Liguria Ristoranti

Fare colazione a Genova: 5 imperdibili indirizzi in centro

Nel capoluogo ligure tra i caruggi e le vie delta città, si incontrano locali tradizionali e nuove proposte che aiutano ad iniziare la giornata con il piede giusto

Consigli per Fare colazione a Genova
Pasticceria Don Cola a Genova (Foto © Selene Scinicariello). 

Caffè e dolcino per colazione? Il centro storico di Genova è ricco di ottimi bar dove fare colazione, ma i 5 che vi proponiamo sono, secondo noi, tappe imperdibili.

1. Fratelli Klainguti

Il bar pasticceria Fratelli Klainguti aprì per caso nel 1828, quando i due fratelli svizzeri arrivarono a Genova per imbarcarsi verso l’America. Il viaggio venne rimandato e i due iniziarono a dedicarsi alla pasticceria svizzera. Da allora questo locale di piazza Soziglia, nel cuore del centro storico, è un punto di riferimento per i più golosi della città.

Consigli per fare colazione nel centro di Genova
Pasticceria Fratelli Klainguti (Foto © Selene Scinicariello). 

Da provare a colazione? Ovviamente i Falstaff, particolari brioche la cui ricetta fu creata appositamente per Giuseppe Verdi, assiduo frequentatore di questo caffè.

Lo trovate in Piazza di Soziglia, 98 (Pagina Fecebook).

2. Pasticceria dei Caruggi

Colazione alla pasticceria dei Carruggi a Genova
L’insegna della Pasticceria dei Carruggi nel centro di Genova (Foto © Selene Scinicariello). 

A pochi passi da Piazza De Ferrari, la Pasticceria dei caruggi si trova nel centro storico di Genova. È un piccolo locale a conduzione familiare dall’aspetto semplice e genuino.

Torte, brioches, krapfen e olandesine per la colazione, ma anche torte da portare a casa: qui si trova un po’ di tutto e i più golosi saranno di certo accontentati.

Vico di S. Matteo, 5R (Pagina Facebook).

3. Panarello

Fare colazione a Genova alla Pasticceria Panarello
Panarello a Genova (Foto © Selene Scinicariello). 

È facile trovare le referenze del marchio Panarello tra gli scaffali dei supermercati, soprattutto tra quelli di Liguria, Piemonte e Lombardia. Sta di fatto, però, che quando si entra nelle caffetterie Panarello sparse per la città di Genova, l’impressione che i prodotti facciano parte della grande distribuzione svanisce immediatamente e i profumi emanano fragranze di freschezza e genuinità.

Il consiglio è quello di recarsi nel negozio di Via Galata per una colazione classica con cappuccino e panarellina, una soffice tortina che può essere farcita con zabaione o cioccolato. Una vera goduria per il palato! L’alternativa alla panarellina è il chiffero, la brioche genovese.

Via Galata, 67 (Sito Web).

4. Pasticceria Tagliafico

Pasticceria Tagliafico (Foto © Selene Scinicariello).

Poco distante da Panarello si trova la Pasticceria Tagliafico, un’altra delle eccellenze genovesi. Questa è un locale storico della città, nato dall’amore per la pasticceria e da quello per… una donna!

Giacomo Tagliafico, infatti, possedeva una Pasticceria a Buenos Aires quando, dopo essersi sposato, decise di lasciare la sua parte al socio per aprirne una tutta sua a Genova: la moglie, infatti, non si sentiva di attraversare l’oceano per raggiungere il Sud America.

Mignon e torte sono, insieme al Pandolce, il fiore all’occhiello della produzione, ma il locale ha un ottimo angolo caffettiera per una colazione a base di caffè e brioche.

Via Galata, 31, R (Sito Web)

5. Don Cola

Don Cola è un vero e proprio angolo di Sicilia a Genova. Le brioche vengono farcite con crema di pistacchio o mandorla e con confettura di agrumi siciliani. Per i più golosi, ci sono anche cannoli e cassate. Non rispecchierà la tradizione genovese, ma se si ha voglia di qualcosa di diverso questo è il posto giusto!

Don Cola è in via Cesarea 33r (Sito Web).

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter
Selene Scinicariello

Selene Scinicariello

Laureata in Lettere e in Comunicazione e Culture dei Media, amo scrivere e raccontare. Il primo viaggio l'ho fatto che avevo solo due mesi e mezzo e da allora non mi sono più fermata. Ogni esperienza è, ovviamente, accompagnata da più assaggi della cucina locale. Questo e altro lo racconto sul mio blog Viaggi che mangi.

© Riproduzione vietata
Scritto il: sabato, 13 Luglio 2019

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità