Libri, Guide, Riviste

Guida Michelin: presentata a Piacenza l’edizione 2020

Una cattedra che suscita sempre ansie, speranze e attese e anche quest’anno ha ridisegnato l’Italia gastronomica tra sorprese, conferme e polemiche

Guida Michelin 2020La guida Michelin è la guida per eccellenza, nata per consigliare ai viaggiatori le soste lungo il loro percorso. È la guida che suscita sempre ansie, speranze e attese.

Anche quest’anno, la Rossa ridisegna l’Italia gastronomica, tra Bib Gourmand (locali nei quali è possibile gustare un pasto completo a non più di 35 euro), piatti, segnalazioni e le famose “stelle”. Presentata il 6 novembre a Piacenza, l’edizione del 2020 suggella – per il terzo anno consecutivo – l’ingresso di un bistellato nell’olimpo delle “tre stelle”, mentre assegna due stelle a due ristoranti e una stella a diversi locali distribuiti lungo la Penisola.

Guida Michelin 2020: chi sono i nuovi stellati italiani

La Lombardia è la regione più stellata, con 6 novità e ben 62 ristoranti (3***, 5**, 54*). Il Piemonte, con 4 new entries, è sempre in seconda posizione, con 46 ristoranti (1***, 4**, 41*), mentre la Campania, con 6 novità, si colloca al terzo posto del podio, con 44 ristoranti (6** 38*). Seguono: Toscana, con 6 novità, per un totale di 40 ristoranti (1*** 4** 35*), e Veneto, a quota 37, con due novità (1*** 4** 32*).

Confermano Una delle Due Stelle:

  • Al Sorriso (Soriso, NO)
  • Locanda Don Serafino (Ragusa)
  • Vissani (Baschi, TR)
  • Locanda Margon (Ravina, TN)

Perdono la stella:

  • I due buoi (Alessandria)
  • San Marco (Canelli, AT)
  • Pomiroeu (Seregno, MI)
  • La locanda del notaio (Pellio Intelvi)
  • Locanda stella d’oro (Soragna, PR)
  • Poggio Rosso (Castelnuovo Berardenga, SI)
  • Winter Garden by Caino (Firenze)
  • Relais Blu (Massa Lubrense, NA)
  • Mosaico (Ischia, NA)
  • Vairo del Volturno (Vairano Patenora, CE)
  • Caffè Les Paillotes (Pescara)
  • La sponda (Positano, SA)
  • Alpes (Sarentino, BZ)

Nuovi Una Stella:

  • Da Gorini – Gianluca Gorini (Bagno di Romagna, FC)
  • Iacobucci – Agostino Iacobucci (Castel Maggiore, BO)
  • Apostelstube – Mathias Bachmann (Bressanone, BZ)
  • L’Asinello – Senio Venturi (Castelnuovo Berardenga, SI)
  • Santa Elisabetta – Rocco De Santis (Firenze)
  • Gucci Osteria da Massimo Bottura – Ana Karime Lopez Kondo (Firenze)
  • Virtuoso – Tenuta Le tre virtù – Antonello Sardi (Scarperia/Lucigliano, FI)
  • Lunasia – Luca Landi (Viareggio, LU)
  • Petit Royal – Paolo Griffa (Courmayeur, AO)
  • Glicine – Giuseppe Stanzione (Amalfi, SA)
  • Monzù – Luigi Lionetti (Capri, NA)
  • La Tuga – Adriano Dentoni Litta (Ischia, NA)
  • George Restaurant – Domenico Candela (Napoli)
  • Il Flauto di Pan – Lorenzo Montoro (Ravello, NA)
  • Josè Restaurant – Tenuta Villa Guerra – Domenico Iavarone (Torre del Greco, NA)
  • Idylio by Apreda – Francesco Apreda (Roma)
  • Atelier – Giorgio Bartolucci (Domodossola, VB)
  • Fre – Bruno Melatti (Monforte d’Alba, CN)
  • Condividere – Federico Zanasi (Torino)
  • Casamatta – Pietro Penna (Manduria, TA)
  • Memorie di Felix Lo Basso – Felice Lo Basso (Trani, BT)
  • Otto Geleng – Roberto Toro (Taormina, ME)
  • Zash – Giuseppe Raciti (Riposto, CT)
  • Impronte – Cristian Fagone (Bergamo, BG)
  • L’Aria – Vincenzo Guarino (Blevio, CO)
  • Villa Naj – Alessandro Proietti Refrigeri (Stradella, PV)
  • L’Alchimia – Davide Puleio (Milano)
  • IT Milano – Aldo Ritrovato (Milano)
  • Storie d’amore – Davide Filippetto (Borgoricco, PD)

Nuovi Due Stelle:

  • Glam Enrico Bartolini – Donato Ascani (Venezia)
  • La Madernassa – Michelangelo Mammoliti (Guarene, CN)

Enrico Bartolini, al Mudec, guadagna la Terza Stella.

Appena chiusa la presentazione, tra il light lunch e la cena, riparte il toto-stella, mentre gli chef premiati si godono, a ragione, il meritato traguardo.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter
Manuela Mancino

Manuela Mancino

Il segugio scopritore. Quasi vent’anni di passione trascorsi tra territori e ricerca. Curiosità e desiderio di conoscenza mi hanno portato ad approfondire il mondo del food con corsi di sommelier, degustazione e tecnico di olio e olive da mensa, birra, salumi, formaggi e acqua. Lasciarsi guidare da profumi e sapori e ricercando l’anima più profonda di ogni “frutto” degustato. Questa la mia filosofia!

© Riproduzione vietata
Scritto il: giovedì, 7 Novembre 2019

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità