Alimentazione e Diete

4 frutti estivi da inserire nella dieta

Pesche e albicocche favoriscono la tintarella, l’anguria è ipocalorica e afrodisiaca, le susine mantengono giovani e proteggono dalle malattie: i frutti dell’estate sono un concentrato di virtù

Macedonia di frutta
Macedonia di frutta (Foto © DoppioQuarto).

Il consumo regolare di frutta è molto importante per mantenersi in salute nonchè per prevenire malattie cardiovascolari e il cancro. Non a caso, i nutrizionisti suggeriscono di assumere 5 porzioni al giorno di frutta e verdura di diversi colori in modo da beneficiare dei fitonutrienti specifici di ogni prodotto.

I fitonutrienti si trovano normalmente nei vegetali, hanno un importante potere antiossidante e contrastano i radicali liberi, quelle molecole prodotte dal corpo che causano l’invecchiamento di cellule e tessuti.

In estate la frutta è uno degli alimenti più graditi perché è rinfrescante e ricca d’acqua e, trattandosi anche di un alimento nutriente, è consigliabile preparare delle gustose macedonie con pesche, albicocche, anguria e susine, ad esempio. Ecco qualche utile informazione su questi 4 frutti estivi da inserire nella dieta.

Pesche e albicocche: amiche della pelle e degli occhi

Pesche e albicocche sono due dei prodotti consigliati per favorire l’abbronzatura (scopri quali sono gli altri). Il merito è del beta-carotene, un fitonutriente di colore rosso/giallo/arancio che il nostro organismo trasforma in vitamina A ed essenziale per la salute della pelle, della vista e per il regolare sviluppo delle ossa. Inoltre, tale composto organico del gruppo dei caroteni, rafforza il sistema immunitario aumentando il numero di linfociti nel sangue.

Pesche, il frutto estivo che fa bene
Pesche, ricche di vitamine e beta-carotene (Foto © DoppioQuarto). 

Il beta-carotene riduce il rischio di scottature dovute all’esposizione solare ma non protegge la pelle dai raggi UV pertanto, se è utile incrementare il consumo di pesche e albicocche almeno un mese prima della partenza, non va tralasciato l’uso di una buona crema solare protettiva.

Un’eccessiva assunzione di beta-carotene si nota dal colorito arancione assunto dai palmi di mani e piedi ma il sintomo scompare riducendo il consumo degli alimenti che lo contengono.

Sempre in tema di carotenoidi, pesche albicocche contengono la luteina e la zeaxantina che fungono da protezione solare per gli occhi; le due sostanze filtrano le radiazioni solari come se fossero occhiali da sole e proteggono le cellule nervose dai danni causati dalla luce.

Dal punto di vista nutrizionale, pesche e albicocche sono pieni di vitamine A, C, gruppo B e sali minerali ma le pesche hanno un contenuto calorico più basso: per ogni 100 grammi di prodotto, apportano 39 kcal a fronte di 48 kcal delle albicocche.

4 frutti estivi da inserire nella dieta: le albicocche
Albicocche: sono più caloriche delle pesche (Foto © DoppioQuarto). 

Per le albicocche non esistono particolari controindicazioni, a parte possibili reazioni allergiche individuali, mentre il nocciolo delle pesche contiene l’amigdalina, una sostanza nociva per la flora batterica.

Anguria: il frutto rinfrescante, ipocalorico e afrodisiaco

Tra i 4 frutti estivi da inserire nella dieta, sicuramente l’anguria rappresenta l’immagine per eccellenza delle tavole di questa stagione. Le  peculiarità che la distinguono sono essenzialemente tre:

  1. il suo elevato contenuto di acqua
  2. il bassissimo apporto di calorie
  3. l’alto contenuto di sali minerali.
Anguria
Anguria, fresca e afrodisiaca (Foto © DoppioQuarto). 

Il 95% di acqua presente nell’anguria è utile per mantenersi idratati d’estate; i sali minerali (soprattutto fosforo, magnesio, potassio) contribuiscono a reintegrare quelli persi per effetto della sudorazione.

Un altro elemento che rende l’anguria molto apprezzata è il fatto che sia ipocalorica (30 kcal ogni 100 grammi) e quindi ideale per non ingrassare. Anche questo frutto apporta vitamine, soprattutto la C, beta-carotene e licopene, antiossidante contenuto anche nei pomodori.

Una curiosità sull’anguria è la sua funzione afrodisiaca dovuta alla citrullina, un amminoacido che mantiene elastiche le pareti delle arterie influendo positivamente sulla pressione sanguigna e sulla disfunzione erettile. Adesso che lo sapete, potete riempire i frigoriferi del goloso cocomero.

Semi di anguria: fanno bene, ma non esageriamo

I semi dell’anguria fanno bene alla salute quindi se siete abituati a scartarli, sarebbe meglio ripensarci. Ricchi di minerali e acidi grassi (soprattutto Omega 6), influiscono sul corretto funzionamento del sistema cardiocircolatorio; il contenuto di fibra, invece, ha effetti positivi sull’apparato digerente. Tuttavia è consigliabile non esagerare con il consumo perchè, soprattutto se masticati, possono provocare diarrea, stipsi e nei casi più gravi appendicite.

Le susine e il loro contributo al sistema immunitario

Il termine susina si riferisce al frutto fresco, mentre “prugna” è quello essiccato ma la differenza non è solo etimologica. Susine e prugne hanno diverse proprietà nutrizionali, 100 grammi di susine apportano circa 46 kcal ma quando il frutto subisce l’essiccazione o eliminazione di parte dell’acqua, tutte le sostanze nutritive (compresi gli zuccheri) si concentrano e anche il contenuto calorico è più elevato a parità di peso.

4 frutti estivi da inserire nella dieta: susine
Susine: contengono antociani, minerali e vitamine (Foto © DoppioQuarto). 

Il colore viola rivela la presenza degli antociani, potenti antiossidanti utilissimi per il corretto funzionamento del sistema immunitario, delle ossa e per la regolare formazione di collagene. La presenza di minerali come magnesio, calcio e fosforo, rende le susine adatte nei casi di spossatezza frequente nella bella stagione.

Ottimo anche il loro contenuto di vitamine A, C e del gruppo B. Tralasciando il fatto che sono considerati frutti mediamente calorici, uno degli aspetti da tenere in considerazione è l’alto contenuto di fibre che dona loro un effetto lassativo ed è per questo che è meglio non abusarne.

Ora che abbiamo indicato i pro e i contri di questi 4 frutti estivi, siete pronti ad una buona macedonia?

Articolo a cura di Valentina Iatesta

© Riproduzione vietata

Print Friendly, PDF & Email

Redazione

Redazione

La squadra di redazione de La Gazzetta del Gusto è ricca di professionisti della comunicazione, blogger, esperti di alimentazione e di cucina. Ognuno apporta un contribuito unico grazie a personalità ed esperienze eterogenee.

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità