Emilia-Romagna Ristoranti

Una ROSA sospesa, bel segno di solidarietà ai tempi del Coronavirus

L’iniziativa solidale dei titolari della Trattoria La Rosa 1908, cultori dell’arte culinaria emiliana, è un gesto di umanità nei confronti delle persone in difficoltà ma anche un modo per condividere un pasto a distanza con i propri cari

Una Rosa sospesa a Ferrara
Le ultime due generazioni della famiglia Malaguti.

In questo momento storico molto particolare, in cui i luoghi di ritrovo e aggregazione sono stati completamente svuotati a causa dell’emergenza da Covid-19, tante sono le novità che hanno riguardato la vita quotidiana di noi italiani.

Per valutare la riapertura di aziende e negozi nella cosìdetta Fase 2, partita il 4 maggio, il Governo ha suddiviso le attività per rischio di assembramento, basandosi su un documento tecnico redatto dall’Inail contenente una lista delle classi di pericolo potenziale. 

Tra le realtà economiche considerate a rischio medio-alto vi sono bar e ristoranti ed è per questo motivo che dovranno aspettare qualche giorno in più per accogliere nuovamente il pubblico. In realtà, già da qualche settimana, alcuni locali si sono organizzaticon il delivery o il take away e, in quest’ultimo caso, sono stati previsti ingressi contingentati.

Nell’attesa che tornino a lavorare in maniera soddisfacente, tanti titolari e gestori di ristoranti hanno manifestato solidarietà e vicinanza alle persone che, in questi mesi, si sono trovate in difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena. Tra le iniziative più frequenti ci sono le donazioni di una spesa o di un pasto a chi ha necessità, secondo il modello del caffè sospeso in voga da anni.

Questa tradizione, ispirata a un sentimento di generosità e amicizia, ha origine da un’usanza partenopea nata dopo la Seconda Guerra Mondiale verso chi in tempi di carestia non poteva permettersi il caffè. Un atto di gentilezza che si è perpetuato nel tempo e sembra inarrestabile.

Una ROSA sospesa: il pasto sospeso della Trattoria La Rosa

I tortellini, un classico della tradizione emiliana valorizzato dalla Trattoria La Rosa 1908.

Tra le tantissime iniziative benefiche è da segnalare quella della Trattoria La Rosa 1908, che ha istituito la ROSA Sospesa. La storica trattoria, che sorge a Sant’Agostino, frazione del comune di Terre del Reno (FE), ha deciso di abbracciare la famosa usanza napoletana del caffè sospeso.

La ROSA Sospesa è nata da un’idea di don Gabriele della Parrocchia di Sant’Agostino, in collaborazione con Alessio Malaguti e il Gruppo Caritas, per dimostrare solidarietà nei confronti di coloro che soffrono la mancanza del necessario e anche per compiere un gesto di umana vicinanza verso gli affetti più cari.

L’iniziativa contempla la possibilità di poter condividere a distanza un pranzo, una cena o una bottiglia di vino da scegliere dal menù del ristorante  che si occuperà della consegna a domicilio. La ROSA Sospesa è indirizzata alle persone che versano in condizioni di difficoltà economica, sole, anziane, ammalate o a quelle care e magari lontane.

La Trattoria La Rosa 1908

Orando e Renata, fondatori del ristorante.

La storia del ristorante emiliano ha inizio nel 1908 quando i bisnonni del titolare Francesco Malaguti, Giannetto e Carolina Franciosi, decidono di aprire una locanda con posta per i cavalli e fiumi di vino per onorare la propria passione per l’ospitalità. Da sempre il fiore all’occhiello de La Rosa è il calore dell’accoglienza, un segno distintivo che assieme alla professionalità le fa guadagnare, nel 1992, la stella Michelin.

Oggi La Rosa è guidata dalla quarta generazione della famiglia Malaguti – Francesco e sua moglie Adriana – coadiuvati dalla quinta composta da Alessio e Mattia, i quali non hanno saputo “resistere” alla passione che scorre da più di 100 anni nelle loro vene.

Nel menù sempre ricercato e attuale, accanto ai grandi classici della tradizione emiliana (tortellini in brodo di gallina o manzo, tagliatelle al ragù, pollo alla cacciatora, faraona al cartoccio, ecc.) si accostano prelibatezze rare come il tartufo bianco del Bosco della Panfilia, area golenale adiacente al fiume Reno, nel comune di Sant’Agostino.

Se la magia de La Rosa si esprime attraverso la cultura della cucina, la rigorosa conoscenza delle materie prime locali, la scelta di tecniche ricercate e la professionalità, anche con l’iniziativa la ROSA Sospesa la famiglia Malaguti si conferma vicina al territorio e alla sua anima generosa, 

Nei recapiti contenuti nel sito web, sotto indicato, sarà possibile contattare il ristorante per ogni informazione sul progetto in corso.

Trattoria La Rosa 1908
Via del Bosco, 2 – Sant’Agostino (FE)
Sito web

© Riproduzione vietata

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter

Amanda Arena

Amanda Arena

«Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un’arte» è la frase di François de La Rochefoucauld che mi guida nella scelta dell’alimentazione. Laureata in Scienze Politiche, specializzata in Marketing vitivinicolo e sommelier, lavoro nella comunicazione e amo esplorare i mondi del vino e del cibo per raccontarne gli aromi, i sapori, i protagonisti e i territori.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità


Pubblicità