dell’Etruria” (Naturalis Historia – XVI, 6, 68).

© Riproduzione vietata

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Francesca Vassallo

Persa a Genova. Genovese doc, foodblogger, moglie, mamma e un labrador, Loch.  Il mio blog, La maggiorana persa, non tratta solo di cucina ma anche di curiosità, ricordi e spunti. Le mie ricette rispecchiano la Liguria, con particolare attenzione alla qualità dei prodotti e alla loro stagionalità. Come gli antichi genovesi, però, mi appassiona rivolgere lo sguardo lontano, accostando sapori diversi. Mi piace arricchire le ricette con spunti storici.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità

va