Secondi

Cozze panate su crema di cavolfiore, ricercatezza e semplicità

Quante volte vi è capitato di voler sorprendere con un piatto ma temete di non essere capaci? Con questa ricetta cambierete idea…

Una ricetta sofisticata ma preparata con ingredienti poveri e facilmente reperibili. Portare in tavole le cozze panate su crema di cavolfiore sarà un sicuro successo soprattutto per chi ama questi mitili e la cosa incredibile è che può cucinare il piatto anche chi non è particolarmente esperto ai fornelli. Il consiglio è solo quello di prestare attenzione al procedimento e poi all’impiattamento.

Il punto di forza della ricetta è il connubio di varie consistenze; la croccantezza del crumble e delle cozze panate, infatti, si sposa benissimo con la morbidezza della crema di cavolfiore mentre l’olio vanigliato conferisce un aroma insolito.

Una ricetta arrivata in TV a “2 Chiacchiere in cucina”

Ho preparato questa ricetta nella trasmissione “2 Chiacchiere in cucina“, un programma in onda su 7 Gold. In ogni puntata, un ospite si esibisce nella preparazione di un piatto insieme alla conduttrice Ilenia Bazzacco, finalista della prima edizione di Masterchef.

È stata una bellissima esperienza e, se volete dare un’occhiata, vi riporto il video della puntata.

 
Dosi:
1 persona
Difficoltà:
Facile
Costo:
Basso
Tempo:

30 minuti

Tempo Cottura:

5 minuti

 
 
Forno:

Statico a 180° C

Dosi:
1 persona
Difficoltà:
Facile
Costo:
Basso
Tempo:

30 minuti

Tempo Cottura:

5 minuti

Forno:

Statico a 180° C

Per le cozze

  • 1 confezione e di cozze, anche surgelate per praticità
  • 1 uovo
  • 3 cucchiai di farina
  • 1 bottiglia di birra bionda (per la pastella)
  • sale e pepe q.b.

Per il cavolfiore

  • 1 cavolfiore
  • brodo vegetale

Per l’olio alla vaniglia

  • 1 bacello di vaniglia
  • 100 ml di olio extravergine di oliva

Per la guarnizione

  • 100 grammi di pistacchi sgusciati
  • 1 arancia

Per il crumble

  • 30 grammi di farina
  • 40 grammi di gherigli di noce
  • 20 grammi di burro
  • paprika forte
  • maggiorana fresca.

  1. Preparate la pastella con farina, l’uovo, il sale e il pepe, il tutto annaffiato dalla birra, in quantità necessaria per avere una doratura più o meno croccante. Più birrà si utilizza più leggera risulterà la pastella mentre lesinando sulla birra otterremo una maggiore croccantezza
  2. Immergete le cozze nell’olio ben caldo e friggetele fino a quando non diventeranno ambrate
  3. Per il crumble, unite tutti gli ingredienti in una ciotola e mescolare fino a formare un composto compatto ma allo stesso tempo che possa sbriciolarsi
  4. Stendere il crumble su una teglia e infornare per 5 minuti a 180 gradi, fino ad ottenere una leggera doratura
  5. Per la crema di cavolfiore, tagliarlo a piccoli pezzi, bollirlo nel brodo vegetale e scolarlo. Frullarlo per ottenere una purea liscia e vellutata, aggiungere il brodo vegetale a seconda della consistenza e liquidità che volete ottenere
  6. L’olio alla vaniglia è di facilissima preparazione. Usando il dorso di un coltello, grattare i semi dal bacello e posizionarli in una piccola scodella, unire l’olio d’oliva e mescolare, lasciando poi riposare il tutto per un’ora in modo che si aromatizzi
  7. Per l’impiattamento, adagiare il crumble sul fondo del piatto, versate la crema di cavolfiore in modo da coprirlo totalmente, posizionare le cozze delicatamente al di sopra e versare un filo d’olio alla vaniglia; infine guarnite con qualche fogliolina di maggiornana, i pistacchi e zest di arancia.

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati alla nostra newsletter
Stefano Zulian

Stefano Zulian

Fashion Gourmand - Imprenditore, fashion e lifestyle blogger, creativo e gran sognatore, cresciuto a pane, burro e zucchero per merenda. Ho sempre considerato il cibo uno dei piaceri della vita; mangio di tutto e tutto mi piace, non capisco le persone che all’estero scelgono pizza o pastasciutta invece di provare i piatti tipici. Il cibo non è solo un nutrimento per il corpo ma anche per l’anima, deve emozionare non solo a livello di gusto e di olfatto ma, da esteta quale sono, anche a livello visivo.

© Riproduzione vietata
Scritto il: venerdì, 22 Febbraio 2019

GdG Channel

Categorie

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità